Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 02 Dicembre 2021

Concluso con successo l'evento "Carlotta Bolognini, cinema anno d'oro"

A Roma una cerimonia di premiazione all'insegna dei ricordi e delle emozioni ha chiuso la II edizione dell'evento cinematografico “Carlotta Bolognini, Premio Cinema Anni d’Oro” in occasione del ventennale della scomparsa del regista Mauro Bolognini.
L’evento, che ha visto la partecipazione di moltissimi nomi del mondo dello spettacolo, del grande e piccolo schermo, della moda e della musica si è svolto nella splendida cornice dell’Hotel Imperiale di via Veneto e, per una notte, la tanto nota “Dolce vita” è tornata ad animare il cuore pulsante della Capitale, nel rigoroso rispetto delle normative vigenti sul Covid.
Il “Carlotta Bolognini, Premio Cinema Anni d’Oro”, voluto fortemente dalla Bolognini, ideatrice, presidente del Premio e direttrice artistica, nonchè nipote del regista e realizzatrice del designer dei trofei di premiazione, ha avuto come supervisore all’organizzazione il manager ed imprenditore pugliese Vincenzo Frigulti, noto nel mondo delle Startup della Ricerca & Sviluppo, ma soprattutto nel Marketing Strategico Territoriale, nonchè Direttore Marketing & Commerciale presso 24orenews & Italia da Gustare.
Carlotta Bolognini e Vincenzo Frigulti sono stati supportati dallo staff dirigenziale della struttura ricettiva che fa parte del Gruppo Omnia Hotels.
La serata, che ha avuto come madrina Anna Fendi, figura di punta della moda e stilista dell’omonimo brand anche - come affermato da Carlotta Bolognini - cara amica di zio Mauro, come tutte le altre sorelle, che curò la cappa di ermellino bianca indossata da Isabelle Huppert in “La vera storia della signora delle camelie" con la collaborazione del Premio Oscar Piero Tosi.
L’icona della moda è stata presentata dalla simpatica e brava attrice Yassmin Pucci, figlia di Farah Arvand e nipote dell'ultimo Shah, Mohammad Reza Pahlavi, che indossava un elegante abito verde bottiglia realizzato dalla stilista Cinzia Diddi, e dal giornalista, storico, scrittore, critico cinematografico e docente universitario Fabio Melelli.
Dopo i saluti e i ringraziamenti di rito, la cerimonia è entrata nel vivo con le premiazioni e con l’alternarsi sul palco di personaggi noti che hanno ricordato con affetto, aneddoti e ricordi commoventi il regista Mauro Bolognini.
Subito dopo sono stati proiettati i video di Massimo Ranieri, Ottavia Piccolo e Claudia Cardinale che, non potendo essere presenti, hanno voluto comunque rendere omaggio a quello che per loro non era solo un collega, un datore di lavoro ma un amico, un fratello, un uomo.
La bella Yassmin ha chiamato sul palco Anna Fendi, stilista ed imprenditrice italiana di un marchio riconosciuto in tutto il mondo, che ha vinto svariati premi ed è stata la prima donna italiana a ricevere nel 2011 il premio Hall of Fame.
Anna Fendi ha ricevuto il trofeo direttamente dalla mani di Carlotta Bolognini. A seguire, è stato conferito il riconoscimento al Premio Oscar Gabriella Pescucci, una fra le maggiori costumiste italiane, che ha lavorato con i più grandi registi che hanno fatto la storia del cinema, affiancata da Dino Trappetti, in rappresentanza della Casa Tirelli, azienda che dal 1964 da vita all’immagine del grande schermo a livello mondiale; senza ombra di dubbio, con Sartoria Tirelli lavorano i costumisti più importanti del mondo.
Quindi, è stata la volta di Giovanni Cimmino De Laurentiis, il quale ha ricordato il regista non solo sotto il profilo personale, ma anche umano, raccontando la passione di Mauro Bolognini per la buona cucina.
In ricordo di Gabriele Ferzetti sono stati proiettati alcuni spezzoni di celebri film e a consegnare il premio alla signora Claudia Ferzetti è stato il compositore, musicista, autore di colonne sonore italiane Fabio Frizzi, mentre per ricordare Carlo Franci è stato proiettato uno spezzone di "Aida alle piramidi". A ritirare il premio è stata la figlia Raffaella Franci.
Premiato anche Adolfo Celi; ha ritirato il premio, consegnato dal direttore della fotografia Blasco Giurato, la figlia Alexandra che, dopo aver visto alcuni spezzoni delle più celebri pellicole del padre ha sottolineato che era un uomo stupendo e sensibile, nonostante l’aspetto imponente e burbero.
Premiata da Saverio Vallone la simpaticissima Cristiana Lionello come miglior doppiatrice. La Lionello era accompagnata dal fratello Fabio Luigi. Subito dopo, a salire sul palco è stato Roberto Chevalier, premiato da Anna Fendi per il film ‘Giovani mariti’.
All’evento non poteva mancare l’attore Fabio Testi premiato da Carlotta Bolognini per il film “L’eredità Ferramonti”. Anche lui, evidentemente commosso, ha voluto ricordare l’amico Mauro Bolognini.
Ad essere chiamato sul palco anche Luigi Diberti, che ha ricevuto il premio da Carlotta Bolognini per i film “Metello”, “Libera, amore mio!” e “Imputazione di omicidio per uno studente".
A ritirare la targa della scorsa edizione, dalle mani del Maestro d’armi Renzo Musumeci Greco, che ha curato tantissimi spettacoli teatrali, opere liriche e film, per Amedeo Nazzari la figlia Evelina.
Una targa è stata consegnata a Francesco Terrone fondatore di Sidelmed Spa società di ingegneria che si occupa di sicurezza, medicina e formazione del lavoro, nonchè poeta.
Premiato, inoltre, il Manager e Imprenditore pugliese Vincenzo Frigulti, che ha ricevuto il riconoscimento da Carlotta Bolognini, splendida nel suo completo dorato realizzato da Cinzia Diddi.
A Massimo Ranieri, invece, che non è potuto essere presente, consegnerà il premio Carlotta Bolognini a giorni, non appena rientrerà da Napoli.
I film premiati:
“Giovani mariti” del 1958
“Un bellissimo novembre” del 1969
“Metello” del 1970
“Imputazione di omicidio per uno studente” del 1972
“Libera, amore mio!” del 1975
“L’eredità Ferramonti” del 1976
“Aida alle piramidi” del 1987 opera
“Premio Carlotta Bolognini, Cinema Anni d’Oro”
per “Giovani Mariti” del 1958 a Roberto Chevalier,
per “L’eredità Ferramonti” del 1976 a Fabio Testi,
per “Metello” del 1970, “Imputazione di omicidio per uno studente” 1972 e “Libera, amore mio!” del 1975 a Luigi Diberti.
“Premio Carlotta Bolognini, Cinema Anni d’Oro” ha ritirato il premio la Ditta Tirelli che è stata presente con il Presidente Dino Trappetti, intervenuto con il premio Oscar Gabriella Pescucci.
“Premio Carlotta Bolognini, Cinema Anni d’Oro” in ricordo di “Un bellissimo novembre” con Gabriele Ferzetti; per “Libera, amore mio” ad Adolfo Celi; per “Aida alle piramidi” a Carlo Franci.
“Premio Carlotta Bolognini, Cinema Anni d’Oro” alla carriera Presidente Centro Studi Silvana Mangano produttore esecutivo discografico consulente musicale cinema a Giovanni Cimmino De Laurentiis;
alla carriera per la voce di “….Sharon Stone”, Cate Blanchett, Michelle Pfeiffer, Meg Ryan, Jiulia Roberts, Romy Schneider, a Cristiana Lionello.
Al termine della premiazione, l’evento si è spostato nelle sale adiacenti e anche all’esterno dell’Hotel Imperiale, in un delizioso gazebo in vetro dove, tra ricordi ed emozioni, si è brindato alla memoria del grande regista Mauro Bolognini.
Il “Carlotta Bolognini, Premio Cinema Anni d’Oro” si lega al prestigioso “Premio APOXIOMENO” e “Police International Award Festival 2021” in corso dal 13 settembre scorso nelle colline di Arezzo, precisamente a Monte San Savino ed organizzato dall’ex Colonnello dei Carabinieri Orazio Anania presidente della Apoxiomeno Award - I direttori della fotografia AIC.
Si ringraziano per il supporto all’evento in qualità di Sponsor il Gruppo A.C. LOGISTIC della Famiglia Colicci e la DEVA Società veneta del Gruppo siQur S.P.A. Tra gli sponsor anche l’avvocato Antonella Vario, vice direttore generale Confartigianato, INAPA.
Ringraziamenti, inoltre, al Direttore dell’albergo Alessio D’Annibale, al Direttore commerciale Daniela Baldelli, il gruppo OMNIA Hotels e all’Hotel Imperiale società che fa capo a Riccardo e Francesco Lazzarini e a tutto lo staff nonchè al Maestro orafo Ciro Del Ferraro che ha realizzato i premi. Ciro Del Ferraro è uno degli orefici che viene spesso chiamato per realizzare i premi nelle più importanti manifestazioni e festival ed un ringraziamento particolare anche alla Videomaker Shirin Kyanvash per il prezioso supporto.
L’evento ha i patrocini di:
Centro Mauro Bolognini, Autori Italiani di Cinematografia, L’annuario del Cinema Italiano & Audiovisivi, Centro Studi Silvana Mangano, l’Associazione Culturale APS Occhio dell’Arte, Archivio Storico del Cinema Italiano, CameraWorKs, International Award Apoxiomeno.
Le foto pubblicata con questo articolo è stata realizzata da Marco Bonanni.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI