Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 01 Ottobre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:610 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1319 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2059 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1584 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1567 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1529 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1808 Crotone

Noto - Precisazioni del Sindaco Bonfanti in merito al Rifugio Sanitario per cani di c.da Volpiglia

Da alcuni giorni, su vari social network e da numerosi indirizzi e-mail, circolano e provengono notizie e apprezzamenti totalmente falsi e diffamatori in merito alla gestione della struttura comunale di accoglienza dei cani randagi del territorio di Noto.

 

Si precisa che il presidio in argomento non è un canile ma un rifugio sanitario per cani ex art. 11 della legge regionale n. 14/2000. Si tratta di una struttura nella quale i randagi che, per vari motivi vi affluiscono, vengono curati, sterilizzati, microchippati e, qualora il servizio veterinario dell’azienda sanitaria competente ne certifichi l’idoneità secondo i parametri di legge, reinseriti nel territorio di provenienza, ovvero trasferiti e ricoverati, a spese del Comune, in canili autorizzati (in tal senso la comunicazione del direttore del Dipartimento di prevenzione Veterinario dell’ASP di Siracusa, come da nota allegata in calce al comunicato).

 

Il rifugio sanitario di Noto è condotto sotto la direzione e la vigilanza del distretto veterinario dell’Azienda sanitaria locale di Siracusa ed è oggetto di frequenti ispezioni da parte del N.A.S. dei Carabinieri competente per territorio, in occasione delle quali non sono mai state riscontrate gravi irregolarità, condizioni di trascuratezza, maltrattamenti o deficienze sanitarie o nutrizionali. Da ultimo, in data 24 agosto ultimo scorso, il N.A.S. dei Carabinieri di Ragusa ha eseguito il controllo ispettivo di cui al verbale che si pubblica in calce al presente comunicato.

 

La nuova Amministrazione comunale, insediatasi il 15 giugno scorso, ha intrapreso un costante dialogo con le associazioni animaliste della città ed ha autorizzato, su espressa richiesta, una volontaria ad accedere nel rifugio per accudire i randagi e per collaborare col personale addetto. La suddetta volontaria, durante la pubblica riunione fra le associazioni animaliste di Noto e dei paesi limitrofi, i rappresentanti della stampa, il rappresentante del servizio veterinario dell’ASP, tenutasi ieri pomeriggio presso palazzo Ducezio, ha ampiamente affermato che durante la sua presenza nel rifugio ha avuto modo di constatare la vivibilità dell’ambiente per pulizia e accudimento dei cani.

 

Amarezza e delusione scaturiscono dunque dalla constatazione che, proprio in coincidenza con il massimo sforzo possibile di trasparenza, apertura e dialogo da parte dell’Amministrazione comunale, sia stata inscenata una vera e propria campagna di discredito nei confronti della stessa Amministrazione comunale, la cui origine sarà debitamente accertata, avendo causato gravissimi danni alla immagine dell’intera città e della Sicilia tutta.

 

Si respingono pertanto tutte le gratuite illazioni, artatamente volte ad una campagna calunniosa e diffamatoria originatasi con modalità che saranno puntualmente appurate. A tal proposito si precisa che l’ufficio legale comunale sta valutando le iniziative giudiziarie da intraprendere a tutela del Comune di Noto per il perseguimento degli eventuali reati che si possono ipotizzare nelle condotte da chiunque poste in essere nella squallida vicenda.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI