Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 20 Settembre 2021

Santa Severina - Il trio …

Set 10, 2021 Hits:722 Crotone

Le Colonne d’Oro di Affid…

Ago 02, 2021 Hits:2586 Crotone

Maslow: non sapevo di ess…

Lug 13, 2021 Hits:2169 Crotone

Al Ministro Franceschini …

Lug 05, 2021 Hits:2099 Crotone

A Santa Severina Chopin e…

Giu 25, 2021 Hits:1708 Crotone

Michele Affidato insignit…

Giu 25, 2021 Hits:1334 Crotone

Scaramuzza: concluso un p…

Giu 25, 2021 Hits:1245 Crotone

Scaramuzza: si è svolto a…

Giu 19, 2021 Hits:1498 Crotone

Una soluzione per il passaggio a livello di via Paestum

“Non ci può essere che una soluzione per il caso del passaggio a livello di via Paestum. Realizzare un sottopasso carrabile o, in alternativa, coinvolgere le Ferrovie alla progettazione di un abbassamento del piano stradale in cui transitano i treni. Nell’uno o nell’altro caso, però, è indispensabile la sinergia tra il Comune di Ragusa e i vertici regionali delle Ferrovie”. E’ quanto afferma Sonia Migliore, dirigente provinciale dell’Udc, intervenendo sulla delicata vicenda che ha spinto i cittadini della zona ad organizzarsi in comitato per fare valere le proprie ragioni. “Il piano nazionale di chiusura dei passaggi a livello – dice Migliore – non risparmierà neppure la città di Ragusa procedendo, lo stesso, nella direzione della massima sicurezza dei cittadini. La progettazione di un sovrappasso pedonale sembra soltanto uno spreco di risorse economiche perché non andrebbe a risolvere il principale problema, quello della spaccatura in due di quella zona della città. Già nel 2007, in Consiglio comunale, temendo che prima o poi la questione si sarebbe ripresentata, avevo lanciato la proposta di un sottopasso carrabile che, però, era caduta nel nulla. Ora è il caso di riprenderla perché, secondo il mio modesto parere, è l’unica che può garantire una risposta efficace. E’ però indispensabile predisporre uno studio di fattibilità, magari ripartendo le spese tra Comune e Ferrovie, al fine di individuare una soluzione seria e definitiva. Il problema resta legato al transito delle autovetture, non certo dei pedoni. E comunque, considerata la delicatezza della questione, dovrebbe essere la prossima Amministrazione comunale ad occuparsene in modo pieno, fermi restando i tempi dettati dalle Ferrovie che potranno essere diluiti ancora per qualche altra settimana”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI