Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 22 Settembre 2021

Santa Severina - Il trio …

Set 10, 2021 Hits:848 Crotone

Le Colonne d’Oro di Affid…

Ago 02, 2021 Hits:2629 Crotone

Maslow: non sapevo di ess…

Lug 13, 2021 Hits:2200 Crotone

Al Ministro Franceschini …

Lug 05, 2021 Hits:2143 Crotone

A Santa Severina Chopin e…

Giu 25, 2021 Hits:1729 Crotone

Michele Affidato insignit…

Giu 25, 2021 Hits:1357 Crotone

Scaramuzza: concluso un p…

Giu 25, 2021 Hits:1267 Crotone

Scaramuzza: si è svolto a…

Giu 19, 2021 Hits:1519 Crotone

Aperta la "Primavera teatrale ragusana"

teatro danza 1

 

Un intimissimo spettacolo di teatro-danza con protagonista Giovanna Amarù ha aperto sabato sera il primo dei tre appuntamenti della “Primavera Teatrale Ragusana”, l’appendice della stagione “Teatro d’Attore” al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla. Le luci soffuse evidenziano le fiammelle delle candele che disposte sul palco segnano il percorso della trasfigurazione asinina che la ballerina-coreografa mette in scena all’interno della sua creazione artistica che è studio e stratigrafia del corpotempo. Il tempo è la porta per passare ai vari stadi progressivi del divenire, per cambiare la figura, per realizzare la trasfigurazione secondo una cronologia musicale e dei movimenti scenici che prendono a prestito il simbolismo letterario dell’asino fino a far emergere la “pelle d’anima”, lungo una peregrinazione terrestre che porta alla metamorfosi. Vincitrice di numerosi festival, la Amarù, che ha anche fondato la Compagnia Nuda Veritas, ha saputo enfatizzare i delicati passaggi della storia con i suoi fluidi movimenti e con l’uso di maschere e oggetti scenici molto particolari. Una prima “sperimentazione” per la “Primavera Teatrale Ragusana” che è piaciuta al pubblico e che ha dunque premiato le scelte operate dalla direzione artistica di Costanza e Vicky Di Quattro con la consulenza artistica dell’attore e regista Carlo Ferreri. Si prosegue con altri due spettacoli: il teatro di narrazione, sabato 20 aprile, con “Le figlie del sellaio” di e con Alessandro Conte, per concludere, con il teatro civile, sabato 4 maggio con “Un uomo qualunque”, di e con Francesco Di Lorenzo.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI