Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 25 Novembre 2020

Modica - Il disagio sociale richiede letture attente e risposte lungimiranti

Partecipiamo di una diffusa preoccupazione per l’emergere di tanto disagio sociale nella nostra città, che al momento è esploso nel centro storico ma in altri momenti (se non già ora) riguarda anche le periferie. E però un primo elemento dobbiamo coglierlo: non ci sono solo i fatti più rilevanti. Ci sono fatti più ordinari che sono altrettanto preoccupanti: tanti luoghi abitati fino a notte fonda, anche da ragazzi, con schiamazzi, sporcizia, piccole ma costanti azioni distruttive. La prima cosa che viene da pensare è: dove sono le famiglie? Dove sono i padri e le madri che danno orari, che si preoccupano con chi escono i figli? Contemporaneamente tutti passano dalla scuola: cosa si è fatto effettivamente contro la dispersione? Nel bicentenario della nascita di don Bosco la scuola è interpellata a ricordarsi che l’educazione è cosa del cuore e deve sempre avere un occhio di riguardo per i più difficili. Ben vengano le eccellenze, ma l’eccellenza più grande – che riguarda anzitutto la capacità educativa dei docenti - è riuscire a «non perdere nessuno». E questo certo dovrebbe essere anzitutto testimoniato dalle parrocchie. In una serata a San Giovanni con don Cosimo Scordato una giovane si chiedeva accoratamente cosa si può fare per i giovani che si smarriscono, ricordandone uno – suicidatosi qualche settimana fa – passato comunque per la parrocchia. Ecco ci sembra questo sia il tono giusto: cosa abbiamo fatto per prevenire? Cosa si può fare? E al cuore di tutto – anzitutto per i cristiani, ma non solo – sta una verità di fondo: non esistono delinquenti, esistono persone che lo “diventano”. Perché non si sono date regole, perché non si è stati accanto; certo anche perché alcune cose ci sfuggono e in alcuni casi c’è un mistero insondabile di libertà che non sceglie il bene. E però ci sembra importante accompagnare la cronaca di questi giorni con una riflessione che speriamo tutti ci coinvolga pensandoci tutti figli e fratelli e genitori (per i cristiani c’è un solo Padre, e a Modica c’è anche la percezione della Mamma che tutti dal suo santuario ha voluto guardare da una porta aperta all’intera città). Intanto certo è bene che intervengano le forze dell’ordine, che ringraziamo per il loro servizio e la loro fatica rispetto a comportamenti gravi e pesanti; ben venga il Comitato per l’ordine pubblico per coordinare interventi e monitorare il territorio. Però, se vogliamo superare veramente questo crinale pericoloso, come città dobbiamo reagire mettendo in campo tensioni educative e civiche, capacità di raccordo, umile riflessione e revisione di vita nelle nostre famiglie, scuole e parrocchie. Un segno può aiutare: sono i cantieri educativi come Crisci ranni in cui, con pazienza, si sperimenta a volte anche l’insuccesso, ma anzitutto la bella possibilità di cambiamento in meglio del tessuto sociale e dei ragazzi che crescono. Come Caritas invitiamo allora a rafforzare tutti i segni costruttivi di bene comune, di prevenzione, di coesione sociale: il volontariato è in questo momento testimonianza che la città ci sta a cuore. Vorremmo altresì rinnovare il Patto educativo siglato nel nome di don Puglisi nel settembre 2010 e pensiamo anche ad una preghiera per la città, sull’esempio di tanta gente semplice – anziani, ammalati – che la sera pregano “pe figghi ri mamma, tutti, i buoni e i tinti”. Vigiliamo tutti nell’amore e nella fede «che muove le montagne».

 

Maurilio Assenza

Direttore della Caritas diocesana

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI