Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 16 Giugno 2019

DSCN9518

 

Con la prima iniziativa organizzata in occasione della Giornata delle Donne e sviluppatasi martedì sera in un’affollata sala delle feste dell’hotel Mediterraneo Palace, si sono ufficialmente aperti i momenti di ascolto che il comitato elettorale del sindaco Nello Dipasquale ha previsto per incontrare la città in modo da ricevere idee e suggerimenti per la stesura del programma elettorale. L’iniziativa di ieri si intitolava “La città vista dalle donne – idee e progetti per una Ragusa ancora più grande” e ha visto la presenza di centinaia e centinaia di donne pronte a fornire il proprio contributo. In molte si sono alternate al podio offrendo proposte, suggerimenti, avanzando qualche critica costruttiva, invitando il primo cittadino a proseguire questo momento di confronto. E in tal senso è già nato un gruppo di ascolto delle donne della coalizione che continuerà a raccogliere le proposte delle donne di Ragusa per una partecipazione concretamente attiva alla vita politica e amministrativa della città. Le proposte hanno riguardato vari ambiti, dal rilancio del centro storico, attraverso manifestazioni culturali e di intrattenimento, al potenziamento della raccolta differenziata, dall’invito al miglioramento dell’offerta universitaria alla creazione di asili nido familiari per venire incontro alle esigenze delle donne madri lavoratrici. Alcune donne hanno chiesto la realizzazione di un parco verde e un’ulteriore azione sul verde pubblico. Suggerimenti che sono stati annotati direttamente dal sindaco Dipasquale e che saranno trasferiti ai partiti che lo sostengono. A conclusione, Dipasquale ha dato le prime risposte ad alcune richieste avanzate e si è dichiarato soddisfatto per l’esito dell’incontro e per la grande partecipazione.

Dalle 19 di oggi l’autoambulanza del 118 è tornata a stazionare dinnanzi la guardia medica di Marina di Ragusa. Lo comunica il sindaco di Ragusa, Nello Dipasquale, che era intervenuto rivolgendosi direttamente ai responsabili del servizio e chiedendo l’immediato ripristino della presenza dell’importante mezzo di soccorso. Dipasquale, che ha già inviato una formale comunicazione al presidente della Circoscrizione di Marina di Ragusa, Angelo La Porta, si augura che episodi del genere, con il servizio scoperto per mancanza di mezzi, non avvengano più. “L’autoambulanza è stata tolta perché c’è il brutto vizio di spostare i mezzi quando uno di quelli disponibile va in manutenzione o ha un fermo – spiega Dipasquale – Ma lasciare il territorio scoperto non è certo la soluzione migliore. Probabilmente non hanno i mezzi di riserva ma non è possibile tollerare una disorganizzazione del genere. Adesso l’autoambulanza è tornata a Marina di Ragusa dopo le sollecitazioni che ho rivolto ai responsabili d’area del servizio ma mi auguro che chi siede ai livelli più alti della centrale operativa del 118 non si giri più dall’altra parte quando accadono fatti del genere”.

 

s.vincenzo-ferreri-003

 

Grande partecipazione, venerdì sera, per il primo appuntamento dei Venerdì Culturali organizzati dalla Pro Loco di Ragusa in collaborazione con il Comune capoluogo per celebrare i 150 anni dell'Unità d'Italia. Non solo appassionati ma anche tanti curiosi e molti giovani, all'auditorium San Vincenzo Ferreri a Ibla, per ascoltare le relazioni del dott. Armando Donatao, vicepresidente del Comitato delle due Sicilie e del prof Corrado Calvo, storico sul tema “Il Regno delle Due Sicilie”. Donato ha raccontato dei Borboni, del loro regno e dell’economia che in Sicilia, tra il 1800 ed il 1860 aveva raggiunto un buon livello. Inspiegabile invece come  un esercito preparatissimo e numeroso (circa 180.000 uomini) come quello del Regno delle due Sicilie  si sia piegato ad un manipolo di un migliaio di persone mal armate e disorganizzate guidate da Garibaldi. La storia deve ancora chiarire molti dei suoi lati oscuri ma prima di tutto ha detto Donato, dobbiamo riprenderci la nostra dignità di siciliani  e convincerci di non essere stati soltanto dei colonizzati dal Piemonte. Per Corrado Calvo l’argomento da approfondire è stata l’economia siciliana durante il regno borbonico. Anche per lo storico siracusano è il momento di riscrivere alcune pagine della nostra storia. Il Val di Noto con la sua elite aristocratica e clericale aveva enormi capacità economiche dimostrate dalla crescita che in quegli anni ebbero città come Modica, Noto, Rosolini e Ragusa. Insomma non terra di emigrazione come invece erano le regioni del Nord ma solide realtà contadine in grado di affrontare tante dominazioni, le loro pesanti tasse ma anche la crescita e lo sviluppo. Il prossimo seminario, in programma per l'11 marzo alle 19,30, vedrà la partecipazione dello storico Mimì Arezzo e del gastronomo Saretto Sortino. Si parlerà di Ragusa e Donnafugata cercando di far rivivere le abitudini del tempo anche dal punto di vista della gastronomia. Intanto stasera si apre la collegata mostra di pittura del maestro Salvatore Frantantonio. Una personale dal titolo “I paesaggi dell’anima – opere recenti” che sarà ospitata fino al 22 marzo presso l'auditorium San Vincenzo Ferreri a Ibla dove si svolgono gli appuntamenti dei venerdì culturali.

C’è grande attesa a Ragusa per questo fine settimana perché il mondo dei cani sarà alla portata di tutti con un importante evento aperto al grande pubblico. Il capoluogo ibleo ospiterà sabato 12 e domenica 13 marzo una doppia esposizione internazionale cinofila. Il miglior amico dell’uomo sarà protagonista della due giorni in cui saranno coinvolte quasi tutte le razze che verranno giudicate da grandi esperti della cinofilia italiana. Si tratta di un’importante iniziativa dalle molteplici valenze, trattandosi di un evento che mostra quanto Ragusa sia sensibile al rispetto ed alla valorizzazione dei cani, ed allo stesso tempo rappresentando un’importante occasione di promozione turistica, accogliendo partecipanti ed appassionati provenienti non solo da tutta Italia ma anche dal resto d’Europa. Per l’importante evento internazionale sono previste infatti presenze anche da paesi come Francia, Germania e Belgio. La manifestazione è organizzata dal Gruppo Cinofilo Ragusano, che vede tra i suoi massimi esponenti Pino Verardi, Salvo Raniolo e Luigi Carbonaro. L'evento si svolgerà presso l'ex polo fieristico di Ragusa, in contrada Ginestra, sulla Ragusa - Santa Croce Camerina, e rappresenta anche un significativo momento per tutte le famiglie ragusane, consentendo loro di conoscere meglio ed apprezzare l’affascinante mondo deli animali a quattro zampe. “Non potevamo non sostenere un'iniziativa così importante - dichiara Filippo Angelica, delegato al Turismo del Comune di Ragusa – Si tratta di un evento dai  molteplici obiettivi, che sensibilizza la collettività verso il rispetto per il mondo animale, e che rappresenta un’ulteriore occasione per far conoscere il nostro territorio e le sue bellezze ai tanti partecipanti provenienti da tutta Europa. Sia io che il sindaco Dipasquale siamo riconoscenti al gruppo cinofilo ragusano per aver fatto in modo che Ragusa diventasse location di questa prestigiosa manifestazione”. L'evento ha avuto anche il sostegno della Provincia regionale di Ragusa.

Una sintonia assoluta tra due straordinari artisti ha consentito il grande successo di un concerto unico ed imperdibile al tempo stesso. Una nuova emozionante esibizione per la sezione “La Grande Lirica” quella che ieri sera ha visto protagonisti, sul palco del teatro Donnafugata di Ragusa Ibla, il soprano giapponese Noriko Hirabayashi ed il maestro Alfredo Spitalieri al piano. Esecuzione di altissimo livello di una superlativa cantante che, grazie alla perfetta sintonia con Spitaleri, ha saputo regalare al pubblico forti emozioni. “Ibla Classica International”, la stagione concertistica organizzata dall'Agimus di Ragusa, conferma il grande successo di pubblico che anche ieri è accorso numerosissimo, nonostante il carnevale, dimostrando il forte apprezzamento per le scelte condotte dal direttore artistico, il maestro Giovanni Cultrera. Scelte sapienti ed oculate, che hanno dato e continuano a dare la possibilità al pubblico ragusano di apprezzare bravissimi artisti internazionali.

Un uditorio attento e coinvolto è stato rapito dalla bellezza dell’esibizione, incantato dalle straordinarie esecuzioni delle musiche di Bellinni, Puccini e Donizetti. Un'esecuzione di “A palpitar d'affanno” che ha rimarcato il carattere struggente e rassegnato della visione del dolore esistenziale della gente del profondo sud, con un imponente senso di angoscia contro il destino avverso.

Da “La Sonnambula” è stata eseguita “Ah, non credea mirarti”, con espressività duttile, ma  introspettiva e altamente contemplativa, dallo stile del doloroso recitativo, che alla fine vede sugellato l'amore di Amina e Elvino. E quando la fanciulla si sveglia dal suo sonnambulismo, discolpata e felice, attacca la vorticosa cabaletta (Ah non giunge) agilissima, estesa fino al mi bemolle sovracuto. Il maestro Spitaleri ha anche offerto la sua interpretazione del notturno opera  postuma in do diesis minore di Chopin.

Fra i bis, “Il Bacio” di Arditi in una vibrante e felicitante esibizione che ha coinvolto il numeroso pubblico.

In apertura ha entusiasmato il giovanissimo tredicenne comisano Ruben Micieli, che ha proposto 3 sue virtuosistiche composizioni, dominando il bellissimo pianoforte grancoda offerto dalla ditta Pennisi di Catania. Intenso “Dopoteatro” curato egregiamente dalla Caffetteria Donnafugata, durante il quale gli intervenuti hanno potuto congratularsi con gli artisti e scambiare impressioni e rivelare aneddoti sui brani.

Attesissimo anche il prossimo appuntamento, che vedrà domenica 20 marzo sul palco dell’incantevole teatro l’eccezionale esibizione dei quattordicenni talenti russi della Fondazione Spivakov di Mosca, affiancati da artisti siciliani che studiano a Mosca. In apertura, per la serata dedicata interamente ai giovani ma affermati talenti, si esibirà il tenore ragusano Lorenzo Licitra.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI