Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 19 Maggio 2019

DSC_0167a

 

Si è conclusa con grande successo di partecipazione la due giorni dedicata al mondo dei cani, registrando un incredibile numero di partecipanti provenienti da tutta Italia e dal resto d’Europa. L’area dell’ex polo fieristico di Ragusa di contrada Gilestra è stata animata da un grande evento internazionale, che ha regalato forti emozioni non solo ai partecipanti ma anche ai numerosi visitatori, compreso il grande numero di curiosi arrivati da tutta la Sicilia. L’iniziativa è stata curata dal Gruppo Cinofilo Ragusano con il patrocinio del Comune e della Provincia regionale di Ragusa. Cani di ogni razza, dalle svariate dimensioni, hanno partecipato alla competizione che alla fine ha visto solo il podio con i vincitori assoluti. Per l’esposizione nazionale al primo posto un alaskan malamute arrivato assieme alla sua padrona, Susan Vistamen, dalla Finlandia. Secondo posto per un bassotto tedesco standard a pelo lungo di Giuseppina Piazza da Palermo e terzo posto per un pastore del Caucaso, dell’allevamento dei nobili Guerrieri di Nino Pepi da Catania. Competizione ancora più attesa per l’esposizione internazionale. Al primo posto uno spitz nano di Valentina Viganò da Ancona, secondo posto per un bull terrier dell’allevamento di casa Fineri di Michele Fineri di Palermo e terzo posto per un pastore tedesco a pelo lungo di Fabio Becocini di Montelupo Fiorentino. Buoni piazzamenti anche per i cani ragusani, alcuni dell’allevamento Poggio del Sole o della Società del Pastore Tedesco, arrivati anche in alcuni podi per le singole razze. “E’ andata benissimo e siamo molto soddisfatti – spiega Pippo Velardi, presidente del Gruppo Cinofilo Ragusano – Nonostante le condizioni meteo di domenica non proprio favorevoli, abbiamo comunque avuto un’ottima partecipazione da parte del pubblico locale. Siamo molto felici e anche chi è venuto da fuori ha avuto la possibilità di partecipare sia alla manifestazione che di conoscere Ragusa”. Alla soddisfazione degli organizzatori si aggiunge il grande apprezzamento del delegato al turismo del Comune di Ragusa, Filippo Angelica, che ha fortemente appoggiato l’iniziativa. “E’ stato bellissimo vedere la città di Ragusa trasformata nel podio di una importante esibizione competizione – ha dichiarato Angelica -  Mi sono davvero emozionato nel vedere l’entusiasmo di tutti i partecipanti e di tutti i visitatori che si aggiravano tra i vari padiglioni. Lo scorso fine settimana abbiamo registrato un gran numero di turisti, e questo ha dato ulteriore merito alla manifestazione. Si tratta di eventi importanti che vanno fortemente sostenuti ed appoggiati, per loro doppia valenza di sensibilizzazione verso degli animali adorabili quali i cani e, allo stesso tempo, di promozione turistica del territorio”.

Una mostra fotografica virtuale e un innovativo concorso per focalizzare l’attenzione sul bene più prezioso, ovvero l’acqua, messa in relazione con la propria città. Da Ragusa parte un’iniziativa tutta dedicata alla giornata mondiale dell’acqua, in programma il 22 marzo prossimo, un concorso che si sviluppa solo su Facebook attraverso l’invio di foto da parte dei giovani e non solo. Saranno pubblicate sull’apposito profilo già aperto e potranno essere votate attraverso l’oramai famosissimo pulsante “mi piace”, tipico del social network più diffuso al mondo. L’idea è venuta allo Svimed, il Centro Euromediterraneo per lo Sviluppo Sostenibile che ha sede a Ragusa e che ha già curato in passato proprio nel capoluogo ibleo alcune iniziative dedicate all’uso consapevole della preziosa risorsa. La mostra fotografica virtuale sarà sul tema “L’acqua e la mia città” e intende sensibilizzare l'opinione pubblica, ed in particolare i giovani, sul tema del risparmio idrico. Il concorso si svilupperà tutto su internet, innovazione che consente una grande immediatezza, dando la possibilità in tempo reale di pubblicare e mettere in mostra la propria foto ai ragazzi di tutto il mondo. Del resto la rete è un mezzo che allarga anche il margine dei “giudici”, oltrepassando ogni confine territoriale e generazionale e dunque la partecipazione. Il profilo su Facebook è facilmente raggiungibile all’indirizzo www.facebook.com/giornatamondialedellacqua

dove stanno già arrivando le prime foto sia dai giovani di Ragusa che dal resto d’Italia e qualcuna perfino dal resto del mondo. Formeranno la mostra virtuale rivolta a tutti, ai semplici curiosi, agli appassionati e professionisti della fotografia, agli alunni delle scuole di Ragusa e di altre città d’Italia, ai giovani in generale. Gli studenti aderenti all’iniziativa, e a Ragusa sono già numerose le scuole che hanno aderito, possono decidere di partecipare individualmente o in gruppo. Dal virtuale si passerà poi al reale. Le foto si possono inviare fino a domenica prossima, 20 marzo. Le dieci foto più votate attraverso il “mi piace” saranno stampate in formato 50 per 70 cm e saranno esposte in una mostra reale che si svilupperà presso la libreria Saltatempo di Ragusa. Naturalmente l’inizio della mostra è fissato proprio per giorno 22 marzo in occasione della giornata mondiale. E’ possibile anche ottenere informazioni o inviare le foto attraverso l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. inserendo in questo caso anche i propri dati come nome, cognome, telefono ed eventuale scuola di appartenenza. La Giornata Mondiale dell’Acqua è un’iniziativa che nasce grazie alla conferenza delle Nazioni Unite su Ambiente e Sviluppo di Rio de Janeiro nel 1992. L'assemblea dell’Onu ha designato il 22 marzo 1993 come prima Giornata Mondiale dell'Acqua. Ogni anno, la Giornata Mondiale dell'Acqua mette in luce un aspetto specifico del tema dell’acqua. Per l'edizione del 2011 quest'evento, organizzato sotto l'egida delle Nazioni Unite, in diverse parti del mondo, attraverso più di 80 eventi riconosciuti, avrà come tema "Water for Cities: Responding to the Urban Challenge". E col tema “Acqua per le città”, anche l’iniziativa partita da Ragusa fa parte del programma ufficiale mondiale.

A seguito delle dichiarazioni rilasciate dall’on. Roberto Ammatuna (Pd) sul porto di Pozzallo e sulla vicenda Cooper Smith, il sindaco Giuseppe Sulsenti ha replicato attraverso una nota diramata dal suo Ufficio di Gabinetto. Secondo Ammatuna gli americani sarebbero stati cacciati dalla Regione Siciliana che era ed è la “proprietaria” del porto.

«Inutile arrampicarsi sugli specchi – si legge nella nota del Sindaco - quando tutti sanno che è Ammatuna il responsabile della “cacciata” degli americani. Sarebbe più serio da parte sua ammettere di avere sbagliato. Quando l’allora sottosegretario ai Trasporti Mario Occhipinti, suo compagno di cordata, gli prospettò il progetto della multinazionale americana, l’on. Ammatuna, all’epoca sindaco di Pozzallo, non solo accettò la proposta ma si diede da fare perché la Cooper Smith, con il suo presidente, partecipasse a Pozzallo a un incontro istituzionale organizzato nell’aula magna del Comune. Si disse in quell’occasione che l’investimento della Cooper Smith avrebbe determinato un rilancio del porto e della sua produttività con ricadute occupazionali importanti. Si parlò di 300 posti di lavoro e si dichiarò che, con l’intervento progettato dalla Cooper Smith, tutte le già aziende impegnate al porto avrebbero ricevuto benefici in termini di commesse di lavoro».

«Alla fine – continua Sulsenti - tutto finì in una bolla di sapone per interessi personali». «Ammatuna ha detto di no agli americani quando ha capito che il loro arrivo al porto di Pozzallo non era gradito alle ditte che vi lavoravano. Ha privilegiato il personale interesse elettoralistico, visto che si sarebbe presentato candidato alla Regione, e non quello dei posti di lavoro che la Cooper Smith avrebbe creato per almeno trecento padri di famiglia. E’ puerile addossare la colpa della “cacciata” degli americani alla Regione. Questi i fatti aldilà di ogni mistificazione politica». «La verità di Ammatuna – conclude Sulsenti - è solo una favola e neanche bella. Anzi, triste».

Il parroco don Giovanni Pluchino

 

Anche a Ragusa grande attesa per i solenni festeggiamenti in onore del patriarca San Giuseppe. Organizzati dalla parrocchia SS. Salvatore, entreranno nel vivo nel corso della settimana. La festa liturgica è in programma sabato 19 marzo mentre quella esterna si terrà domenica 20. “San Giuseppe, patrono della Chiesa universale – spiega il parroco, don Giovanni Pluchino, facendo riferimento al messaggio spirituale lanciato alla comunità per i festeggiamenti del 2011 – ha dato a tutti i cristiani l’esempio di una vita perfetta nell’assiduo lavoro e nell’ammirabile unione con Maria e Gesù. Per questo gli chiediamo di assisterci nella nostra fatica quotidiana, per essere utili alla società in cui viviamo”. Dopo la “Giornata della famiglia”, tenutasi domenica, con la benedizione mattutina, sul sagrato della chiesa, degli animali domestici e, nel pomeriggio, con la benedizione degli sposi che hanno celebrato gli anniversari del loro matrimonio, gli appuntamenti religiosi sono proseguiti ieri alle 18,30 con la Giornata del Perdono, caratterizzata da una funzione religiosa animata dalla parrocchia Anime sante del Purgatorio. Oggi, martedì 15 marzo, alle 18,30, la santa messa animata dalla parrocchia San Francesco d’Assisi mentre mercoledì l’animazione della funzione religiosa, sempre alle 18,30, sarà garantita dalla parrocchia San Pietro Apostolo.

Tra le manifestazioni collaterali, da segnalare, dopo che ha aperto i battenti il 10 marzo la pesca che andrà avanti sino a domenica 20 marzo nei locali di via Garibaldi 139, l’incontro culturale di domani, martedì 15 marzo, nel salone parrocchiale di via Garibaldi 134, con inizio alle 20, caratterizzato dalla relazione del vicario generale della diocesi, don Salvatore Puglisi, su “L’esemplarità di San Giuseppe”. Mercoledì alle 15, invece, presso l’area City di villa Margherita, si tiene la dodicesima edizione della Gimcana in mountain bike per ragazzi dai 5 ai 14 anni, curata da Franco Massari. E sempre mercoledì, ma alle 20, nello stesso salone parrocchiale di via Garibaldi, l’incontro di festa e di sensibilizzazione con le diverse etnie “Per una cultura dell’altro”, a cura della Caritas diocesana. Relazionerà don Beniamino Sacco, parroco della chiesa Spirito Santo di Vittoria, sul tema “L’unità nella diversità”.

DSCN9518

 

Con la prima iniziativa organizzata in occasione della Giornata delle Donne e sviluppatasi martedì sera in un’affollata sala delle feste dell’hotel Mediterraneo Palace, si sono ufficialmente aperti i momenti di ascolto che il comitato elettorale del sindaco Nello Dipasquale ha previsto per incontrare la città in modo da ricevere idee e suggerimenti per la stesura del programma elettorale. L’iniziativa di ieri si intitolava “La città vista dalle donne – idee e progetti per una Ragusa ancora più grande” e ha visto la presenza di centinaia e centinaia di donne pronte a fornire il proprio contributo. In molte si sono alternate al podio offrendo proposte, suggerimenti, avanzando qualche critica costruttiva, invitando il primo cittadino a proseguire questo momento di confronto. E in tal senso è già nato un gruppo di ascolto delle donne della coalizione che continuerà a raccogliere le proposte delle donne di Ragusa per una partecipazione concretamente attiva alla vita politica e amministrativa della città. Le proposte hanno riguardato vari ambiti, dal rilancio del centro storico, attraverso manifestazioni culturali e di intrattenimento, al potenziamento della raccolta differenziata, dall’invito al miglioramento dell’offerta universitaria alla creazione di asili nido familiari per venire incontro alle esigenze delle donne madri lavoratrici. Alcune donne hanno chiesto la realizzazione di un parco verde e un’ulteriore azione sul verde pubblico. Suggerimenti che sono stati annotati direttamente dal sindaco Dipasquale e che saranno trasferiti ai partiti che lo sostengono. A conclusione, Dipasquale ha dato le prime risposte ad alcune richieste avanzate e si è dichiarato soddisfatto per l’esito dell’incontro e per la grande partecipazione.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI