Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 20 Settembre 2019

Approvato con delibera di giunta il bilancio 2015. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Nicolò Coppola ha approvato lo schema di rendiconto della gestione finanziaria composto dal conto del bilancio, dal conto economico e dallo stato patrimoniale, che gli enti locali devono deliberare l’anno successivo. Nel documento contabile predisposto dal settore finanziario del quale è responsabile Gianluca Coraci, risulta il rispetto del patto di stabilità la chiusura dell’esercizio finanziario di palazzo Crociferi riducendo il disavanzo. «Abbiamo rispettato il patto di stabilità e ridotto il disavanzo di oltre settecentomila euro riuscendo a spingerci  ben al di là di quelli che erano i limiti imposti dalla legge. Sono stati garantiti servizi essenziali con particolare riferimento alle  politiche sociali seguite dagli incentivi per lo sviluppo economico-turistico della città. Conseguito l’obiettivo di contenimento della spesa del personale. Il rendiconto certifica la capacità, pur tra mille difficoltà, di rispettare gli obiettivi  prefissati e gli standard stabiliti dalla legge -affermano il sindaco Nicolò Coppola ed il suo vice, l’assessore al Bilancio Salvo Bologna-. In un momento di grande incertezza e mancata chiarezza sui trasferimenti, con serie difficoltà per gli enti locali, siamo riusciti a mantenere i conti in ordine rispettando gli obiettivi. Avendo finalmente il quadro chiaro su quelli che saranno i trasferimenti, la cui mancata certezza ci aveva fino ad oggi rallentato, siamo già al lavoro sul bilancio di previsione perché è fondamentale per predisporre e programmare attività riguardanti le fasce sociali più deboli ed iniziative di sviluppo, ma anche eventi come quelli estivi». Il rendiconto passerà adesso al consiglio comunale.

«Abbiamo trovato un accordo politico allargato che ha come scopo quello di rilanciare l’attività amministrativa al fine di avviare una programmazione concordata su vari punti». Lo afferma il sindaco Nicolò Coppola dopo le proposte pervenute al primo cittadino sia da Sicilia Democratica che dal Nuovo Centro Destra. In dettaglio il sindaco Nicolò Coppola specifica che: «Per la valorizzazione ecosostenibile del territorio con aumento delle aree pedonali è indubbio che le trasformazioni di questi anni del centro storico e gli investimenti effettuati da privati hanno tracciato una via, ma bisogna ampliare con altre zone e con un piano della viabilità che renda vivibile tali aree. Il possibile finanziamento di oltre un milione di euro delle altre zone del centro storico ci impone la rivisitazione e l’ampliamento delle aree pedonali.
Quindi la piena attuazione delle norme nazionali, regionali e l’applicazione del piano comunale anticorruzione e la riorganizzazione della macchina amministrativa con una rotazione dei servizi comunali». In riferimento al servizio idrico il sindaco Nicolò Coppola afferma: «Compatibilmente con l’insediamento dell’Ato idrico già costituito il rapporto con l’Eas non continuerà, ma resta il problema del credito di oltre 3 milioni di euro per il quale assieme ad altri Comuni abbiamo chiesto l’intervento dello Stato che potrebbe affiancarci per un percorso di trasferimento garantendo almeno l’energia elettrica. Sul fronte delle stabilizzazioni l’amministrazione ha varato un piano del fabbisogno del personale che prevede l’avvio del processo di stabilizzazione». Per il servizio di nettezza urbana «abbiamo costituito l’Aro e approvato in giunta il piano d’intervento che, in osservanza alla legge regionale, è formulato per realizzare il 65% di raccolta differenziata; i costi sono quelli attuali; è possibile creare economie intervenendo in qualche misura sul costo dell’ammortamento. E’ possibile che si riesca a bloccare la norma regionale ipotizzata perché illogica e inapplicabile, ma è ancora più grave l’idea di trasferire all’estero i rifiuti -prosegue il sindaco Nicolò Coppola-. Quindi l’attuazione delle procedure per il Prg e per il porto e depuratore dobbiamo attrezzarci con la costituzione di un osservatorio che possa interfacciarsi con l’assessorato regionale». In conclusione il sindaco Nicolò Coppola afferma: «L’intenso lavoro da fare in questi due anni può essere decisivo per la storia della città, non si tratta di occupare poltrone ma di essere disponibili a lavorare nell’interesse di tutti al quale possiamo anteporre le singole posizioni».

sala cinquecentenario 2

Inaugurata la “sala del cinquecentenario”, stanza a piano terra del palazzo municipale di corso Bernardo Mattarella, restaurata nell'ambito delle celebrazioni per l’anniversario dei 500 anni dalla fondazione di Castellammare che ricorre il 22 ottobre. La sala a piano terra di palazzo Crociferi è stata inaugurata dal sindaco Nicolò Coppola e dalla giunta e, dopo il taglio del nastro, benedetta da Monsignor Ludovico Puma. La stanza di palazzo Crociferi, come ha fatto presente il sindaco Nicolò Coppola nel corso dell’inaugurazione, sarà utilizzata per attività culturali e per la celebrazione dei matrimoni. All'interno della sala la scultura “Ieri, oggi e domani” dell’artista siciliano Domenico Zora, donata al Comune molti anni addietro e adesso recuperata, una teca, vessilli e una nicchia per il nuovo gonfalone adattato dopo il riconoscimento del titolo onorifico di città. Il soffitto della sala è affrescato. La stanza è stata realizzata anche con la collaborazione di alcuni privati che hanno regalato alcuni arredi. Sui balconi di Palazzo Crociferi sono stati posti anche dei manifesti celebrativi dei 500 anni, riportanti il logo dello studio dell’architetto Simone Marchese scelto dopo un concorso di idee.  Dopo la cerimonia inaugurale, dirimpetto la sala del cinquecentenario, alla villa comunale Margherita, è stato molto apprezzato il concerto della banda musicale Città di Castellammare. L’inaugurazione rientra nell'ambito delle manifestazioni per celebrare i cinque secoli dalla fondazione di Castellammare, risalente al 22 ottobre 1516, che l’amministrazione comunale ha legato alla concessione del titolo di città con decreto del Presidente della Repubblica. Nelle foto in allegato: alcuni momenti dell’inaugurazione della sala del cinquecentenario.

campo coast cup 2016

Sono stati ben oltre 400 gli atleti partecipanti alla Coast Cup, kermesse di sand volley giovanile, svoltasi sul lungomare sabbioso della spiaggia Plaja, nel lido Peter Pan. A fregiarsi dei titoli della kermesse di sand volley, nel maschile: Mazara 95, Virtus Floridia e Adolescere Voghera, nell'ordine nelle categorie under 15, 17 e 19. Nel femminile: Caos Clan Mazara nella categoria under 14, mentre le ragazze del Virtus Mortara (PV) bissano i titoli nell' under 16 e 18.  Un po’ di rammarico per l'Usco Gravina che sfiora due volte l'impresa nelle categoria 14 femminile e 18 femminile. Bene la Kentron Volley Enna, tre volte sul podio, e la Pallavolo Augusta seconda classificata nell'under 16 femminile e terza nell'under 14 femminile. Buon terzo posto nella categoria 18 femminile per il team di casa della Polisportiva Castellammare. Soddisfacente sesto posto nella categoria 18 femminile per le ragazze spagnole del Pilaristas Madrid.  Riservata alle società sportive della federazione italiana Pallavolo la Coast Cup è organizzata dall'A.D. Polisportiva Castellammare e dall'A.P.D. Coast Cup Team con il supporto del Comune di Castellammare del Golfo.

La corposa partecipazione alla dodicesima edizione della Coast cup, con oltre 400 accreditati ed un non quantificabile numero di familiari ed appassionati al seguito, si è visivamente mostrata durante le finali sul campo centrale del lido Peter Pan ed in chiusura della manifestazione in occasione della cerimonia di premiazione.

Il sindaco Nicolò Coppola, presente alla premiazione con l’assessore alla Cultura Marilena Barbara, ha definito l'evento «un esempio di come la passione e la volontà possano far crescere, arrivando a livelli inizialmente inaspettati, manifestazioni che rappresentano lo sport sano, con positive e sempre crescenti ricadute turistico -economiche sul territorio». Parole di deciso apprezzamento anche da Natale Lia, direttore generale della Conad Sicilia, main sponsor della manifestazione, così come dai  presidenti provinciali della federazione italiana pallavolo, Enzo Barraco (Trapani) e Angelo Battaglia (Enna). Per il comitato regionale Fipav presenti i consiglieri Piero Pezzer e Nuccio Solano.

Premiazione coast cup 2016

Assegnato il “Papiro” bene confiscato alla mafia in Contrada Guidaloca. Dopo due tentativi di gara andati deserti, sono state due le istanze di partecipazione al bando predisposto dall’amministrazione e scaduto il 17 giugno. Solamente una delle due istanze, quella di un’associazione temporanea di scopo, è stata ammessa a partecipare al bando poiché l’altra associazione interessata ha fatto pervenire la documentazione oltre la data di scadenza prevista. L’ex Papiro è stato assegnato all’associazione temporanea di scopo composta dalla capofila cooperativa sociale Trinacria Elix di Calatafimi–Segesta e dalle cooperative sociali Migma, di Bagheria e Mediria di Lentini. All’unica classificata, individuata dalla commissione di gara presieduta dal segretario generale Piera Mistretta, è stato dunque affidato in concessione d'uso a titolo gratuito il bene confiscato alla criminalità organizzata in contrada Guidaloca. Si tratta al momento di un’aggiudicazione provvisoria perché quella definitiva sarà effettuata con atto di giunta comunale cui farà seguito la stipula della concessione in uso. «Siamo davvero lieti di essere finalmente riusciti ad assegnare il bene confiscato alla mafia con questa ultima gara pubblica. Dopo due tentativi andati deserti abbiamo voluto ulteriormente sollecitare enti ed associazioni a chiedere la concessione con un’ulteriore gara pubblica al fine di restituire alla collettività il bene confiscato alla mafia a Guidaloca -afferma il sindaco Nicolò Coppola-. L’ex “Papirolandia è un patrimonio di cui si deve poter disporre per questo abbiamo prima revocato la concessione di utilizzo all’associazione che non poteva più occuparsene e poi predisposto il bando per l’affidamento al quale nessuno ha partecipato neanche quando abbiamo riaperto i termini. Siamo soddisfatti del fatto che questo ulteriore tentativo di assegnazione sia andato a buon fine e adesso passeremo all’aggiudicazione definitiva perché si possa riusufruire al più presto del bene».

L’immobile sulla spiaggia di Guidaloca è stato trasferito al Comune nel 2004. L’anno scorso l’amministrazione comunale ha revocato l’affidamento del bene confiscato alla mafia all’associazione “Jus vitae” che non poteva più gestirlo, predisponendo poi bando di affidamento al quale non ha partecipato nessuna associazione, neanche quando sono stati riaperti i termini di gara con un secondo avviso pubblico, anche questo andato a vuoto. L’assegnazione provvisoria è avvenuta adesso al terzo bando, dopo la verifica della commissione di gara.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI