Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 26 Febbraio 2020

Fit Cisl su Ato rifiuti “si passi ai fatti”

“La riforma dei rifiuti non è mai di fatto entrata nel vivo per una mera opposizione fra diversi livelli della politica, quella regionale che ha varato il testo e quella comunale con i sindaci che hanno di fatto stoppato il suo percorso non costituendo le Srr, a questo punto ci chiediamo di cosa si dovrebbe discutere lunedì prossimo in commissione Ambiente e Territorio dell'Ars”. Ad affermarlo commentando la riunione che si terrà lunedì in Commissione Ambiente dell'Ars sul nuovo sistema di gestione integrata dei rifiuti è Dionisio Giordano Segretario Fit Cisl Ambiente.  “E' l'ennesimo confronto nel palazzo simbolo della politica regionale che ha mostrato la sua principale caratteristica: il nanismo. Ma di cosa bisogna continuare a discutere, i siciliani hanno assistito all'enfasi di tutta la politica siciliana nel 2010 sull'approvazione della riforma identificandola come il cambiamento rispetto a logiche viziose del passato . La realtà a distanza di due anni mostra solo che un drappello di sindaci dei comuni dell'isola hanno bloccato la norma e l'attivazione del nuovo sistema di gestione dei rifiuti “. Giordano ricorda “ Il commissario delegato nel novembre del 2011 cercò di superare la fase di stasi con una ordinanza snella in grado di velocizzare l attivazione delle Srr e creare un sistema industriale dei rifiuti, ma assistiamo ancora solo a discussioni sterili. Bisogna, piuttosto, procedere al più presto con questo sistema”. E conclude “se poi c'è qualcuno che pensa di poter discutere della riforma dei rifiuti senza chiamare in causa i rappresentanti dei lavoratori, che spesso senza retribuzione hanno da soli portato avanti il servizio per la pulizia dei comuni dell'isola, non fa che evidenziare l'inadeguatezza della nostra classe dirigente”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI