Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 22 Maggio 2019

Le "Madonne nere…

Mag 21, 2019 Hits:90 Crotone

Il Cardinale Menichelli b…

Mag 14, 2019 Hits:402 Crotone

La Pallamano Crotone chiu…

Mag 14, 2019 Hits:409 Crotone

Cerrelli a Catanzaro con …

Mag 11, 2019 Hits:580 Crotone

I ragazzi della Frassati …

Mag 09, 2019 Hits:551 Crotone

La D'Ettoris Editori al S…

Mag 08, 2019 Hits:645 Crotone

Alla Fondazione D'Ettoris…

Mag 08, 2019 Hits:582 Crotone

Gerardo Sacco realizza cr…

Mag 07, 2019 Hits:573 Crotone

Prende il via domenica con la benedizione delle palme la settimana delle Palme

Don Antonio Maria Forgione e i portatori di Santa Maria di Betlem

Torna la festa delle feste. L’evento religioso più atteso nella città di Modica, capitale dell’antica Contea. Torna una cerimonia speciale ricca di emozioni, suggestioni, fede, devozione e intensità spirituale. Gli aggettivi non basterebbero mai per definire l’evento religioso di domenica 5 aprile, quando, in occasione della Santa Pasqua, rivivrà il rito della “Madonna vasa-vasa” che, dopo avere cercato invano il proprio figlio, lo trova a mezzodì in punto, nel cuore del centro storico, di fronte al palazzo municipale, animando il suggestivo incontro con il Cristo risorto e il successivo bacio. E’ proprio in quel momento che i fedeli applaudono la liberazione di una madre che ritrova il figlio che credeva morto. Una madre che, invece, può gioire della resurrezione. Un rito che si ripete, di anno in anno, da decenni, addirittura da secoli, uguale a se stesso, per marcare l’identità di un popolo, quello modicano, da sempre molto legato al culto della Vergine. Un bacio che viene poi ripetuto dinanzi alla chiesa madre di San Pietro e, per la terza volta, all’ingresso di Santa Maria di Betlem, la chiesa che ospita i due simulacri. Ma prima di essere posati, è accaduto l’anno scorso e anche nel 2013, il bacio tra i due simulacri anche a metà della navata centrale e sotto l’altare maggiore. Il parroco, don Antonio Maria Forgione, e il consiglio pastorale della parrocchia Santa Maria di Betlem e Santa Margherita hanno, intanto, predisposto gli eventi religiosi che caratterizzeranno la Settimana santa 2015 che prenderà il via dal 29 aprile con la tradizionale Domenica delle palme. In particolare, alle 10,30, nella chiesa di Santa Margherita, ci sarà la benedizione delle palme e subito dopo, in processione, ci si muoverà per raggiungere la chiesa di Santa Maria di Betlem dove, alle 11, sarà celebrata la solenne eucarestia. Da segnalare, inoltre, alle 19, in occasione della santa messa serale, il suggestivo rito della “Deposizione della Croce” che sarà guidato da Davide Olivo, baccelliere in Teologia, che sta effettuato una esperienza pastorale in parrocchia. Rito che sarà caratterizzato dalla processione interna e dalla venerazione del Cristo morto nella monumentale cappella Palatina.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI