Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 03 Febbraio 2023

Diritti delle donne: Claudia Conte alla Festa del cinema di Roma

L’attivista per i diritti delle donne e imprenditrice culturale Claudia Conte torna protagonista alla Festa del Cinema di Roma con la sesta edizione del premio Women In Cinema Award, che valorizza le eccellenze femminili e promuove la gender parity.

Il WiCA 2022 è dedicato a tutte le donne iraniane che con lo slogan “Zhen, Zhian, Azadi!”, “Donna, vita, libertà” protestano per Mahsa Amini, Hadis Najafi, Nika Shakarami e tutte le altre vittime, contro la feroce repressione del regime.

 La sesta edizione di Women in Cinema Award, patrocinata dal Ministero della Cultura e da Roma Capitale, si terrà domenica 16 ottobre all’Acquario Romano – Casa dell’Architettura.

 Sarà presente la mediatrice culturale Parisa Nazari. Si alterneranno sul palco per ritirare il prestigioso riconoscimento: le cantautrici Elodie ed Arisa, la Direttrice di Rai Fiction Maria Pia Ammirati, la scrittrice Chiara Francini, il regista Giuseppe Piccioni, l’attrice Lunetta Savino.

 “La rivoluzione è delle donne.

Il mio body painting è una protesta contro le barbare e ingiuste uccisioni delle sorelle iraniane   che con coraggio lottano per la libertà. Questo accade in Iran, come in Afghanistan, India e tanti Paesi in cui molti diritti civili, non solo femminili, sono negati brutalmente. L’occidente non può più tacere”.

Queste le sue parole mentre, in un abito di Alberta Ferretti e una parure di Daverio1933, sfilava sul red carpet imbrattata di vernice sul corpo con i colori della bandiera iraniana e la scritta “Women Life Freedom”.

La Conte dimostra ancora una volta sostegno alle donne che vedono private i loro diritti e a novembre sarà promotrice della mostra Women For Justice nell’ambito dell’iniziativa del Comune di Roma L’isola che non c’era proprio per dare voce alle donne profughe costrette alla fuga dai regimi totalitari.

 

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI