Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 25 Maggio 2019

Fondazione D'Ettoris: in …

Mag 23, 2019 Hits:169 Crotone

il nuovo romanzo di Mario…

Mag 23, 2019 Hits:184 Crotone

Alleanza Cattolica: …

Mag 23, 2019 Hits:170 Crotone

Le "Madonne nere…

Mag 21, 2019 Hits:245 Crotone

Il Cardinale Menichelli b…

Mag 14, 2019 Hits:535 Crotone

La Pallamano Crotone chiu…

Mag 14, 2019 Hits:539 Crotone

Cerrelli a Catanzaro con …

Mag 11, 2019 Hits:717 Crotone

I ragazzi della Frassati …

Mag 09, 2019 Hits:671 Crotone

Disabili psichichi, il lavoro resta aspettativa disattesa

Palermo, Borrelli e Vaccaro

Presentato sabato scorso a Ragusa, dal Consorzio “Sol.Coop.Ibleo”, Rete provinciale di imprese sociali ragusane, in collaborazione con l’Ufficio provinciale del Lavoro di Ragusa, diretto da Domenico Palermo, il libro dal titolo “Buone prassi per l’inclusione socio-lavorativa dei soggetti portatori di disabilità psico-sociale”. Si tratta di un testo frutto della collaborazione tra il Consorzio Laire, l'Asp 3 (nucleo interventi di Rete), Iraps, Idea Lavoro e il Consorzio Sol.Co. Catania. Alla presentazione hanno partecipato oltre a Palermo e al presidente del Sol.Coop.Ibleo, Salvatore Borrelli, anche Concetta Vaccaro, presidente del Consorzio La.I.Re., e Roberto Ortoleva, coordinatore progetto Interventi di rete Asp 3 di Catania. L’obiettivo del volume, come è stato spiegato durante la presentazione, è quello di mettere al centro di ogni cosa la dignità delle persone, soprattutto di chi vive un forte disagio psico-sociale, persone alle quali assicurare formazione umana e professionale. La cooperazione sociale, in questo senso, rappresenta un valido strumento di transizione e di supporto sia per la persona svantaggiata che vuole immettersi nel mercato del lavoro, sia per l’azienda.
Negli ultimi 10 anni, la cooperazione sociale è stata in grado, infatti, di promuovere l’inserimento delle persone con disabilità psico-sociale nel mercato del lavoro, grazie alla capacità di fare “rete”. Per questo motivo occorre puntare sulla cooperazione sociale come strumento di promozione e di politiche attive del lavoro. Il volume nasce e si sviluppa grazie all’esperienza sul campo e ai risultati raggiunti.

“Il lavoro è ancora oggi, per i disabili psichici – dice Borrelli – un’aspettativa disattesa e per loro il tasso di disoccupazione è ancora molto elevato. Le conoscenze ed esperienze maturate in questi anni hanno, però, portato a maturare la consapevolezza che si tratti di un obiettivo realisticamente perseguibile laddove si attivano metodologie e strumenti che riescono a leggere, interpretare e affrontare il problema nella sua complessità”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI