Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 15 Novembre 2019



"Siamo davanti a un momento decisivo per la Spagna. Il nuovo governo dovrà gestire la congiuntura più delicata che il Paese abbia conosciuto negli ultimi 30 anni. Abbiamo davanti a noi un compito immenso: non ci saranno miracoli". Lo ha detto questa sera il vincitore delle politiche spagnole, leader del Pp, Mariano Rajoy. "Voglio ridare agli spagnoli l'orgoglio di esserlo" ha detto Rajoy dal balcone del palazzo alle migliaia di militanti in festa riuniti per strada e che intonavano "Viva Espana".
 
Il Partido Popular di Mariano Rajoy ha conquistato la maggioranza assoluta nel congresso dei deputati di Madrid secondo i dati praticamente definitivi (99%) del ministero degli interni, con 186 seggi su 350. Il Psoe di Alfredo Rubalcaba ottiene il 28,7% e 110 seggi, il suo peggiore risultato dalla fin del franchismo.

Questi i dati praticamente definitivi delle elezioni spagnole diffusi dal ministero degli interni, dopo lo spoglio del 99% delle schede: Pp - 44,6% e 186 deputati su 350 (39,9% - 154 seggi nel 2008) Psoe - 28,7% e 110 seggi (43,87% - 169 seggi) Ciu - 4,19 e 16 seggi (3,03% - 10) Iu - 6,93% e 11 deputati (3,77% - 2) Amaiur - 1,39% e 7 seggi (non presente nel 2008) Upyd - 4,72% e 5 deputati (1,19% - 1) Pnv - 1,35% e 5 seggi (1,19% - 6) Erc - 1,06% e 3 seggi (1,16% - 3) Bng - 0,71% e 2 seggi (0,83% - 2) Cc - 0,57% e 2 seggi (0,68% - 2) Compromis - 0,52% e 1 (0,12% - 0) Fac - 0,41% e 1 seggio (non presente) Bai - 0,17% e 1 seggio (0,24% - 1).

 
"La prima cosa che farò domenica sera se vinco? Telefonerò a mio padre in Galizia, ha 90 anni e gli voglio molto bene". Dopo 7 anni di 'modernismo' zapateriano - gli avversari dicono 'frivolita'' - sulla Moncloa si affaccia ora con Mariano Rajoy la Spagna più tradizionale. Come il suo avversario Rubalcaba, il leader popolare che i sondaggi danno come molto probabile nuovo premier è un veterano del Palazzo madrileno, un politico di vecchio stampo. E' stato ministro e portavoce del governo con José Maria Aznar, che nel 2004 lo ha designato suo successore.

Anche nel 'look', barbuto come Rubalcaba, è come lui più comodo nell'idea e nella sostanza che nella politica immagine, al contrario del 'grande comunicatore' Zapatero. "Sono Mariano Rajoy, spagnolo e galiziano, nato a Santiago di Compostela 56 anni fa" annuncia nella sua autobiografia appena uscita. Galiziano si sente fino alla punta delle dita. Cattolico e uomo di famiglia, in apparenza più tenace - è stato battuto nel 2004 e nel 2008 da Zapatero ma non ha rinunciato - che brillante, gli avversari lo trovano 'grigio', dotato di humor ma non aggressivo, moderato e uomo di compromesso. Di lui la campagna elettorale ha dato una immagine di 'forza tranquilla' in grado di dare al paese il "cambio" di cui ha bisogno dopo i travagliati anni Zapatero.

Trainato dal netto vantaggio nei sondaggi fin dall'inizio, ha fatto una campagna prudente, evitando di prendere impegni troppo netti, in previsione delle scelte lacrime e sangue che dovrà fare se vince per salvare il paese sul bordo del precipizio del debito. Rubalcaba lo ha accusato di nascondere "un programma occulto". Grazie al solido appoggio della moglie Elvira 'Viri' Fernandez ha superato momenti molto difficili. La sconfitta imprevista alle politiche del marzo 2004 dopo i massacri dei treni di Madrid, e di nuovo quella nel 2008 contro Zapatero, che aveva scatenato una rivolta interna nel Pp, guidata dalla 'dama di ferro' Esperanza Aguirre. "C'é chi non mi ha appoggiato nel partito. Non abbiano timori - li rassicura oggi - ho dimenticato tutto".

Negli anni di opposizione la stampa madrilena - forse anche con un po' di snobismo verso il 'provinciale' galiziano - non lo ha molto amato accusandolo di esser noioso, incerto, restio alle decisioni difficili. "Non sono né vago né indeciso, ma mi piace riflettere prima di agire" ha spiegato a La Vanguardia. Gli omosessuali temono che rimetta in discussione la legge sui matrimoni gay. Lui ha detto che preferirebbe le 'unioni civili' ma non ha chiarito che cosa farà."E se suo figlio le dicesse, 'Papa', sono gay e voglio sposarmì?" gli ha chiesto La Vanguardia. "Lo appoggerei". Cammina un'ora al giorno, come Rubalcaba è tifoso del Real (Zapatero fa jogging ed è del Barca), guarda le partite in tv. E il piccolo schermo, dice, deve "se non formare, almeno non deformare".

"Abbiamo perso chiaramente queste elezioni" ha ammesso il candidato premier socialista Alfredo Rubalcaba in un intervento di 4 minuti davanti alla stampa e ai militanti nella sede del Psoe. "Il Pp ha vinto ampiamente" ha aggiunto il leader socialista. Rubalcaba ha poi fatto sapere di avere chiamato il leader del Pp Mariano Rajoy per congratularsi con lui per la vittoria e ha detto di avere chiesto al segretario generale del Psoe - il premier uscente José Luis Zapatero - di convocare presto un Congresso ordinario.

 

Avviandoci verso la fine di un anno sportivo molto intenso ci pare giusto tracciare un bilancio del lavoro svolto.

La polisportiva juventus club asd di isola capo rizzuto opera sul nostro territorio dal lontano 1991 sono quindi 20 anni che i volontari della associazione lavorano intensamente per  aggregare i giovani del nostro paese ed educarli sin da piccoli ai valori piu sani che lo sport deve far sviluppare nei bambini prima e nei giovani dopo. Parlare di rispetto degli altri, anche se sono i tuoi avversari, rispetto delle regole, insegnare a vivere con gli altri senza sopraffarli, senza voler prevalere su di loro a tutti i costi e’ lo scopo principale per cui  un gruppo di uomini si impegna quotidianamente e, ci piace rimarcarlo, gratuitamente, anzi contribuendo anche economicamente quando necessario. Insieme al presidente pino longo e al vice presidente lorenzo giordano operano i 15 consiglieri e oltre 30 soci sostenitori. Ci sono poi gli allenatori e i preparatori che seguono i bambini e i ragazzi ogni giorno con passione e competenza, tutti gli allenatori infatti abbiamo conseguito il patentino di istruttori di scquola calcio presso la fgci nella sede distaccata di crotone. Inquantificabile poi il lavoro svolto dal mitico custode della nostra struttura antonio mellace.

Quest’anno gli atleti tesserati sono stati ben 157 distribuiti fra tutte le categorie che compongono il calcio giovanile a partire dai bambini di 7 e 8 anni fino ad arrivare ai giovanotti che compongono la squadra degli allievi che sta ben figurando nel campionato provinciale.

I campi della nostra struttura sono occupati 7 giorni su 7 nei giorni feriali per gli allenamenti e nel fine settimana per le competizioni agonstiche, nonche’ per le numerose manifestazioni giovanili che sono state organizzate durante tutto l’arco dell’ anno sportivo.

Un altro grande impegno sociale che sostiene con grande sacrificio ed abnegazione la nostra associazione sono i tornei amatoriali. Uno invernale si svolge da ottobre in avanti raggiungendo il culmine in prossimita’ delle feste natalizie, e l’altro ancor piu sentito in primavera terminando durante le celebrazioni della nostra amata patrona la “madonna greca”. Questa che puo sembrare una cosa da poco ha in realta’ grande importanza per il territorio proprio perche’ e’ un richiamo a quei valori che abbiamo citato prima ma questa volta proiettati su giovani grandicelli e uomini adulti per cui secondo noi e’ questa un’occasione importantissima per il riflesso che puo avere sulla nostra, a volte bistrattata, realta’.

Il nostro Giornale lo trovi in tutte le edicole della Calabria e Sicilia Orientale. Ha una diffusione nazionale ed estera. Viene inviato a tutte le istituzioni pubbliche nazionali, regionali, provinciali e comunali; a tutti i Ministeri, alle scuole di ogni ordine e grado, nelle edicole principali e centrali di ogni città d’Italia. In Europa e negli altri Paesi viene inviato alle Associazioni italiane, in particolare, alle Associazioni degli emigrati meridionali ed agli istituti di cultura. Viene spedito in abbonamento postale a tutti gli abbonati in Italia, Europa e nelle altre nazioni del mondo. La sede legale e amministrativa del Giornale è ubicata in un magnifico palazzo storico della città vecchia di Crotone, ospiti della D’Ettoris Editori in Via Lucifero n° 40.

{googleMaps lat=39.082573 long=17.12945 label="Sede legale de Il Corriere Del Sud" width=480 height=360}

Come ogni giornale presente sul territorio, anche il nostro ha una storia e sta facendo storia. Lo si può ben affermare, specialmente se si legge la presentazione del giornale. L'idea di creare le annate storiche è venuta fuori dal fatto che alcune prime pagine ed editoriali si sono rivelati profetici. Nel 2000, ad esempio - quindi ben prima del famoso 11 settembre - la prima pagina del numero di gennaio era titolata così': "Terrorismo Islamico alle porte". Nelle annate storiche è possibile trovare numerosi dossier che ci erano stati richiesti da autorità, istituzioni e lettori. Una raccolta delle nostre edizioni rilegata in maniera sobria, ma elegante può ben figurare in una biblioteca familiare, aziendale, istituzionale, professionale. Le annate storiche raccolgono i fatti negativi e positivi intervenuti negli anni, la storia e le tradizioni di alcuni paesi del sud, pagine di cultura, pagine di letteratura, pagine di cinema, teatro, spettacolo, arte, inserti, pagine sulla scuola, pagine di politica nazionale, europea ed estera, pagine sul medioriente, dossier sulla storia dei Borboni.
Molte biblioteche acquistano le nostre annate storiche ritenendole molto preziose per i loro utenti.
Allo scopo di autofinanziarci, poiché il nostro giornale non ha contributi del governo, le annate storiche vengono offerte secondo le seguenti modalità:

Le annate storiche riguardanti gli anni 1995/96/97/98/99 vengono cedute al prezzo di Euro 150,00. Chi acquista queste annate avrà in omaggio 2 libri della D'Ettoris Editori: "Identità cattolica e anticomunismo nell'Italia del dopoguerra" autore: Giuseppe Brienza, pp.244 + 16 ill. € 18,90 e “Magna Europa. L’Europa fuori dall’Europa” a cura di Giovanni Cantoni e Francesco Pappalardo, pp. 472, €. 26,90.

Le annate storiche riguardanti gli anni 2000-2009 vengono cedute al prezzo di Euro 100,00. Chi acquista queste annate avrà in omaggio 2 libri della D'Ettoris Editori: "Magna Europa. L'Europa fuori dall'Europa" a cura di Giovanni Cantoni e Francesco Pappalardo, pp.472 €. 26,90 - "Momenti di vita Castiglionese. Dal dopoguerra in poi" autore: Armando Greco, pp. 142 €. 15,00.

 

Sono disponibili alcune annate storiche del 1992; annata su cui appare il primo numero dell'Edizione numero 1 del giornale (ossia il numero della sua nascita). Queste annate vengono cedute al costo di Euro 1.000,00.
Il versamento può essere effettuato o sul c/c postale N.15800881 intestato a: “Il Corriere del Sud” o con bonifico bancario a favore de “Il Corriere del Sud” c/c postale 15800881 Codice IBAN: IT72 0076 0104 4000 0001 5800 881 Codice BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX CIN o ABI 07601 CAB 04400

Una copia dell’attestazione del versamento deve essere inviata via fax (0962/1920413) o via email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. segnalando anche l’indirizzo al quale si desidera ricevere le annate

Dopo la ricezione del versamento si procederà alla immediata spedizione, con spese a nostro carico.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI