Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 16 Giugno 2019

Grande successo per i venerdì culturali sull'Unità d'Italia

s.vincenzo-ferreri-003

 

Grande partecipazione, venerdì sera, per il primo appuntamento dei Venerdì Culturali organizzati dalla Pro Loco di Ragusa in collaborazione con il Comune capoluogo per celebrare i 150 anni dell'Unità d'Italia. Non solo appassionati ma anche tanti curiosi e molti giovani, all'auditorium San Vincenzo Ferreri a Ibla, per ascoltare le relazioni del dott. Armando Donatao, vicepresidente del Comitato delle due Sicilie e del prof Corrado Calvo, storico sul tema “Il Regno delle Due Sicilie”. Donato ha raccontato dei Borboni, del loro regno e dell’economia che in Sicilia, tra il 1800 ed il 1860 aveva raggiunto un buon livello. Inspiegabile invece come  un esercito preparatissimo e numeroso (circa 180.000 uomini) come quello del Regno delle due Sicilie  si sia piegato ad un manipolo di un migliaio di persone mal armate e disorganizzate guidate da Garibaldi. La storia deve ancora chiarire molti dei suoi lati oscuri ma prima di tutto ha detto Donato, dobbiamo riprenderci la nostra dignità di siciliani  e convincerci di non essere stati soltanto dei colonizzati dal Piemonte. Per Corrado Calvo l’argomento da approfondire è stata l’economia siciliana durante il regno borbonico. Anche per lo storico siracusano è il momento di riscrivere alcune pagine della nostra storia. Il Val di Noto con la sua elite aristocratica e clericale aveva enormi capacità economiche dimostrate dalla crescita che in quegli anni ebbero città come Modica, Noto, Rosolini e Ragusa. Insomma non terra di emigrazione come invece erano le regioni del Nord ma solide realtà contadine in grado di affrontare tante dominazioni, le loro pesanti tasse ma anche la crescita e lo sviluppo. Il prossimo seminario, in programma per l'11 marzo alle 19,30, vedrà la partecipazione dello storico Mimì Arezzo e del gastronomo Saretto Sortino. Si parlerà di Ragusa e Donnafugata cercando di far rivivere le abitudini del tempo anche dal punto di vista della gastronomia. Intanto stasera si apre la collegata mostra di pittura del maestro Salvatore Frantantonio. Una personale dal titolo “I paesaggi dell’anima – opere recenti” che sarà ospitata fino al 22 marzo presso l'auditorium San Vincenzo Ferreri a Ibla dove si svolgono gli appuntamenti dei venerdì culturali.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI