Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 10 Agosto 2020

Per la prima volta a Ragusa le gare per il “Brevetto militare sportivo tedesco”

Foto di gruppo

 

Il Brevetto sportivo tedesco, chiamato in Germania “Deutsches Sportabzeichen”, meglio noto nel suo acronimo Dsa, è normato, organizzato, controllato e rilasciato dal Dosb (Deutscher Olympischer SportBund), ente federale ed olimpico tedesco. Il Dsa conseguito da maggiorenni, sin dal 1958 ha dignità di “Ordine ed onorificenza della Repubblica federale di Germania" sancita con legge dello Stato tedesco. Anche in Italia una folta presenza di discendenti di emigrati tedeschi degli inizi del XX secolo ha tenuto vivo questa passione per lo sport. Sin dal 1909, quindi prima che nascesse il Dsa, esiste una associazione sportiva tedesca chiamata Deutscher Sport-Verein Mailand, con sede in Milano, che organizza praticamente da sempre il Brevetto sportivo tedesco per i propri soci. Grande impulso all'attività ha però dato l'interesse dimostrato dai militari italiani al Brevetto e la vicinanza del comando Nrdc-Ita, dove esiste una delegazione della Bundeswehr. Così, su iniziativa di alcuni militari italiani, nel 2003 l'attività, oltre che ad essere organizzata per gli studenti delle scuole tedesche di Milano, ha cominciato ad essere proposta alle forze armate ed ai corpi armati italiani. Lunedì 15, martedì 16 e mercoledì 17 aprile, il Dsa potrà essere conseguito anche a Ragusa dopo le prove che si terranno nei tre giorni all’impianto sportivo di contrada Petrulli e alla piscina comunale di contrada Selvaggio. La manifestazione, per la prima volta nell’area iblea, è stata presentata questa mattina nei locali della Scuola regionale di sport della Sicilia dal delegato provinciale Coni, Sasà Cintolo, che ha fornito il supporto organizzativo, assieme al presidente provinciale Fidal, Adolfo Padua.

Erano presenti il questore di Ragusa, Giuseppe Gammino, il comandante provinciale dell’Arma dei carabinieri, Salvatore Gagliano, il comandante provinciale della Guardia di Finanza, Francesco Fallica, e il comandante della Polstrada, Gaetano Di Mauro. La manifestazione prenderà il via lunedì mattina alle 8 e proseguirà per tutto il pomeriggio per le due giornate successive. Da sottolineare due momenti di interesse: il primo lunedì alle 12 quando, alla presenza delle autorità, ci sarà l’apertura formale dei giochi. Invece, mercoledì, alle 12,30, nella sala Avis di via della Solidarietà, si terrà la cerimonia di premiazione. Saranno coinvolti cento partecipanti così suddivisi: 4 civili, 26 Guardia di Finanza, 37 carabinieri, 19 Capitaneria di porto, 9 Polizia di Stato, 2 Polizia municipale, 1 Polizia provinciale, 2 Esercito italiano. Tra questi cento, 87 militari sono siciliani, 13 arrivano da fuori regione. E, più nello specifico, 24 sono di fuori provincia e 76, invece, della provincia di Ragusa. Quattro le prove che ciascun candidato al brevetto dovrà sostenere: dai tremila metri (obbligatoria per tutti), al lancio del peso, del mattone o salto da fermo (una a scelta); dalla corsa ovvero i 25 metri di nuoto al salto in alto oppure salto in lungo. Ci sono dei parametri specifici, che saranno certificati da un apposito organismo inviato dall’organizzazione Dsa, sulla scorta delle varie età degli atleti partecipanti. Potrà essere conseguito, sulla base dei relativi punti, il brevetto in bronzo, argento oppure oro. “Una manifestazione – ha detto Cintolo – che abbiamo accolto con grande interesse. E ci siamo prodigati per organizzarla al meglio. Ringraziamo il Comune di Ragusa che ha messo a disposizione i due impianti”. Il comandante Gdf Fallica, dal canto suo, ha inteso sottolineare “la collaborazione ricevuta dai vari appartenenti alle forze armate. Ho partecipato – ha aggiunto – ad una manifestazione del genere a Palermo. E mi sono chiesto perché non si potesse organizzare un evento del genere anche a Ragusa. Infatti, eccoci qua”. Sottolineato anche l’impegno, in fase organizzativa, profuso dal maresciallo ordinario Sandro Nieddu della Guardia di Finanza.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI