Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 05 Dicembre 2019

Santa Croce Camerina - Una conferenza sulla dipendenza dal gioco d'azzardo

Santa Croce i protagonisti della conferenza

 

I giochi che sembrano predisporre maggiormente al rischio sono quelli che offrono maggiore vicinanza spazio-temporale tra la scommessa e il premio: le slot-machines e i giochi da casinò, ad esempio, ma anche i videopoker e il Bingo. E’ una delle indicazioni emerse dalla conferenza promossa dall’Ufficio della pastorale per la Salute della Diocesi di Ragusa e tenutasi nei giorni scorsi a Santa Croce Camerina, nella parrocchia di San Giovanni Battista. La conferenza, sul tema “La dipendenza patologica dal gioco. Aspetti sociali, sanitari e legali”, è stata tenuta dal direttore dell’Ufficio, don Giorgio Occhipinti, dal medico di medicina generale dell’Istituto superiore per le scienze cognitive di Enna, Santi Benincasa, con la partecipazione di Maria Concetta Noto, vice direttore dell’Ufficio per la pastorale della Salute, Gianni Digiacomo, presidente della sezione di Ragusa della Società italiana di medicina generale, e Rosa Giaquinta, vicepresidente Simg Ragusa. “Le fasce più a rischio – afferma don Occhipinti – sembrano, tra le donne, le casalinghe e le lavoratrici autonome dai quaranta ai cinquant’anni e, tra gli uomini, i disoccupati o i lavoratori autonomi che hanno un frequente contatto col denaro o con la vendita ed un’età intorno ai quarant’anni. Secondo i dati di uno studio del 2009, il 47,1% degli studenti delle scuole medie superiori gioca d'azzardo in varie forme, circa 450.000 studentesse e 720.000 studenti”.

E’ stato evidenziato che il gioco d'azzardo patologico è una malattia molto grave, una malattia potenzialmente mortale. Si è calcolato infatti che i tentativi di suicidio nei giocatori d’azzardo patologici sono fino a 4 volte superiori rispetto alla media dell'intera popolazione. “A ciò bisogna aggiungere – ha precisato Benincasa – i danni creati dalla frequente associazione con altre dipendenze, soprattutto da alcol e da altre sostanze stupefacenti. Parimenti frequente è lo sviluppo di disturbi legati allo stress: dolori allo stomaco, ulcere, coliti, insonnia, ipertensione, malattie cardiache, emicranie ecc. Le conseguenze più evidenti, inoltre, sono quelle più strettamente legate alle perdite finanziarie e dei propri beni; le ripercussioni sull’ambiente di lavoro, le separazioni e i divorzi, le conseguenze sui figli”. Dal momento in cui il gioco d’azzardo patologico è stato riconosciuto come un vero e proprio disturbo psicologico, distinto da altre problematiche, sono stati sviluppati diversi programmi di intervento sul problema che spesso viene ormai affrontato in vere e proprie comunità di recupero.

Altrettanto utili sembrano i risultati legati alla partecipazione dei giocatori a gruppi di auto-aiuto per Giocatori anonimi, fondati su diverse tappe per l’uscita dal problema, dal suo riconoscimento, alla condivisione, ai traguardi verso l’abbandono basati sull’analisi delle tecniche di autoinganno comuni che spesso vengono più facilmente osservate nei racconti degli altri che rispecchiano i propri pensieri. Dalla conferenza sono emerse alcune indicazioni operative a cominciare dalla formazione di una commissione di studio per elaborare proposte tese ad arginare il problema, proposte da presentare ai sindaci.

“Abbiamo pensato, altresì – chiarisce don Occhipinti – alla elaborazione di una locandina da affiggere nelle scuole, nei centri ricreativi, negli studi medici di Medicina generale e pediatria, negli uffici pubblici e nelle parrocchie. Ma anche di tenere incontri informativi nelle scuole, nei centri di aggregazione sia giovanili che geriatrici, nelle parrocchie. Il problema c’è ed è molto serio. Quindi può servire divulgare la problematica tramite incontri televisivi con specialisti, creando una rete informativa tra medici di famiglia, parrocchie e specialisti del Dipartimento per la tutela della salute mentale”.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI