Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 06 Luglio 2020

La Grecia e la Mitologia Greca

Dopo il debutto trionfale a Milano il 26 ottobre e la meritatissima standing ovation di Roma lo scorso 30 ottobre, ora la tournèe  del M°Alexandros Kapelis riparte da Vicenza dove mercoledì 3 novembre si esibirà nel meraviglioso Teatro Olimpico prima di proseguire con le date di Firenze e Palermo

Riconosciuto per le sue "esecuzioni scintillanti" (Washington Post) e per "le sue capacità virtuosistiche senza alcuna concessione al pubblico né a sentimentalismi decadenti" (Diari de Balears, Spagna), Alexandros Kapelis presenta per il suo debutto in Italia l’acclamato programma "I Miti Greci:

La vasta ricchezza del mito greco, con le sue superbe esplorazioni filosofiche, ha esercitato un'influenza inevitabile sui grandi artisti di ogni epoca. Le arti visive e la letteratura sono state le più vulnerabili al fascino, la trascendenza e il carattere universale del mito greco. Allo stesso modo la Lirica, fin dai suoi inizi, è stata marcata dalle sue archetipiche figure eroiche e tragiche.  In modo meno evidente, ma ugualmente notevole, la musica "pura" o "assoluta" non è stata immune allo spirito dell'Antichità Classica, la quale ha pervaso il repertorio pianistico. 
Con opere di Rameau, Clementi, Liszt, Debussy, Kostantinidis e Hadjidakis, questo programma trova la sua prima ispirazione nella Grecia e nella sua mitologia.

Al Veneto dedica ben tre tappe: due a Venezia, la città che lo ospita da meno di un anno su invito della Fondazione Malipiero con la nomina di Artist Residente e una a Vicenza.

Di padre greco e madre Peruviana, Kapelis trascorre a New York la maggior parte della sua vita adulta, dove all'inizio della sua carriera viene riconosciuto dall'International Press Service-IPS come "uno dei più promettenti giovani musicisti classici di ogni nazionalità in attività a New York al momento."

Ospite durante varie edizioni del Progetto Martha Argerich a Lugano, Kapelis ha collaborato con artisti quali Mischa Maisky, Juri Bashmet, Renaud Capuçon, e la grande Martha Argerich.  Nelle parole della stessa Argerich, Kapelis "non ha eguali per Rachmaninov e suona i classici con un gusto stupefacente." (Classica No. 169; Parigi, Febbraio 2015).

"Kapelis si è buttato vigorosamente nel gaudio selvaggio dell'Ile Joyeuse di Claude Debussy, e ha cesellato in modo esperto la posatezza delle sue Danzatrici di Delfi."
THE WASHINGTON POST (Washington, D.C.)

"Una rarità nella sua generazione, Kapelis suona in modo espressivo ed evocativo." INTERNATIONAL PRESS SERVICE- IPS (New York)

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI