Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 18 Ottobre 2021

“Rifiuti e Responsabilità: un mondo migliore inizia a casa mia”

DSC_1097

 

“Responsabilità è Pensare Lontano”…così Ezio Orzes ha introdotto il convegno-dibattito organizzato dal Movimento Città Ragusa, “Rifiuti e Responsabilità: un mondo migliore inizia a casa mia”.

Chi non ha avuto modo di essere presente ha sicuramente perso l’occasione di ascoltare una relazione di grande spessore e affabulazione, con tanti esempi illuminanti e concreti, di come la partecipazione e il coinvolgimento civico, guidati saggiamente da persone fattive, riescono a produrre risultati tutt’altro che utopici. E in tempi relativamente brevi.

Basti pensare che a Ponte nelle Alpi, piccolo comune della provincia di Belluno (di cui Orzes, a capo di un movimento civico, è assessore all’Ambiente), dopo i primi 5 mesi di sperimentazione la raccolta differenziata toccava già quota 80% (oggi al 90%!) e si passava da 385 kg di rifiuti pro-capite ai 30 kg di oggi.

Dopo le “fisiologiche” diffidenze e difficoltà iniziali, i cittadini hanno recepito con velocità impressionante, che dotarsi di una gestione di rifiuti “porta a porta”, rappresenta la più efficace opportunità di coniugare tutela ambientale (e di salute) e risparmio economico.

Avvalendosi anche di input e suggerimenti degli stessi cittadini (dai più giovani ai più anziani, la cui saggezza in tema di recupero e riuso viene tenuta in alta considerazione ) si è riusciti a mentre a punto un sistema che consente efficiente recupero di materiali di rifiuto, abbattimento dei costi di conferimento in discarica e risparmi in bolletta per tutti.

Con questo virtuoso percorso intrapreso, Ponte nelle Alpi è stato premiato più volte come il Comune più “riciclone” d’Italia.

Basterebbe poco per seguirne le tracce, come brillantemente esposto da Carmelo Ialacqua, moderatore del convegno, e incrementare quel misero 17% di differenziata attualmente registrata a Ragusa.

Ma sembrerebbe che, al momento, il primato di riciclo cui ambisce la nostra città sia quello, triste... …dei politici!

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI