Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 27 Novembre 2020

Ibla Classica dedica uno spettacolo al Mediterraneo

Un nuovo grande successo che già dai primi appuntamenti preannuncia una intensa e straordinaria stagione per “Ibla Classica International”. Giunta alla sesta edizione, la stagione concertistica organizzata dall’Agimus è caratterizzata quest’anno da un’apertura ancora maggiore verso le altre arti. Dal bel canto si passa alla poesia, per arrivare alla danza, fino a presentare l’interessante connubio con la pittura e con artisti di calibro internazionale. Per il secondo appuntamento interno al cartellone 2011/2012 il direttore artistico, il maestro Giovanni Cultrera, ha presentato domenica scorsa al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla un interessante e variegato evento, con un ricco programma di testi letterari impegnati di Bufalino, Montale, Omero, Gibran, Tucidide, Camus in perfetto abbinamento con musiche e danze della cultura mediterranea. Un evento che ha rivisitato lo stretto rapporto delle tradizioni culturali e la storia che ruota attorno al Mare Nostrum. Non a caso il titolo dello spettacolo era "Mediterraneo... odi et amo". Tantissimo il pubblico al punto tale che sono state programmate già due repliche, la prima il prossimo 18 dicembre all'auditorium Santa Teresa, all'interno della Facoltà di Lingue. Lo spettacolo ha coniugato poesia, letteratura, musica, danza e la pittura con l'esposizione di un’opera dell’artista Giovanni La Cognata dal titolo "Ricordo di un sogno". Promotore dell'iniziativa è stato il club service "Inner Wheel club di Ragusa - Contea di Modica" rappresentato dalla presidente Adriana Antoci e dalla immediate past president Lucia Di Paola. Tra gli ospiti intervenuti sul palco, a suggello dell'importanza culturale della manifestazione, anche il governatore distrettuale del Rotary, Francesco Arezzo di Trifiletti. Inserito all'interno del cartellone di Ibla Classica per sviluppare un gemellaggio culturale con il club service, lo spettacolo nasce da un'idea di Adriana Antoci, Giovanni Favaccio ed Emanuele Guerrieri Ciaceri, con la regia di Giovanni Favaccio. In scena Elda Carbonaro, Giusy Giarratana, Eleonora Spadaro, Nora Karkaba, Giovanni Favaccio, Lisa Cultrera, Marco Comitini. Musiche di Noa, Bennato, Fossati, Madredeus eseguite da Emanule Guerrieri Ciaceri, Lucia Lentinello e Peppe Di Mauro. I momenti coreografici sono stati curati da Caterina Abela dello Studio Danza Khoreios. Hanno danzato con grande eleganza ed armonia i giovani Mario Soletti e Flavia Spadaro. Il ricavato delle repliche dello spettacolo andrà in beneficenza in favore di una bambina di origine marocchina che vive a Ragusa e che presenta problemi di salute. “Con il Marocco si è aperto un ponte culturale e di solidarietà – ha spiegato Giovanni Cultrera – Siamo molto vicini alla bimba e ci riempie di gioia poterla aiutare. Oltre alla solidarietà, ci lega adesso al Marocco anche un legame culturale in quanto Ibla Classica è stata scelta quale palcoscenico mediterraneo per fare esibire il vincitore del concorso internazionale più importante di questo Paese”. Un legame, quello instaurato con il Marocco per il “10° Concours International de Piano Son Altesse Royale la Princesse Lalla Meryem”, che rappresenta un ulteriore elemento di prestigio per la stagione concertistica iblea, rimarcandone sempre più il forte carattere di internazionalità.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI