Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 09 Luglio 2020

Chiaramonte Gulfi - Gli scatti delle feste religiose del Val di Noto

Un autore che “santifica” le feste religiose. In grado di valorizzarle ancora di più con i suoi scatti. Soprattutto le feste del Val di Noto capaci di esprimere i retaggi della devozione risalente ai secoli andati. E’ stata presentata, ieri sera, in Chiesa madre, a Chiaramonte Gulfi, l’ultima opera di Salvatore Brancati, fotografo ispicese. L’iniziativa, che faceva parte del calendario dei solenni festeggiamenti in onore di Maria Santissima di Gulfi, ha visto la presenza di un parterre di tutto rispetto con riferimento agli studiosi dell’area iblea: c’erano, infatti, Giuseppe Cultrera, Giorgio Flaccavento e don Peppino Antoci che si occupa della cura e della gestione dei beni culturali della diocesi di Ragusa. Presenti anche il parroco della Chiesa madre, don Giovanni Nobile, e il rettore del Santuario di Gulfi, don Giovanni Meli, oltre al predicatore padre Giovanni Matera. C’erano anche l’assessore comunale Antonella Occhipinti e il componente del comitato Salvatore Cutraro. “Sfogliare il libro di Brancati – afferma il prof. Cultrera – è una bella esperienza visiva ma anche informativa. Sono scatti che riempiono gli occhi realizzati da un personaggio che, seguendo le tradizioni dei grandi fotografi siciliani, è riuscito a ritagliarsi un proprio importante spazio nell’ambito della divulgazione di libri fotografici. Che Brancati non solo arricchisce con il suo materiale ma riesce a ideare, a realizzare e a comporre anche graficamente, dando l’idea di un artista veramente compiuto”. Le iniziative legate ai solenni festeggiamenti in onore di Maria Santissima di Gulfi, dopo il fiume di folla che ha partecipato con grande intensità alla tradizionale “Salita della Madonna”, lungo i quattro chilometri di percorso che collegano il santuario con la Chiesa madre, proseguiranno anche domani, mercoledì 18 aprile, con la Giornata delle donne. Alle 11 la santa messa sarà tenuta da frate Giorgio Catania di Messina e animata dalle catechiste. In serata, alle 21, si terrà la rappresentazione teatrale di “Successe una volta: la leggenda vista da noi” a cura dei ragazzi del catechismo. Giovedì 19 aprile si celebra la Giornata dei pastori. Alle 10,30 il precetto pasquale degli studenti con la processione della Madonnina dalla chiesa del Carmelo verso la chiesa madre. Alle 11 la santa messa sarà presieduta da frate Daniele Cugnata di Ispica. Alle 19 la celebrazione eucaristica. Dopo la santa messa il simulacro di San Giuseppe dalla società operaia “Umberto I” sarà portato in Chiesa madre. Venerdì 20 aprile sarà, invece, la Giornata dei masci. Alle 11 la messa sarà presieduta da padre Giuseppe Barbera e animata dal gruppo del Rinnovamento nello Spirito, dalle cellule e dai gruppi di evangelizzazione. Alle 19 la celebrazione eucaristica e dopo la santa messa il simulacro di San Giuseppe sarà riportato nella sede della società operaia “Umberto I”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI