Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 16 Giugno 2019

Un nuovo grande successo per Ibla Classica International

Una sintonia assoluta tra due straordinari artisti ha consentito il grande successo di un concerto unico ed imperdibile al tempo stesso. Una nuova emozionante esibizione per la sezione “La Grande Lirica” quella che ieri sera ha visto protagonisti, sul palco del teatro Donnafugata di Ragusa Ibla, il soprano giapponese Noriko Hirabayashi ed il maestro Alfredo Spitalieri al piano. Esecuzione di altissimo livello di una superlativa cantante che, grazie alla perfetta sintonia con Spitaleri, ha saputo regalare al pubblico forti emozioni. “Ibla Classica International”, la stagione concertistica organizzata dall'Agimus di Ragusa, conferma il grande successo di pubblico che anche ieri è accorso numerosissimo, nonostante il carnevale, dimostrando il forte apprezzamento per le scelte condotte dal direttore artistico, il maestro Giovanni Cultrera. Scelte sapienti ed oculate, che hanno dato e continuano a dare la possibilità al pubblico ragusano di apprezzare bravissimi artisti internazionali.

Un uditorio attento e coinvolto è stato rapito dalla bellezza dell’esibizione, incantato dalle straordinarie esecuzioni delle musiche di Bellinni, Puccini e Donizetti. Un'esecuzione di “A palpitar d'affanno” che ha rimarcato il carattere struggente e rassegnato della visione del dolore esistenziale della gente del profondo sud, con un imponente senso di angoscia contro il destino avverso.

Da “La Sonnambula” è stata eseguita “Ah, non credea mirarti”, con espressività duttile, ma  introspettiva e altamente contemplativa, dallo stile del doloroso recitativo, che alla fine vede sugellato l'amore di Amina e Elvino. E quando la fanciulla si sveglia dal suo sonnambulismo, discolpata e felice, attacca la vorticosa cabaletta (Ah non giunge) agilissima, estesa fino al mi bemolle sovracuto. Il maestro Spitaleri ha anche offerto la sua interpretazione del notturno opera  postuma in do diesis minore di Chopin.

Fra i bis, “Il Bacio” di Arditi in una vibrante e felicitante esibizione che ha coinvolto il numeroso pubblico.

In apertura ha entusiasmato il giovanissimo tredicenne comisano Ruben Micieli, che ha proposto 3 sue virtuosistiche composizioni, dominando il bellissimo pianoforte grancoda offerto dalla ditta Pennisi di Catania. Intenso “Dopoteatro” curato egregiamente dalla Caffetteria Donnafugata, durante il quale gli intervenuti hanno potuto congratularsi con gli artisti e scambiare impressioni e rivelare aneddoti sui brani.

Attesissimo anche il prossimo appuntamento, che vedrà domenica 20 marzo sul palco dell’incantevole teatro l’eccezionale esibizione dei quattordicenni talenti russi della Fondazione Spivakov di Mosca, affiancati da artisti siciliani che studiano a Mosca. In apertura, per la serata dedicata interamente ai giovani ma affermati talenti, si esibirà il tenore ragusano Lorenzo Licitra.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI