Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 18 Ottobre 2021

Modica - Il bilancio della seconda edizione dell’happening ibleo della solidarietà

“Il terzo settore come componente essenziale per lo sviluppo sostenibile di un territorio”. E’ il messaggio forte venuto fuori dalla seconda edizione dell’happening ibleo della solidarietà i cui lavori si sono tenuti giovedì e venerdì scorso a Modica. Una serie di appuntamenti hanno caratterizzato un evento locale inquadrato in un contesto più ampio a livello siciliano. Tanto è vero che le risultanze emerse contribuiranno alla raccolta di elementi in fase di predisposizione in vista del 12esimo happening regionale della solidarietà che, promosso dal consorzio Sol.Co. di Catania, si terrà a Siracusa dall’1 al 3 dicembre. “I risultati ottenuti a Modica – afferma Borrelli – si possono definire entusiasmanti proprio perché ci eravamo posti l’obiettivo, dopo l’esperienza dello scorso anno a Ragusa, di “contaminare” un’altra parte del territorio provinciale. E devo dire che la partecipazione è stata intensa proprio per l’attenzione che i nostri momenti d’incontro sono riusciti a catturare. Devo ringraziare il Comune di Modica che ci ha sostenuto ma anche tutti i partner che, in un modo o nell’altro, hanno voluto supportare questo momento di confronto sui temi dello sviluppo e dell’economia non dimenticando il ruolo centrale che il terzo settore, oggi più che mai, è in grado di rivendicare. Abbiamo fatto emergere una serie di riflessioni di ampio respiro che potranno essere utili per contestualizzare nella realtà iblea alcuni progetti di sicura valenza, acquisendo le peculiarità di modelli positivi già attuati in varie zone del Paese e che possono attecchire anche dalle nostre parti”.

La due giorni, promossa dal consorzio Sol.coop. ibleo, è stata salutata con favore dai numerosi esperti che hanno animato le varie sezioni dell’happening. Tra queste anche il cosiddetto “Spazio Neutro”, servizio attivo a Ragusa da tre anni che è stato mutuato da Milano dove, quindici anni fa, ad averlo attivato era stato il Centro bambino maltrattato. Lo “Spazio Neutro” è il luogo fisico in cui, tramite l’assistenza dei Servizi sociali, avvengono gli incontri tra il genitore non collocatario e il figlio. “Ci può essere un affido condiviso – spiega Lucia Frasca, vicepresidente di Sol.Coop. ibleo – che, però, può comunque essere caratterizzato da una serie di conflitti tra il padre e la madre. Quindi, il bambino può rimanere, come in alcuni casi, con la madre affidataria e non vede lo stesso il padre. In attesa che i processi legali si completino, il bambino ha l’opportunità di incontrare il genitore in questo luogo per l’appunto neutro. Abbiamo cercato di adattare il modello milanese alla nostra realtà territoriale che è strutturalmente e culturalmente diversa. Ci siamo confrontati, durante l’happening, sulle modalità di gestione per la migliore resa del servizio stesso. E’ una grande conquista soprattutto a tutela dei più piccoli”.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI