Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 15 Ottobre 2021

L’Handball Crazy Reùsia chiude la stagione con una sconfitta

L'Handball Crazy Reùsia edizione 2012-2013

 

Si è chiusa con una sconfitta la stagione regolare per l’Handball Crazy Reùsia. Contro la prima della classe, la Pallamano Scicli, il sette del presidente Riccardo Tasca nulla ha potuto se non tentare di opporre una strenua resistenza. In campo esterno, nell’ultima gara del campionato di serie B, i reùsini hanno cercato di tenere fede il più possibile al proprio impegno che, alla vigilia, era quello di vendere cara la pelle. E, fino ad un certo punto, la squadra ragusana, consapevole dell’importanza di ben figurare nel contesto di un derby, ha dimostrato di potersela giocare quasi alla pari con i più quotati avversari. Poi, però, è prevalsa tutta la forza del gruppo di casa che, non a caso, in classifica occupa la prima posizione con il punteggio di 27 punti. La gara è finita con uno scarto di dieci reti (27-17), con l’Handball Crazy Reùsia che ha cercato di ridurre lo svantaggio senza peraltro ottenere riscontri adeguati. La compagine del capoluogo ha dunque concluso il proprio campionato con 11 punti all’attivo, chiudendo al sesto posto. “Certo, dopo l’inizio travolgente del nostro torneo – rivela il presidente Tasca – gli obiettivi erano altri. Avevamo dimostrato, da subito, nonostante provenissimo da un anno sabbatico, ciò di cui eravamo capaci. E abbiamo creato parecchio imbarazzo a tutte le squadre che si erano volute misurare con noi. Avevamo indovinato una serie di risultati positivi che ci avevano fatto sperare per il meglio. Poi, non dimenticherò mai di ribadirlo, abbiamo subito una penalizzazione abbastanza pesante che ha avuto l’effetto di tarparci le ali. A quel punto, qualcosa si è rotto nel nostro giocattolo e non siamo più stati in grado di essere competitivi come prima. Davvero un peccato perché per questa stagione avremmo davvero meritato altra sorte. Ma non ce ne rammarichiamo più di tanto in quanto sappiamo che il nostro gruppo è formato soprattutto da giovani che credono in questa disciplina sportiva e che mirano a potenziarla il più possibile. L’aspetto più importante, comunque, era quello di gettare un seme per consentire la ripresa dell’attività sportiva nella nostra città. E riteniamo di esserci riusciti anche perché abbiamo una squadra di giovanissimi che sta lavorando con grande abnegazione per cercare di raggiungere risultati soddisfacenti. E’ questo, quindi, l’aspetto che ci gratifica maggiormente e che ci spinge ad andare avanti anche per il prossimo futuro”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI