Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 28 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:994 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1547 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1069 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1771 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2532 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:2034 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:2025 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1976 Crotone

Vertenza precari Asp, la Cisl disponibile al confronto

“Prendiamo atto della posizione assunta dalla Cgil all’interno dell’assemblea tenutasi lunedì scorso. Posizione che sembra essere favorevole ad una riapertura del confronto sulla fase vertenziale in atto, coinvolgendo Cisl e Uil, con la riattivazione del tavolo tecnico, così come da noi ventilato nei giorni scorsi”. Nuovo intervento del segretario provinciale dell’Ust Cisl di Ragusa, Enzo Romeo, sulla complessa, e ancora non chiusa, vertenza precari. Romeo chiarisce, però, che “per quanto ci riguarda, è opportuno che tale occasione possa essere utile per dare il via ad un ragionamento complessivo nei confronti di tutto il precariato presente presso l’Asp, con riferimento a contrattisti e lavoratori Asu. E’ indispensabile che, per seguire tale percorso, venga predisposto un fronte comune e compatto, trovando le soluzioni in alcuni casi, laddove possibile, qui a Ragusa. Per gli altri, invece, si renderà necessario approntare una piattaforma condivisa anche con l’Asp, piattaforma da portare a Palermo, a quel tavolo regionale che l’assessore alla Sanità Massimo Russo aveva promesso di istituire nel dicembre scorso. In quest’ultimo caso chiederemo l’intervento anche delle segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil. Perché – aggiunge Romeo – questa è una lotta che non possiamo condurre da soli, in particolare nel confronto con il Governo regionale che sarà chiamato a fornirci un ventaglio di ipotesi risolutive. L’auspicio è che si possano predisporre le procedure per una reale stabilizzazione di questi lavoratori. Altrimenti si continuerà a pensare all’attivazione di progetti tesi a tamponare il problema ma che non garantiranno mai alcuna soluzione efficace”.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI