Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 21 Gennaio 2021

Premiati gli architetti iblei, i loro lavori contemporanei al passo coi tempi

Architettura Oggi Gianfilippo Cintolo illustra le opere del padre

 

“Serve imprimere una svolta nella progettazione architettonica. Il superamento dell’attuale sviluppo urbanistico delle città, per non occupare ulteriormente suolo e riqualificare le città stesse dall’interno. Case, luoghi storici, negozi, edifici pubblici e privati, specie in una terra idrogeologicamente fragile come la Sicilia, vanno recuperati. E’ tempo di fermarsi con i progetti megagalattici e di agire sulla qualità urbana”. Parole sferzanti e dall’indirizzo chiaro quelle pronunciate ieri sera da Giuseppe Cucuzzella, presidente dell’Ordine degli architetti della provincia di Ragusa, nell’aprire i lavori della prima conferenza legata all’evento “Architettura Oggi! – realizzazioni e progetti”, realizzata in partnership con l’Ance, con l’allestimento di cinque mostre che potranno essere visitabili al Giardino ibleo sino al 23 dicembre. Ieri, nell’auditorium della chiesa di Santa Teresa, a Ibla, sono state illustrate le caratteristiche delle prime due esposizioni: la mostra degli iscritti all’Ordine, giunta alla settima edizione, e quella delle opere e dei progetti di Giovanni Cintolo, l’architetto, ormai scomparso, che ha contribuito a sviluppare l’architettura contemporanea nella città di Ragusa. E’ stato Gaetano Manganello, presidente della Fondazione Arch, ideatrice dell’appuntamento, ad illustrare i tratti salienti della mostra: “L’esposizione dei lavori degli architetti iscritti all’Ordine di Ragusa è stata soggetta al giudizio di una giuria di qualità composta dai professori Matteo Vercelloni, Marco Mulazzani e Mauro Galantino. I progetti sono stati giudicati seguendo determinati criteri nelle tre categorie predefinite: costruzione, restauro e interni”. Quindi, Alessandro Ferrara, soprintendente ai Beni culturali di Ragusa, si è detto colpito dai progetti presentati alla manifestazione, che ha definito “un’importante opportunità per i giovani architetti”. L’arch. Ferrara ha poi sottolineato l’impegno della Soprintendenza a garantire la ricerca della qualità nella progettazione. Manganello e Vercelloni hanno posto l’accento sulla necessità di istituire concorsi per assegnare la progettazione di grandi opere senza il bisogno di recarsi fuori dall’Italia. “Sensibilità verso il territorio – hanno detto – e proiezione verso scenari internazionali rientrano fra le opportunità dei nostri giovani architetti, ma fondamentale è l’istituzione di concorsi di progettazione”. Dopo l’excursus, correlato di diapositive, che ha ripercorso la carriera del padre, mostrandone alcune opere decisive per la città di Ragusa (come il recupero urbanistico e ambientale dell’accesso al quartiere barocco di Ragusa Ibla), l’arch. Gianfilippo Cintolo è stato premiato con una targa alla memoria. Hanno, poi, preso il via le premiazioni dei giovani architetti. Per la categoria “Nuove edificazioni” sono stati premiati Elvira Cascione, la SM-Arch (che ha ricevuto due premi), Nunzio Gabriele Sciveres e Giuseppe Gurrieri, Valentina Fisichella, Antonio Giummarra e Francesco Licitra. Per la categoria “Restauro” hanno ricevuto la targa gli architetti Vincenzo Pitruzzello, Alessandro Battaglia e Giuseppe Dimartino, Francesca Timperanza e lo studio di architettura GUMGiampiccolo + Minaldi, che ha ricevuto due riconoscimenti. Infine, per la categoria “Interni” sono stati premiati gli architetti Gianluca Chiavola e Isabella Sanfilippo, Alessandro Puglisi (due targhe), Pinella Guastella, Valentina Fisichella e Valentina Occhipinti. Assieme agli architetti, sono stati premiati anche i rispettivi committenti e le imprese che si sono occupate della costruzione delle opere da loro progettate. Oggi, a partire dalle 18, sempre nell’auditorium della chiesa di Santa Teresa, la conferenza di presentazione delle altre tre mostre: GiArch giovani architetti italiani, 30<40 giovani architetti siciliani, architetture per l’ospitalità in Sicilia.

Architettura Oggi le presenze all'auditorium

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI