Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 03 Luglio 2020

Una mostra fotografica per ricordare i castellammaresi caduti per la Patria

Baldo Sabella curatore mostra caduti

Un secolo fa, il 24 maggio 1915, l’Italia entrava in guerra: il 24 maggio 2015 Castellammare ricorda i caduti castellammaresi nel primo conflitto mondiale e non solo. Sarà inaugurata, infatti, proprio sabato 24 maggio, alla biblioteca comunale “Barbara Rizzo, Giuseppe e Salvatore Asta”, di piazza Matteotti, la mostra fotografica “Il tributo alla Patria: 1848-1974. Appunti, documenti e immagini della memoria”.

L’amministrazione comunale ha voluto dedicare la giornata ai caduti castellammaresi proprio con l’apertura della mostra fotografica curata dal responsabile della biblioteca comunale Baldo Sabella che negli anni, con un lavoro certosino, ha raccolto documenti ed immagini dei castellammaresi caduti per la Patria nel periodo che va dal 1848 al 1974. La mostra sarà inaugurata alla presenza del sindaco Nicolò Coppola e dell’assessore alla Cultura Salvo Bologna.

«Un momento di ricordo, di memoria di tanti castellammaresi morti in guerra e dimenticati. Un tributo per i castellammaresi morti per la Patria. Baldo Sabella ne ha individuati circa 350 tra la prima e la seconda guerra mondiale - affermano il sindaco Nicolò Coppola e l’assessore Salvo Bologna-  reperendo generalità e foto dei caduti, ma ci sono tante storie ancora non raccontate, tanti particolari e dettagli che giorno dopo giorno, per chi svolge l’attento lavoro di ricerca, aggiungono nuovi tasselli».

La mostra, sulla quale sarà anche pubblicato un testo, rimarrà allestita per tutto il 2015 e sarà visitabile negli orari di apertura al pubblico della biblioteca comunale (dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13;  lunedì, martedì, mercoledì  e giovedì, dalle 15 alle 19).

Nella foto in allegato: Baldo Sabella, responsabile della biblioteca comunale e curatore della mostra.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI