Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 26 Aprile 2017

"Black Island"…

Apr 20, 2017 Hits:216 Crotone

"Maria Taglioni…

Apr 20, 2017 Hits:230 Crotone

A San Leonardo di Cutro s…

Apr 18, 2017 Hits:312 Crotone

Wecar Crotone perde in ca…

Apr 12, 2017 Hits:393 Crotone

A gonfie vele il gemellag…

Apr 04, 2017 Hits:708 Crotone

Santa Spina a Umbriatico…

Apr 01, 2017 Hits:636 Crotone

Successo della "Mari…

Apr 01, 2017 Hits:618 Crotone

Celebrata la Passione del Signore con l'Anc

Il giorno della Passione del Signore. Il giorno in cui si celebra l'uccisione di Cristo che non segnala la fine dell'umanità. Bensì è la fine del peccato dell'umanità. Ed ecco perché occorre pregare affinché la stessa umanità, per la quale Gesù si è consegnato ai suoi uccisori come agnello mansueto, sia sostenuta nell'impegno di vera conversione e di rinuncia alla violenza. Sono stati questi i passaggi caratterizzanti del momento religioso di ieri pomeriggio in cappella, all’ospedale Civile di Ragusa, che ha avuto un significato ancora più particolare perché animata dall’Associazione nazionale carabinieri. L’Anc, ancora una volta, si è dimostrata parecchio vicina ai vari appuntamenti promossi dall’ufficio diocesano per la Pastorale della salute, a maggior ragione durante il periodo pasquale quando i riti in questione sono vissuti con maggiore intensità. Protagonisti anche nella proclamazione della Passione del Signore. A celebrare la funzione religiosa il direttore della Pastorale della salute, don Giorgio Occhipinti, che, nella fase iniziale, si è prostrato a terra per significare il grave dolore che investe l’intera umanità in coincidenza con la morte del Signore. Sempre ieri, inoltre, ma di mattina, la Pastorale della salute aveva promosso un altro momento speciale. Infatti, nel reparto Centro diurno alzheimer dell’ospedale, si era tenuta una Via Crucis animata dagli ospiti e dal personale del centro. “Ci siamo rivolti agli ammalati – ha spiegato don Occhipinti – per annunciare a ciascuno di loro la gioia della Pasqua. La Risurrezione di Gesù è il fondamento della nostra speranza”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI