Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 27 Gennaio 2020

Gli ospiti dei centri di accoglienza richiedenti asilo coinvolti nella gestione di uno stand gastronomico, workshop di teatro e cucina, musica e cibo dal mondo per il “Castellammare Culture Fest 2016” in piazza Petrolo. Tre giorni di scambio culturale patrocinati dal Comune ed organizzati dal collettivo TrinArt con la collaborazione di SiciliAntica.

«Il festival che gli organizzatori hanno proposto lo scorso anno in veste diversa sempre in piazza Petrolo, nasce con l’intento di valorizzare il territorio e sviluppare una rete tra le diverse realtà: integrazione, sensibilizzazione e scambio culturale attraverso l’arte ed il cibo -affermano il sindaco Nicolò Coppola e l’assessore alla Cultura, Salvo Bologna- . Un modo per creare realmente una rete, confrontarsi e promuovere la vera integrazione poiché il festival prevede il coinvolgimento degli ospiti dei centri Sprar e Cas del territorio di Castellammare del Golfo. Ringraziamo gli organizzatori per la proposta interculturale di valore sociale, curata da varie associazioni e nato dall'iniziativa dai fondatori di Trinart, Simona Nasta e Marta Galante. Importante e significativa anche la collaborazione di altre associazioni, privati ed esercenti che dimostrano la produttività della collaborazione pubblico-privato».La conferenza stampa di presentazione del “Castellammare culture fest” si terrà mercoledì 7 settembre, alle ore 18, nel locale “Al Monsù”, in piazza Petrolo, che offrirà l’aperitivo ai giornalisti partecipanti (Accrediti al 3291968423).

Il programma dei tre giorni del “Castellammare Culture Fest” di piazza Petrolo prevede, nel pomeriggio di venerdì 9 settembre, alle ore 18,30 l’inaugurazione del villaggio dei popoli, stand di gastronomia e artigianato, alle ore 19 la presentazione del libro di Alexian Santino Spinelli “ROM questi sconosciuti”. Sarà presente l'autore e l'associazione ROMpiamo i pregiudizi. Letture a cura  di Toni Zanca. Alle ore 21,30 la proiezione del film “Partiti per la Jobba” di Claudio Colomba: storie di castellammaresi emigrati negli Stati Uniti. Sabato 10 settembre, alle ore 11, la visita guidata al museo etno-antropologico “Annalisa Buccellato” a cura di SiciliAntica. Dalle 10,30 alle 14 il laboratorio di cucina siciliana condotto da Fina Alessi che insegnerà come si fanno i maccheroni e il sugo di pomodoro fresco e melanzane. Alle ore 18,30 l’apertura del villaggio dei popoli, alle ore 19 la presentazione del libro “Le contradanze del Golfo” a cura di Viviana Navarra, dell’associazione SiciliAntica. Alle ore 21, 30 il concerto di Alexian Santino Spinelli e dei partecipanti al workshop. Domenica 11 settembre, dopo l’apertura del villaggio dei popoli (ore 18,30), un laboratorio artistico per bambini a cura dell’associazione Cittattivarsi, previsto alle ore 19. Seguirà, alle ore 20,30, la premiazione dello stand più rappresentativo “migliore presentazione”. Alle ore 21,30 lo spettacolo della regista Cristina Coltelli e dei partecipanti al workshop.

Il programma dei Workshop:

 5 – 11 settembre: workshop di commedia dell'arte condotto dalla regista Cristina Coltelli. I partecipanti realizzeranno uno spettacolo che sarà rappresentato la sera dell’undici settembre.
9-10-11 settembre: estemporanea di pittura sul tema “cibo, intercultura, territorio”. Saranno selezionati alcuni lavori dei partecipanti per la realizzazione di una mostra nell’aula consiliare di Castellammare del Golfo.

9-11 settembre: workshop musicale con Alexian Santino Spinelli. I partecipanti avranno la possibilità di contribuire a realizzare il CD del festival e di suonare insieme ad Alexian.

10 settembre: workshop di cucina siciliana di Fina Alessi. Preparazione e degustazione dei maccheroni, secondo la ricetta siciliana, e preparazione del sugo con pomodoro fresco e melanzane locali. Il tutto sarà accompagnato da musica e narrazione del mito di Cerere.

11 settembre: laboratorio di cucina a cura di “Mamma Africa” che insegnerà a realizzare un piatto tipico del suo paese, la Costa D’avorio: si tratta di un couscous di manioca con polpette di merluzzo.

Per informazioni ed iscrizioni a workshop e laboratori: 3291968423- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. (www.castellammareculture.it

Leggi tutto...

Si è concluso a Trapani, presso l’A.S.D. TEAM SICILIA, un corso per insegnanti della Disciplina Marziale denominata “Street Fighting” con rilascio qualifica della Federazione WTKA, a fine corso sono stati effettuati anche i passaggi di “dan” e di cintura nera per i partecipanti. Le lezioni hanno avuto la docenza del Maestro Cesare Belluardo (cintura nera 7° dan), responsabile  nazionale  della stessa disciplina per la medesima organizzazione sportiva.

Leggi tutto...

Approvato con delibera di giunta il bilancio 2015. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Nicolò Coppola ha approvato lo schema di rendiconto della gestione finanziaria composto dal conto del bilancio, dal conto economico e dallo stato patrimoniale, che gli enti locali devono deliberare l’anno successivo. Nel documento contabile predisposto dal settore finanziario del quale è responsabile Gianluca Coraci, risulta il rispetto del patto di stabilità la chiusura dell’esercizio finanziario di palazzo Crociferi riducendo il disavanzo. «Abbiamo rispettato il patto di stabilità e ridotto il disavanzo di oltre settecentomila euro riuscendo a spingerci  ben al di là di quelli che erano i limiti imposti dalla legge. Sono stati garantiti servizi essenziali con particolare riferimento alle  politiche sociali seguite dagli incentivi per lo sviluppo economico-turistico della città. Conseguito l’obiettivo di contenimento della spesa del personale. Il rendiconto certifica la capacità, pur tra mille difficoltà, di rispettare gli obiettivi  prefissati e gli standard stabiliti dalla legge -affermano il sindaco Nicolò Coppola ed il suo vice, l’assessore al Bilancio Salvo Bologna-. In un momento di grande incertezza e mancata chiarezza sui trasferimenti, con serie difficoltà per gli enti locali, siamo riusciti a mantenere i conti in ordine rispettando gli obiettivi. Avendo finalmente il quadro chiaro su quelli che saranno i trasferimenti, la cui mancata certezza ci aveva fino ad oggi rallentato, siamo già al lavoro sul bilancio di previsione perché è fondamentale per predisporre e programmare attività riguardanti le fasce sociali più deboli ed iniziative di sviluppo, ma anche eventi come quelli estivi». Il rendiconto passerà adesso al consiglio comunale.

Oltre trenta cittadini con disagio economico saranno impiegati ogni anno per servizi di vigilanza e pulizia di strutture pubbliche, promozione sociale e ambientale. Si tratta del servizio di accompagnamento al lavoro di persone con disagio sociale con il progetto “Il Volo”, destinato ai cittadini di età compresa tra i 18 e i 65 anni, residenti nel Comune di Castellammare. Ogni anno a Castellammare del Golfo, per tre anni, saranno selezionati 33 cittadini che svolgeranno 150 ore di lavoro per tre mesi (50 ore mensili) percependo un compenso forfettario di 250 euro mensili. Il progetto riguarda la legge 328 per il sistema integrato di interventi e servizi sociali, avviato tramite il distretto socio sanitario n 55, del quale Castellammare fa parte con Alcamo, Comune capofila, e Calatafimi Segesta. «Il progetto del distretto socio sanitario si inserisce nelle azioni di contrasto alla povertà, di sviluppo e potenziamento dell’autonomia e di inclusione sociale, come previsto dalle legge 328. Siamo soddisfatti perché abbiamo ottenuto un corposo numero di concittadini che si trovano in condizioni di disagio socio-economico tale da non garantire la quotidianità, ai quali offrire il servizio di accompagnamento al lavoro, cioè 33 all’anno sui 111 complessivi del distretto socio sanitario -affermano il sindaco Nicolò Coppola ed il vice sindaco ed assessore ai Servizi Sociali, Salvo Bologna-. Cittadini che rientrano così in un percorso di reinserimento sociale e lavorativo e contemporaneamente i Servizi Sociali possono ridurre l’erogazione di contributi con prestazioni in cambio di servizi di accompagnamento al lavoro. E’ importante anche il fatto che i servizi siano previsti per ben tre anni» .

Gli interessati possono ritirare il modulo di domanda e ricevere informazioni negli uffici dei Servizi Socio Assistenziali, in contrada Duchessa, via poeta Vincenzo Ancona n. 3, o scaricare il modulo dal sito web del Comune, all’indirizzo www.comune.castellammare.tp.it (sezione albo pretorio). La domanda di partecipazione deve essere presentata all’ufficio protocollo del Comune di Castellammare, entro il 13 agosto alle ore 12.

«Abbiamo trovato un accordo politico allargato che ha come scopo quello di rilanciare l’attività amministrativa al fine di avviare una programmazione concordata su vari punti». Lo afferma il sindaco Nicolò Coppola dopo le proposte pervenute al primo cittadino sia da Sicilia Democratica che dal Nuovo Centro Destra. In dettaglio il sindaco Nicolò Coppola specifica che: «Per la valorizzazione ecosostenibile del territorio con aumento delle aree pedonali è indubbio che le trasformazioni di questi anni del centro storico e gli investimenti effettuati da privati hanno tracciato una via, ma bisogna ampliare con altre zone e con un piano della viabilità che renda vivibile tali aree. Il possibile finanziamento di oltre un milione di euro delle altre zone del centro storico ci impone la rivisitazione e l’ampliamento delle aree pedonali.
Quindi la piena attuazione delle norme nazionali, regionali e l’applicazione del piano comunale anticorruzione e la riorganizzazione della macchina amministrativa con una rotazione dei servizi comunali». In riferimento al servizio idrico il sindaco Nicolò Coppola afferma: «Compatibilmente con l’insediamento dell’Ato idrico già costituito il rapporto con l’Eas non continuerà, ma resta il problema del credito di oltre 3 milioni di euro per il quale assieme ad altri Comuni abbiamo chiesto l’intervento dello Stato che potrebbe affiancarci per un percorso di trasferimento garantendo almeno l’energia elettrica. Sul fronte delle stabilizzazioni l’amministrazione ha varato un piano del fabbisogno del personale che prevede l’avvio del processo di stabilizzazione». Per il servizio di nettezza urbana «abbiamo costituito l’Aro e approvato in giunta il piano d’intervento che, in osservanza alla legge regionale, è formulato per realizzare il 65% di raccolta differenziata; i costi sono quelli attuali; è possibile creare economie intervenendo in qualche misura sul costo dell’ammortamento. E’ possibile che si riesca a bloccare la norma regionale ipotizzata perché illogica e inapplicabile, ma è ancora più grave l’idea di trasferire all’estero i rifiuti -prosegue il sindaco Nicolò Coppola-. Quindi l’attuazione delle procedure per il Prg e per il porto e depuratore dobbiamo attrezzarci con la costituzione di un osservatorio che possa interfacciarsi con l’assessorato regionale». In conclusione il sindaco Nicolò Coppola afferma: «L’intenso lavoro da fare in questi due anni può essere decisivo per la storia della città, non si tratta di occupare poltrone ma di essere disponibili a lavorare nell’interesse di tutti al quale possiamo anteporre le singole posizioni».

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI