Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 21 Ottobre 2021

L'aumento dell'iva causa solo un danno a esercenti e consumatori

Anche la Confesercenti di Ragusa si dice perplessa dopo che sabato è scattato l'aumento dell'iva con un piu' 1%. "E' già scattato l'aumento e si comincia ancora a parlare di altri aumenti che questo Governo nazionale vuole mettere - spiega Pippo Occhipinti, presidente territoriale della Confesercenti di Ragusa - Questa manovra finanziaria è servita solo a colpire le famiglie sulle quali peserà il 70% delle somme che si intendono recuperare. Questo penalizza i consumi che secondo stime attendibili avranno una crescita pari a zero nel 2012. Un vero problema anche per le imprese commerciali e turistiche che, così facendo, saranno costrette a chiudere o a spostare il proprio business altrove, magari in altri Paesi. Il nostro Governo nazionale, piuttosto che aiutare le imprese e le famiglie, ha preferito gravare ancora sui lavoratori piuttosto che tagliare gli sprechi e la spesa della politica. I nostri gorvernati hanno rinviato ancora, prendendoci così in giro come sempre e noi non possiamo piu' accettare questi sopprusi. Tagliando gli sprechi secondo gli esperti, conti alla mano, avremmo recuperato il 50% della manovra. Il resto si sarebbe recuperato dal patrimonio immobiale pubblico e dalle partecipazioni statali. Insomma hanno ritenuto garantirsi loro piuttosto che pensare alla crescita del Paese. Avremmo raggiunto lo scopo senza aumentare l'iva e senza nuove tasse. Credo sia arrivato il momento di fare sentire la voce di tutto il Paese che lavora e produce economia. E' l'ora di dire basta".
Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI