Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 19 Maggio 2022

Tutto pronto per il gran giorno di festa in onore di San Giorgio martire, glorioso patrono di Ragusa

Festa di San Giorgio 2016 il santo cavaliere e il Duomo

La festa è cominciata. Ed è una festa emozionante, coinvolgente, affascinante. Una festa che cattura l’intimo religioso di ciascun devoto e di ciascun fedele. Capace di trascinare credenti, e non solo, per tre giorni, quelli in cui si tengono le processioni del simulacro del santo cavaliere e dell’Arca santa, con un trasporto che non ha eguali. Ieri sera, a Ragusa, i solenni festeggiamenti in onore di San Giorgio, glorioso patrono della città, sono stati caratterizzati dalla scenografica uscita dal Duomo. I portatori, a spalla, hanno fatto scendere per la ripida scalinata che si incastona nel prospetto creato dal Gagliardi i due simulacri (prima uno, poi l’altro) per animare il primo corteo processionale della festa. Per le viuzze del quartiere barocco è risuonato più volte il grido “Truonu Viva”, frutto di una identità e di una tradizione che si tramanda da secoli. Il cuore dei “sangiorgiari” ha cominciato a battere forte nel momento in cui è stata scandita la giaculatoria che precede il passaggio del santo cavaliere che si è fatto spazio tra due ali di folla. Quindi i portatori hanno dato vita al rito dell’“abballariata”, un’altra delle caratteristiche che rendono più accattivante il momento dell’uscita. Il simulacro è stato posizionato sulla “Sangiorgiomobile”. Sempre caratteristica, poi, la fase dell’arrivo nella chiesa delle Anime sante del Purgatorio. L’Arca Santa è stata ricoverata all’interno della chiesa per essere poi recuperata questa sera. Mentre è proseguita la processione del santo cavaliere sino alla chiesa di San Tommaso apostolo, accanto ai Giardini iblei. Momenti intensi di fede, con la processione guidata dal parroco del Duomo, don Pietro Floridia, hanno caratterizzato la fase più suggestiva, al calare delle prime ombre della sera, durante il passaggio del corteo religioso. Il simulacro del santo cavaliere trascorrerà la giornata nella chiesa di San Tommaso sino all’avvio della seconda processione in programma a partire da stasera. La fase centrale dei solenni festeggiamenti è in programma domani, domenica 5 giugno. Dopo le sante messe delle 10,30 e delle 12, alle 17,15, al Duomo, ci sarà la recita del Santissimo Rosario e la coroncina della Divina misericordia. Alle 18,30, la solenne concelebrazione eucaristica sarà presieduta dal vescovo della Diocesi di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, e animata dalla schola cantorum parrocchiale diretta dal maestro Salvatore Tribastone, con all’organo il maestro Salvatore Guarrella. Parteciperanno le autorità civili e militari provinciali. Alle 19,30, poi, prenderà il via la solenne processione con il simulacro di San Giorgio e l’Arca Santa. Queste le vie che saranno interessate dal corteo: piazza Duomo, via Conte Cabrera, Largo Camerina, via Orfanatrofio, via delle Suore, Ten. La Rocca, Giardini, piazza G.B. Odierna, corso XXV aprile, piazza Pola, corso XXV aprile, piazza Duomo, via Capitano Bocchieri, via Ten. Distefano, via XI febbraio, via del Mercato, piazza Repubblica, chiesa Anime sante del Purgatorio, dove saranno celebrati solennemente i Vespri. Quindi la processione proseguirà per piazza Repubblica, via del Mercato, via Orfanatrofio, piazza Pola, corso XXV Aprile, piazza Duomo, sino al rientro nella Chiesa Madre di San Giorgio. Sempre domani, poi, alle 9, il festoso suono delle campane e lo sparo di colpi a cannone annuncerà alla città il giorno di festa. Alle 10,30, ci sarà l’esibizione del complesso bandistico “San Giorgio”, diretto dal maestro Giacomo Antonio Palermo, per le principali vie di Ibla. Quindi, alle 17, in piazza Duomo, la prima edizione del raduno bandistico “Ibla in musica”. Alle 21, sempre in piazza, “Aspettando San Giorgio”. Sarà proposto lo spettacolo tratto da un’idea di Franco Battiato dal titolo “Opere Pupe” di e con Lucia Sardo. Al termine della processione gran finale artistico e fantasmagorico con mapping 3D eseguito da Elisa Nieli e spettacolo piromusicale eseguito dalla premiata ditta Fratelli Vaccalluzzo di Belpasso.

Festa di San Giorgio 2016 la processione

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI