Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 29 Novembre 2020

Numerosi fedeli ieri sera alla processione del Preziosissimo sangue

Preziosissimo Sangue 2015 la processione

Una consistente presenza di fedeli ha animato, ieri sera, la processione eucaristica che ha concluso le celebrazioni religiose dedicate al Preziosissimo sangue. I parrocchiani della chiesa di via Ettore Fieramosca hanno formato un lungo corteo che, seguito dal complesso bandistico “Risveglio kamarinense” di Santa Croce, ha caratterizzato le varie tappe di una intensa fase processionale snodatasi per le principali vie del quartiere. A recare l’ostensorio sotto il tradizionale baldacchino padre Nello Dell’Agli. La processione è stata aperta dal parroco, padre Roberto Asta. C’era anche il sacerdote Paolo La Terra. Era stato lo stesso padre Asta, prima che la processione prendesse il via, a presiedere la solenne concelebrazione che fatto registrare una notevole partecipazione di residenti del popoloso quartiere. Durante la santa messa è stato ricordato il significato dei giorni di festa legati al Preziosissimo Sangue ma soprattutto il senso che la parrocchia ha voluto dare alle celebrazioni, caratterizzate da un costante richiamo alla sobrietà e alla fraternità. In serata, poi, dopo la processione, le iniziative ricreative hanno preso il via con la sagra dei “cavatieddi” e del cannolo siciliano oltre all’esibizione del musical proposto dall’oratorio salesiano “Domenico Savio” di Ragusa dal titolo “A.A.A. buona stoffa cercasi”. con l’esibizione musicale del complesso bandistico “Città di Scicli”. Al termine dei vari appuntamenti, sostenuti anche dall’impresa ecologica Busso Sebastiano che gestisce il servizio di igiene ambientale sul territorio comunale di Ragusa, padre Asta ha tracciato un bilancio degli appuntamenti tenutisi nel corso della settimana. “Abbiamo rispettato in pieno i programmi che ci eravamo prefissati – afferma – puntando ad essere vicini il più possibile alle famiglie della nostra città provate dalla crisi economica. Abbiamo altresì cercato di attivare opportuni momenti caritativi e di solidarietà. E’ stato questo, secondo noi, il modo migliore per rendere onore al Preziosissimo Sangue e, soprattutto, per sviluppare quelle occasioni di fraternità che rendono ancora più speciali occasioni del genere. Manifesto, inoltre, il mio ringraziamento nei confronti di tutti coloro che ci hanno dato una mano per garantire la migliore riuscita della festa nel rispetto delle indicazioni che ci siamo dati anche per quest’anno, vale a dire puntando tutto sulla solidarietà e sulla sobrietà”.

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI