Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 31 Ottobre 2020

Finalmente un docufilm su…

Ott 30, 2020 Hits:101 Crotone

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:1127 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1599 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1116 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1820 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2582 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:2081 Crotone

L’architetto ragusano Roberto Floridia a Beirut

L’architetto ragusano Roberto Floridia, delegato italiano del Consiglio nazionale architetti per i Paesi del Mediterraneo all’Umar, ha sottoposto ai componenti del bureau organizzato in questi giorni a Beirut la proposta, poi approvata, per lo svolgimento del premio internazionale “Abitare il Mediterraneo”. Il tema sarà “L’architettura religiosa per l’integrazione culturale”. Si tratta della quarta edizione di una iniziativa che si pone come obiettivo quello di alimentare lo scambio di idee, conoscenze, approcci che stanno alla base del progetto.

“In particolare – spiega Floridia – l’iniziativa intende proporre l’architettura quale linguaggio universale di confronto tra i popoli, in grado di superare quelle divergenze politiche e talvolta religiose che spesso impediscono un proficuo confronto tra le civiltà della terra. E’ significativo che questo premio prenda le mosse da una piccola realtà come quella iblea che, però, può vantare una tradizione architettonica secolare oltre ad avere un litorale che, affacciandosi sul Mediterraneo, predispone il territorio a scambi culturali di vario genere con le realtà frontaliere”. Il premio è riservato a tutti gli architetti (iscritti agli ordini o associazioni della propria nazione) che operano in uno dei Paesi membri dell’Unione mediterranea degli architetti, vale a dire: Cipro, Egitto, Francia, Grecia, Italia, Libano, Malta, Marocco, Palestina, Portogallo, Spagna, Tunisia, Turchia. Le lingue in cui gli elaborati potranno essere proposti saranno italiano, inglese e francese. In più, invece di premiare primo e secondo, ci saranno due primi premi di tremila euro ciascuno per le due sezioni: nuove costruzioni e recuperi, trasformazioni, riconversioni (tutti gli interventi sull’esistente).

“Su mia proposta, inoltre – continua Floridia – essendo la premiazione prevista a settembre a Selinunte, in concomitanza con la biennale di Antalia, in Turchia, che dura dai primi di settembre ai primi di ottobre, sarà realizzata una connessione in videoconferenza tra le due esposizioni e la premiazione sarà trasmessa in diretta alla biennale. Inoltre, gli elaborati dei concorrenti saranno fatti girare in video alla stessa biennale”.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI