Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 26 Gennaio 2020

Il Comune di Castellammare del Golfo si costituisce parte civile nel procedimento penale che riguarda 4 persone indagate per i lavori al porto. La Procura di Trapani ha di recente chiesto il rinvio a giudizio dei quattro indagati e la giunta comunale ha già affidato l’incarico legale per la costituzione di parte civile nel processo. «Il Comune di Castellammare è certamente parte offesa - afferma il sindaco Nicolò Coppola-. Riteniamo opportuno affidare l’incarico della difesa degli interessi della nostra città al fine di ottenere il risarcimento dei danni subiti per i presunti reati. Condividiamo la scelta di impegnarci a costituirci parte civile in tutti i procedimenti penali riguardanti fatti illeciti tentati o ideati nel nostro territorio per tutelare gli interessi del Comune e di tutti i cittadini. Inoltre -prosegue il sindaco Nicolò Coppola- la vicenda ha creato un danno economico ingentissimo perché oltre alle eventuali responsabilità che saranno accertate dalla magistratura, il cantiere è rimasto fermo per anni con serie difficoltà alla ripresa dei lavori dopo il dissequestro per i danni causati dal fermo e la necessità di predisporre relativa variante. Non secondario il danno morale e di immagine per tutti noi castellammaresi».  I lavori di messa in sicurezza del porto sono stati finanziati per un importo di oltre ventiquattro milioni di euro. Nel 2010 i lavori sono stati fermati per il sequestro del cantiere per l’ipotesi di reato di utilizzo di cemento impoverito. Nel 2013 il cantiere è stato dissequestrato ma i lavori non sono mai ripresi. «Inoltre da tempo  -prosegue il sindaco Nicolò Coppola- spingiamo per la messa in sicurezza dell’esistente e la ripresa dei lavori e da oltre un anno si susseguono incontri all'assessorato regionale alle Infrastrutture, che è l’ente appaltante, nel tentativo di trovare una soluzione con l’impresa in modo da cercare quantomeno di salvaguardare le opere realizzate che rischiano di essere definitivamente compromesse. Se non si troverà una soluzione probabilmente si dovrà procedere ad un nuovo appalto ma speriamo di trovare una soluzione condivisa». Per quanto riguarda invece i lavori del secondo lotto, finanziati con circa quindici milioni di euro, il sindaco Nicolò Coppola spiega che «il consorzio di imprese SICS  ha già sottoscritto i contratto di lavoro  e potrà iniziare a breve. Il cantiere non è stato ancora avviato perché il rup, l’ingegnere Giovanni Indelicato, dirigente del Genio Civile di Trapani, è andato in pensione e adesso è stato sostituito nel ruolo dall'architetto Giuseppe Motisi».

“MangiAmo”: è il progetto di educazione alimentare che sta per essere avviato nelle scuole grazie agli accordi di collaborazione previsti dalla rete civica della salute tra Asp di Trapani e la città di Castellammare del Golfo. L’obiettivo è quello di promuovere una corretta alimentazione e approfondire la conoscenza e la valorizzazione della  dieta mediterranea. «Un percorso informativo che abbiamo già avviato lo scorso anno e che quest’anno portiamo avanti tramite la rete civica della salute. Cattiva alimentazione e scarsa attività fisica causano problemi e malattie e i dati sull'obesità, soprattutto infantile, sono preoccupanti. Per questo -spiegano il sindaco Nicolò Coppola e l’assessore Salvo Bologna- è importante insegnare ai bambini l'importanza di una sana alimentazione e dell'attività fisica per prevenire problemi e malattie. Gran parte dei giovani non conosce o non osserva raccomandazioni nutrizionali importanti come mangiare frutta e verdura, evitare bibite zuccherate ecc. Progetti come questo mirano ad un’azione preventiva e correttiva ed è compito delle amministrazioni pubbliche promuoverli e diffonderli con continuità».

Il progetto che sta per partire a Castellammare sarà avviato contemporaneamente nelle scuole di Alcamo, Calatafimi e Vita. Intrapreso e condotto dall’U.O.S. Sistema di qualità aziendale, il progetto rientra nella rete civica della salute: con il POAT salute, programma operativo di assistenza tecnica del ministero della Salute, l'assessorato regionale ha avviato la rete civica per la collaborazione tra operatori, pazienti, istituzioni e cittadini. Della rete, infatti, possono far parte anche i cittadini che si accreditano come “Riferimento civico della Salute”.

Dopo la nomina del quarto assessore, il sindaco Nicolò Coppola ha redistribuito le deleghe in giunta.

Il neo assessore Mario Di Filippi si occuperà di Personale, Servizi Demografici, Edilizia Popolare, Ambiente, Agricoltura e Pesca.

Lo psicologo Salvo Bologna, che è anche vice sindaco, mantiene le deleghe al Bilancio e Finanze, Servizi Sociali, Politiche Europee, Pubblica Istruzione ma non più quella al Personale.

L’ingegnere Antonino Marchese mantiene le deleghe allo Sport, Viabilità e Polizia Municipale, Controllo del territorio, Attività Produttive e Urbanistica.

L’unica donna che fa parte della giunta, l’ingegnere Marilena Barbara, continuerà ad occuparsi di Pari Opportunità, Turismo, Spettacolo, Cultura, Rapporti con il Consiglio comunale, Politiche Giovanili e Servizi a Rete, ma non più di Ambiente ed Edilizia Popolare.

La delega ai Lavori Pubblici rimane di competenza del sindaco Nicolò Coppola.

Protocollo d’intesa per l’istituzione del “Contratto di Fiume e di Costa San Bartolomeo e Punta di Solanto”, tra il Comune di Castellammare del Golfo (Ente capofila) e i Comuni di San Vito Lo Capo, Custonaci e  Buseto Palizzolo. Lo scopo è quello di avviare “azioni strategiche integrate per il risanamento delle acque e per la riqualificazione e lo sviluppo socio economico del territorio ricadente nei bacini idrografici di questi Comuni”. «Ritengo che la mia amministrazione e quelle dei Comuni di Buseto Palizzolo, Custonaci e San Vito Lo Capo, debbano avviare azioni coordinate per la sicurezza dei territori, il risanamento delle acque e –afferma il sindaco Nicolò Coppola- più in generale una riqualificazione territoriale ed ambientale dei bacini idrografici, intervenendo attraverso azioni congiunte nell’ottica della sostenibilità inducendo effetti socio economici positivi e sinergici». Mercoledì 3 febbraio 2016, alle ore 11, nella sala giunta di Palazzo Crociferi (Corso Bernardo Mattarella, 24 –primo piano), sarà sottoscritto il “Contratto di Fiume e di Costa in modo da avviare  “azioni strategiche integrate per il risanamento delle acque e la sicurezza del territorio che verranno gestite in sinergia con il libero consorzio comunale, l’assessorato Territorio ed Ambiente e il dipartimento regionale di Protezione Civile”.  «I bacini idrografici individuati e ricadenti nel contratto di fiume e di costa rappresentano un  territorio nel quale valenze, ma anche criticità ambientali e socio economiche complesse, sono già riconosciute ma ancora non pienamente affrontate. Gli interventi da eseguire nei bacini non sono solo quelli relativi alla mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico ma anche quelli riguardanti l’inquinamento del suolo, delle acque e dell’aria, la fruibilità turistica ed ambientale dei siti, l’uso sostenibile della risorsa idrica, la valorizzazione di tutta l’area -spiega in conclusione il sindaco Nicolò Coppola-, con interventi che ne esaltino anche le caratteristiche storiche e naturalistiche proprie dei luoghi, avviando uno sviluppo socio economico sostenibile».

Il sindaco Nicolò Coppola ha nominato il quarto assessore: è Mario Di Filippi, 37 anni, commerciante. Mario Di Filippi è il primo dei non eletti di “Sviluppo e lavoro”, lista civica a sostegno del sindaco Nicolò Coppola alle elezioni del 2013. Attualmente Mario Di Filippi è segretario del movimento politico “Articolo 4”. L’investitura ufficiale ieri mattina a palazzo Crociferi, dove Mario Di Filippi ha già giurato ed è ufficialmente il quarto componente dell’esecutivo. Con la nomina di Mario Di Filippi il sindaco Nicolò Coppola completa la nuova giunta composta dal vicesindaco Salvo Bologna (Bilancio e Finanze, Servizi Sociali, Politiche Europee, Pubblica Istruzione e Personale) e dagli ingegneri Marilena Barbara (Pari Opportunità, Turismo, Spettacolo, Cultura, Rapporti con il Consiglio comunale, Politiche Giovanili, Ambiente, Edilizia Popolare, Patrimonio) e Antonino Marchese (Sport, Viabilità e Polizia Municipale, Controllo del territorio, Attività Produttive, Servizi a Rete). La prossima settimana il sindaco Nicolò Coppola assegnerà le deleghe al neo assessore Mario di Filippi.

«Ho ricomposto la giunta puntando su un giovane che da tempo è attivamente impegnato in politica e dunque ha un bagaglio di esperienza e competenza da spendere al servizio della nostra città -afferma il sindaco Nicolò Coppola-. Certo che darà supporto alla giunta ed al mio impegno per raggiungere gli obiettivi in programma, gli auguro buon lavoro in squadra con gli altri assessori».

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI