Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 19 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:359 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1153 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1887 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1422 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1397 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1369 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1640 Crotone

Presentato il libro del micologo Andrea Buda

 La conferenza di Andrea Buda

 

Un compendio dell’ambiente ibleo. Che spazia sinteticamente dagli ecosistemi insistenti in loco alla climatologia. Per inserire, dopo un paragrafo dedicato a “Le principali essenze arboree degli Iblei”, un capitolo che parla di vegetazione e funghi, ove vengono indicati i vari complessi fitocenotici locali e i funghi che ne costituiscono il corteggio. Sono questi i tratti salienti dell’ultima opera realizzata da Andrea Buda dal titolo “I funghi degli Iblei”. Il micologo Buda, che fa parte dell’associazione micologica Bresadola-Gruppo di Siracusa di cui è responsabile scientifico, ha presentato il libro a Ragusa, nella sede della confraternita dei cenacolari dell’Antica Contea a Ibla, su iniziativa del gruppo ibleo dell’associazione micologica Bresadola. Da anni, Buda aveva in cantiere l’opera e finalmente l’ha consegnata alle stampe. Ne è venuto fuori un capolavoro. L’elaborato è il primo di una serie di volumi, ne sono previsti ben quattro in tutto, più un quinto supplementare, che tratta la micoflora degli Iblei, la catena montuosa posta a cavallo tra la provincia di Siracusa, Ragusa e Catania. Il volume si compone di 643 pagine. L’autore, per la stesura dell’opera, si è avvalso della collaborazione, a vario titolo, di alcuni dei nomi più eccellenti della micologia europea, quale il prof. Carlo Papetti e la signora Maria Teresa Basso, e di nomi noti della micologia siciliana, come Angela Lantieri e Emanuele Brugaletta per citare quelli più noti. L’opera, per l’ampiezza degli argomenti contenuti, l’organicità dell’esposizione e la semplicità discorsiva del linguaggio, è così completa e al tempo stesso talmente comprensibile (nonostante la complessità della materia) che perfino chi non si fosse mai interessato ai funghi, leggendola, acquisirebbe, con poca fatica, una solida base cognitiva sul loro straordinario mondo. In una parte del libro, inoltre, sono forniti degli utilissimi consigli sulla racconta dei funghi. L’autore, poi, propone un paragrafo dal titolo “Cenni storici” in cui traccia un quadro della storia della micologia in Europa e in Italia delineandone un florilegio di tutti i suoi più grandi studiosi, a cominciare dai padri fondatori, sino a don Giacomo Bresadola, il capostipite italiano di questa disciplina, in chiave moderna.

 

 

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI