Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 15 Dicembre 2019

Oltre millecinquecento fra studenti, insegnanti, imprenditori, professionisti e appassionati hanno preso parte alla prima settimana delle Scienze, Innovazione, Tecnologia e Ambiente che si è svolta a Partanna dal 2 al 7 dicembre. Provenienti dagli istituti superiori della cittadina che ha ospitato l'evento e da Salemi, Campobello, Castelvetrano, Mazara del Vallo, Marsala e Alcamo gli alunni delle scuole trapanesi hanno riempito le sale del G55 coworking/fablab, le scuderie del Castello Grifeo e l'auditorium “Giacomo Leggio” per provare di persona i laboratori di realtà virtuale e aumentata, di programmazione videogiochi e di grafica al computer. Accompagnati nel loro viaggio interattivo dagli esperti dell'AIV (Accademia italiana videogiochi) i ragazzi hanno potuto così conoscere gli sbocchi occupazionali legati alle professioni tecnologiche sempre più ricercate dal mondo del lavoro e sempre meno dipendenti da sedi fisiche grazie all'interconnessione che permette di lavorare in remoto senza spostarsi da casa. Formazione, apprendimento, competenze digitali ma anche rispetto dell'ambiente, sviluppo sostenibile, riciclo e smaltimento dell'amianto e innovative metodologie didattiche per l'inclusione degli allievi con disabilità. Nel corso della manifestazione si è parlato anche dell'hub energetico che Terna realizzerà a Partanna, ovvero una sottostazione di trasformazione e collegamento alla rete elettrica che unirà l'Italia alla Tunisia grazie a un cavo sottomarino lungo oltre 200 km. L'opera da 600 milioni di euro per lo scambio di energia fra i due paesi dovrà essere completata entro il 2027. Questi i temi portanti che il Comune con il fondamentale apporto dell'associazione Apice ha voluto privilegiare per raccontare che “si può fare impresa anche da noi” rimanendo nella propria terra di origine e contribuendo così al suo sviluppo. Il percorso di informazione e avvicinamento delle nuove generazioni ai mestieri del domani si è avvalso della collaborazione avviata con Luca De Dominicis, Ceo di Aiv, che al termine della settimana di incontri ha manifestato l'intenzione di attivare entro il prossimo ottobre nella struttura di via Garibaldi, 63 dei corsi di programmazione, game design e computer graphics per i ragazzi del territorio interessati a nuove opportunità di specializzazione post-diploma. L'iniziativa si sommerà al campus estivo che Aiv intende organizzare portando i propri studenti di Roma a Partanna e coinvolgendo anche i ragazzi del territorio. “Durante la settimana – afferma il sindaco Nicolò Catania – abbiamo incontrato giovani, ma anche imprenditori, professionisti, rappresentanti politici e delle istituzioni scolastiche della provincia per ribadire che lo spopolamento delle nostre cittadine si combatte a partire dalle piccole realtà, creando una rete fra tutti gli attori del territorio, svecchiando le mentalità e stando al passo con i tempi che impongono di offrire nuove prospettive ai nostri ragazzi per invertire la desolante tendenza all'emigrazione che ci caratterizza”. “Un cambiamento – conclude l'assessore all'Innovazione e al G55 Antonino Zinnanti – che va recepito in primo luogo da chi si occupa di formazione e in questo senso la risposta delle scuole alla prima edizione della settimana delle Scienze è stata più che positiva, oltre le nostre aspettative. Un risultato che ci incoraggia e ci spinge a lavorare ancora di più per far sì che queste novità si possano trasformare in un sistema didattico che dia più chance lavorative ai giovani della provincia creando al contempo le condizioni per farli restare nel luogo in cui vivono”.

 

 

«Tutelare e mettere in sicurezza la Grotta di Santa Margherita verificando la possibilità di realizzare un percorso pedonale agevole e salvaguardare i preziosi affreschi al suo interno».

Lo fa presente il sindaco Nicola Rizzo dopo aver convocato al Comune un tavolo tecnico per discutere del recupero della grotta di Santa Margherita: subito dopo il porto in direzione di Punta Pirale è raggiungibile solo via mare ma per chi consoce il percorso. Profonda circa 17 metri, al suo interno custodisce affreschi medievali rimasti parzialmente integri poiché l’anfratto si trova quasi a 15 metri di altezza su livello del mare e la roccia è a strapiombo sul mare. L’icona  di Santa Margherita, la madonna col bambino e un santo, nonché un pesce sono ancora ben visibili ma altre immagini sulla sinistra sono danneggiate

Al tavolo tecnico convocato dal sindaco Nicola Rizzo, oltre al presidente del consiglio comunale Mario Di Filippi erano presenti rappresentanti della Forestale, Soprintendenza, Associazione Cai, associazione Bc Sicilia, Capitaneria di porto, Università di Palermo, Gal Elimos e Cnr.

«Ho convocato un tavolo tecnico per discutere della messa in sicurezza e del recupero della grotta di Santa Margherita poiché il nostro fine è principalmente quello di tutelarla unitamente ai pregevoli dipinti al suo interno ma anche renderla accessibile in un secondo momento -afferma il sindaco Nicola Rizzo-. Esperti ed associazioni come Bc Sicilia ne hanno discusso nel corso di convegni anche recenti sulla conservazione e fruizione ma l’incontro tecnico è stato convocato al fine di coinvolgere gli enti preposti alla tutela concordando con la soprintendenza, forestale, nonché capitaneria di porto, demanio ed il Cai -che offre l’opportunità agli esperti speleologi di visitarla- come mettere in atto misure di salvaguardia e futura fruizione prevedendo anche la realizzazione di un percorso pedonale per raggiungerla. Abbiamo coinvolto anche il Gal Elimos, l’Università degli studi di Palermo ed il Cnr, che possono offrirci grande supporto anche per la salvaguardia e valorizzazione degli antichissimi affreschi che si trovano sulle pareti della grotta alcuni dei quali già da anni sono poco visibili e attiveranno un'attività di monitoraggio in tempi brevissimi per verificare lo stato attuale delle condizioni ambientali della grotta e degli affreschi. Dopo aver sentito i pareri degli enti ed aver acquisito la disponibilità alla collaborazione tecnico-progettuale, convocheremo un altro tavolo di discussione -conclude il sindaco Nicola Rizzo- che allargheremo ad associazioni e gruppi interessati ad una progettualità che può sviluppare anche un interessante risvolto turistico -culturale».

E’stata accolta con entusiasmo e grande partecipazione l’undicesima edizione di Stragusto, il Festival del cibo da strada e dei mercati che da più di dieci anni è un appuntamento fisso per gli amanti della buona tavola e dello street food. 

I primi giorni della manifestazione hanno già registrato un'alta presenza di turisti e visitatori che hanno potuto apprezzare le tante specialità pugliesi, fiorentine, catanesi, trapanesi tunisine. Immancabile il cibo da strada palermitano che quest’anno ha un rappresentante d’eccezione:"Nino 'u Ballerinu”. Fra le gustose novità anche le specialità a base di porchetta di suino nero dei Nebrodi, le storiche patate “vastase” e la rianata. Non mancano inoltre altre particolari tipicità come il polpo bollito le sarde a beccafico, i sapori delle feste, la granita tradizionale fatta a mano con tecnica madonita, il delizioso melone giallo e le dolcezze del Torronificio delle Madonie. Anche quest'anno grande successo ha riscosso wine tastingsulle mura di Tramontanadove ogni giorno, i partecipanti hanno potuto apprezzare i migliori vini del territorio godendo di tramonti mozzafiato.Stragusto inoltre quest’anno è ancora più eco-sostenibile, con un maggior utilizzo di materiale biodegradabile e l’istallazione - in collaborazione con il Comune di Trapani e con la sezione locale della FIAB - di rastrelliere nei pressi dell’evento a sostegno della mobilità sostenibile in bicicletta. 

Si conferma un successo la manifestazione realizzata da Trapani Welcome e Ps Advert in collaborazione con la “Pro Loco Trapani Centro” e con il patrocinio del Comune di Trapani. Ma i visitatori avranno tempo ancora fino a domenica per poter compiere un vero e proprio viaggio intorno al mondo dello street food, in un luogo d'eccezione come Piazza Mercato del Pesce, nel cuore di Trapani, che rivive con le atmosfere, gli odori, i rumori e i sapori del cibo da strada e dei Mercati. 

Anche quest’anno Conad sarà tra i main sponsor del Cous Cous Fest, in corso fino al 29 settembre a San Vito Lo Capo (TP). Tante le novità che Conad ha in programma per tutti gli appassionati di cucina e gli amatori di questo grande festival del Mediterraneo, giunto alla sua ventiduesima edizione. Durante i dieci giorni di celebrazione del cous cous, il Gruppo leader della grande distribuzione in Sicilia parteciperà alla kermesse in un’area completamente rinnovata: “La Casa del cous cous Sapori e dintorni del Mediterraneo”, uno spazio che per questa edizione raddoppierà le sue dimensioni per consentire ai visitatori di viaggiare e di andare alla scoperta dei sapori del mediterraneo. In un’area di oltre 300 mq sulla spiaggia - all’altezza dell’hotel Capo San Vito- e con la speciale collaborazione della Compagnia degli Chef, Conad si cimenterà in attività di formazione e intrattenimento sul buon cibo e nella preparazione di deliziosi e originali piatti da degustare. Tra gli appuntamenti imperdibili di quest’anno ci saranno le Master Cooking Class, lezioni di cucina aperte al pubblico, con grandi chef della tradizione gastronomica italiana che insegneranno i trucchi del mestiere a tutti i partecipanti. Ospiti speciali di questa edizione saranno soprattutto i bambini dell’I. C. Lombardo Radice – E. Fermi di Custonaci (TP) che saranno coinvolti in un’originale iniziativa ludico-didattica dedicata alla sana e corretta alimentazione: le Kids Master Class. Gli alunni delle classi Ve I media parteciperanno da oggi a lezioni speciali di cucina sotto la guida paziente ed esperta di un insegnante altamente qualificato, lo chef Stefano De Gregorio, vincitore dell’edizione 2015 del Campionato Italiano del Cous Cous Fest. A questi giovanissimi sarà data l’opportunità di capire l’importanza del mangiar sano, sperimentando in prima persona la preparazione di alcune golose ricette, il tutto in maniera divertente e costruttiva e soprattutto in assoluta allegria. “È cominciato nove anni fa, nel 2010, il cammino di Conad e Cous Cous Fest. Una collaborazione che, nel corso degli anni, è cresciuta insieme al festival, andando oltre alla semplice sponsorizzazione- spiega Vittorio Troia, direttore generale di Conad Sicilia- Oggi Conad, attenta alle persone, alla comunità e al territorio è diventata partner della manifestazione con un piano eventi ad hoc targato Sapori e dintorni Conad, per promuovere la cultura del cibo e per valorizzare le eccellenze agroalimentari, interpretandole con originalità e attenzione al territorio, grazie al contributo di grandi chef. Una partnership ormai consolidata all'insegna della multiculturalità, dello spirito di aggregazione e della valorizzazione delle più tipiche espressioni culturali locali. Valori promossi dal festival internazionale e condivisi da Conad nel suo percorso quotidiano”. Protagonisti indiscussi di questa edizione saranno gli chef Fabrizio Albini, Stefano De Gregorio, Rocco Pace, Luigi Pomata, Antonella Ricci, Beppe Sardi, Giuseppe Silano e Marcello Valentino. Proprietari di importanti ristoranti o consulenti di alta ristorazione, sono alcuni rappresentanti della Compagnia degli Chef che oltre alle attività di informazione e formazione (Master class), intratterranno il pubblico della Casa Conad con show cooking, giochi e degustazioni. Inoltre, nella Casa del Cous Cous Conad Sapori e Dintorni del Mediterraneo sarà possibile degustare quattro eccellenti ricette a base di cous cous, ispirate ai profumi e agli odori del Mare Nostrum.

 

«Valorizzare le nostre potenzialità turistiche con in primo luogo il rispetto per le regole e l’attualizzazione delle procedure burocratiche, ottimizzando l’impiego della tassa di soggiorno: salutiamo con favore la nascita dell’ Associazione Locazione Turistica che è indicativa della consapevolezza acquisita dalla nostra città di dover fare necessariamente rete in tutti i settori economici ed in particolare quelli che riguardano il turismo così da offrire maggiori e migliori servizi agli ospiti che scelgono di soggiornare nel nostro territorio».

Lo affermano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore al Turismo Maria Tesè che hanno incontrato al palazzo municipale, il direttivo della neonata “Asso.Loca.Tur” , associazione di locazione turistica presieduta da Giuliano Agugliaro. 

«Uno degli obiettivi di questa amministrazione è sicuramente lo sviluppo turistico del territorio. Stiamo lavorando in questa direzione e per questo abbiamo subito cercato una collaborazione con le associazioni di riferimento, quali l’associazione albergatori e l’associazione Pro Loco e adesso siamo lieti della nascita dell’ “Asso.Loca.Tur” -sottolineano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore al Turismo Maria Tesè-. La domanda turistica richiede di scegliere tra offerte differenti ed è dunque importante costruire momenti di incontro che tengano insieme le diverse forme di ricettività e le locazioni turistiche, poiché il fine è quello di soddisfare i tanti visitatori che ci raggiungono favorendo la crescita della nostra città. Per questo è importante la nascita dell’associazione alla quale offriamo massima collaborazione, come a tutte le altre associazioni, coinvolgendola nella costituzione di un tavolo tecnico nel quale far pervenire le istanze del settore e che si occuperà anche della destinazione dei fondi recuperati dalla tassa di soggiorno -proseguono il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore Maria Tesè-. Già nel corso dell’incontro con l’associazione, fornendo un quadro chiaro sugli adempimenti previsti, abbiamo trattato temi di attualità in vista dell’arrivo della stagione estiva quali la nostra programmazione sulle ztl e pass, la pianificazione dei bus navetta e parcheggi e il nuovo regolamento da noi predisposto sulla tassa di soggiorno –concludono il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore Maria Tesè- che sarà discusso e votato nel corso del prossimo consiglio comunale del 24 maggio».

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI