Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 18 Gennaio 2020

Cheese Art: conclusa stasera con migliaia di partecipanti la tre giorni dedicata al formaggio

DSCN0027

 

Non poteva che concludersi con una massiccia presenza di pubblico, domenica sera, la sesta edizione di “Cheese Art” organizzata a Ragusa dal CoRFiLaC. Tre giorni di degustazioni, approfondimenti scientifici, valorizzazione dei prodotti del territorio. La sesta edizione, dopo sei anni dall’ultimo appuntamento del 2006, ha risposto alle aspettative degli organizzatori con un flusso costante di visitatori che da venerdì pomeriggio, da quando è stato tagliato il nastro inaugurare della “Cacioteca regionale siciliana”, a stasera non hanno fatto mancare il loro apporto. Il bilancio è positivo, come spiega il prof. Giuseppe Licitra, presidente del CoRFiLaC: “Un'ottima e continua partecipazione anche da parte del pubblico che assieme ad esperti, ricercatori, produttori italiani e stranieri ha avuto modo di conoscere ancora una volta di vicino la bontà della produzione casearia di vari Paesi del mondo, con la naturale esaltazione dei nostri formaggi storici siciliani. Successi su più fronti, non solo con le degustazioni continue ma anche con i laboratori del gusto, a cui hanno partecipato anche alcuni turisti e che sono sempre stati pieni in ogni posto anche grazie a presenze come Capraro e Assenza. Il primo giorno abbiamo iniziato con lo chef Sultano e con una nonna del territorio ibleo. Abbiamo voluto mettere a confronto la signora che utilizza le materie prime e il grande chef stellato che per elaborare i suoi piatti torna alla ricerca dei prodotti storici e locali. Due mondi diversi a confronto  ma che hanno una radice comune che sono proprio le materie prime del territorio. In più abbiamo puntato sul latte vero a km 0, e Assenza ci ha già anticipato che intende utilizzarlo per alcune ricette così come vuole usare la prima cagliata che ha una consistenza molto tenere. Un gusto nuovo che entra nella pasticceria e che potrebbe anche rivoluzionarla. Ci sono poi gli altri aspetti di questo Cheese Art, ovvero la sinergia che si è venuta a creare tra 140 ricercatori da 19 Paesi del mondo con l'associazione WwTCa che è nata per condividere attraverso un network le conoscenze scientifiche acquisite. Nel consiglio direttivo oltre all'Italia fanno parte anche la Francia, gli Stati Uniti, la Serbia, la Mongolia e la Grecia. Alcuni di questi Paesi si sono già candidati per ospitare la prossima assemblea della WwTCa dopo quella che si è svolta stamani a Ragusa. Ma presto ci rivedremo per definire meglio le strategie per caratterizzare i formaggi storici nel mondo in modo da uniformare le metodologie di produzione e difendere in modo più preciso la valenza anche culturale di questi formaggi. L'altra grande scommessa è quella della Cacioteca Regionale Siciliana dove valorizzeremo i formaggi ma anche faremo la sperimentazione sulla stagionatura. Abbiamo già avuto molte richieste da parte di alcune aziende che vogliono presentare i loro prodotti al Teatro del Gusto e anche la Camera di Commercio è interessata per iniziative tese a valorizzare i prodotti del territorio, ma il vero obiettivo è camminare insieme ai produttori, agli stagionatori e ai consumatori”. Valorizzati i formaggi ma anche le ricette del territorio e l'abbinamento tra prodotti. Ad esempio nella pizza, il piatto completo per eccellenza, chiamato a recitare la parte del leone. Con condimenti tutti rigorosamente naturali e d’altissima qualità, come i salumi di Majore ma anche il Ragusano Dop, il piacentino ennese e la ricotta fresca di giornata. Pizze maxi gustate con curiosità e avidità dal pubblico che ha animato il “Teatro del gusto”, nel cuore della Cacioteca. “La pizza – dice il pizzaiolo Luciano Lo Presti che si è occupato della preparazione di tagli speciali, anche dolci con nutella – è il punto di riferimento della gastronomia non impegnativa. Un pasto veloce e completo che, grazie anche al supporto del formaggio di qualità, riesce a diventare sempre più appetitoso. Le pizze preparate appositamente per “Cheese Art”, con largo utilizzo di ingredienti naturali, hanno riscontrato il favore dei visitatori che hanno fatto a gara per potere degustare uno dei nostri tranci”. La “Cacioteca Regionale Siciliana” è già diventata meta di turismo itinerante. La testimonianza è arrivata nel pomeriggio dalla presenza di ben 58 centauri del “Motoclub ibleo” che a bordo delle loro possenti moto sono arrivati presso la struttura. Ad accoglierli il presidente del CorFiLaC, il prof. Licitra, che ha illustrato le caratteristiche dell’avveniristica struttura, invitandoli a degustare i formaggi internazionali, provenienti da ogni parte del mondo. I centauri del “Motoclub ibleo” hanno visitato la “Cacioteca” da cima a fondo manifestando il loro stupore per la qualità del lavoro svolto. E qualcuno, simpaticamente, ha aggiunto che potrebbe essere tratta ispirazione per realizzare, sempre a Ragusa, anche una “Mototeca”, così da esporre al pubblico le due ruote più belle e suggestive. Anche questo è stato Cheese Art 2012.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI