Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 25 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:906 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1504 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1026 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1725 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2483 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1991 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1982 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1932 Crotone

Il Gesù Bambino del Santissimo Salvatore è stato accolto nella cappella dell'ospedale

Don Giorgio Occhipinti e il simulacro di Gesù Bambino

La preghiera con la benedizione dei bambini. E’ stato il momento più caratterizzante della giornata dell’Epifania del Signore celebrata, ieri pomeriggio, nella cappella dell’ospedale Civile. Un momento che, promosso dall’ufficio diocesano per la pastorale della salute di Ragusa, è stato contrassegnato dall’accoglienza del simulacro di Gesù Bambino proveniente dalla chiesa del Santissimo Salvatore. Caratteristica, solenne e molto bella era la processione con il suddetto simulacro che si svolgeva 30-20 anni fa, processione molto partecipata e sentita dai piccoli e dai grandi parrocchiani: numerosi fedeli, al seguito di quella piccola statuetta portata dai ministranti, percorrevano alcune vie in cui sorge la parrocchia del centro storico superiore di Ragusa. A distanza di trent'anni, questa celebrazione della pietà popolare va sempre più ad affievolirsi. “Ma quest’anno – chiarisce il direttore dell’ufficio diocesano, don Giorgio Occhipinti – abbiamo fatto in modo che il simulacro potesse essere portato all’ospedale Civile, cercando in piccolo di rievocare quella tradizione. La statuetta che si venera al Santissimo Salvatore racchiude i due misteri di Gesù Cristo, nascita e morte. Infatti, il bambino che giace nella mangiatoia, sarà l'uomo deposto nel sepolcro”. La processione nei reparti, con la benedizione dei malati e la partecipazione dei volontari dell’Avo, assieme ai componenti della cappellania ospedaliera, ha concluso il programma delle celebrazioni predisposte per la Novena di Natale nei due presidi ospedalieri della città di Ragusa. Celebrazioni che sono risultate molto partecipate.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI