Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 13 Agosto 2020

Modica - Carta stampa o internet, i due sistemi possono coesistere

“E’ corretto parlare oggi di due informazioni. L’informazione tradizionale è effettivamente in gravi difficoltà.

Le previsioni sono terrificanti. Lo storico Philip Meyer prevede la morte della carta stampata in America nel primo semestre del 2043.”

Questo è l’incipit con il quale il Presidente dell’ANSA, Giulio Anselmi, ha aperto la Lectio Magistralis, al Teatro Garibaldi, in chiusura del convegno sul tema “ Notizie dalla Stampa dove va il giornalismo in Italia? Sviluppatosi su sei sezioni e che anche ieri sera ha registrato una vasta partecipazione, fattiva quella degli studenti della Facoltà di Scienza della Comunicazione dell’Ateneo catanese.

I motivi del declino sono i costi di lavoro crescenti, l’invecchiamento del prodotto ( i giovani non avvicinano il giornale di carta), il crollo della pubblicità conseguente alla crisi economica e le operazioni di marketing, come i collaterali o osteggiando l’arrivo dei computer in redazione. I rimedi sono stati quelli di un taglio del personale. Gli errori sono quelli che si connettono agli scarsi investimenti sul prodotto.

Rupert Murdoch il 12 marzo del 2006 sentenziò: l’informazione scritta deve adattarsi a l cambiamento o morire. “Una nuova generazione di consumatori di media è di fronte a noi e chiede di ricevere informazioni, quando le vuole, dove le vuole e come le vuole”.

Pensare che oggi internet è una tempesta passeggera, di una moda è un’illusione. Non cogliere le opportunità offerte dai new media significa essere travolti. Oggi si è trasformato il ruolo sociale dei giornali

Quali sono i punti di forza e di debolezza delle due informazioni ?

La carta vanta credibilità, approfondimento e autorevolezza. L’informazione sul Web rapidità e sintesi. E’ questo quello che gradiscono i giovani e la maggior parte dei web journal si aggiorna con frequenza. E la sintesi nel giornalismo è sempre un valore aggiunto.

Secondo Anselmi oggi siano di fronte a un clima nuovo e l’idea stessa di obiettività e più che mai contestata da chi ritiene che i giornali siano strumenti di battaglia politica.

Dietro il conflitto tra le informazioni si staglia anche una visione del mondo, una richiesta di libertà e una voglia di democrazia sostanziale, una richiesta di partecipazione che il mondo del web, sembra soddisfare al meglio.

I giornali cartacei dalla parte del potere, internet dalla parte dell’opinione pubblica.

Alla fine il giornalismo vivrà se “filtra”. E’ inutile incaponirsi a cercare il primato per l’informazione cartacea sulle notizie già arate da altri media. Alcune cose vanno però, nei due sistemi conservati: trovare notizie, scegliere le notizie, verificarle. Gerarchizzarle, valorizzando l’informazione restituendone quel senso che ha sovrabbondanza di Internet tende a dissolvere. Raccontare in modo chiaro quello che succede e il suo significato, senza l’ossessione, salvo che per agenzie on line, della rapidità.

Internet, gestito, non deificato, darà una mano.

Con i saluti del Sindaco, Antonello Buscema si è chiuso così un momento importante di riflessione sulla stampa in Italia a beneficio di quanti, studenti universitari e delle scuole medie superiori, hanno avuto voglia e impiegato tempo per accrescere il loro sapere su quello che continua ad essere una dei mestieri più belli del mondo.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI