Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 27 Febbraio 2021

Fiat , assemblea davanti ai cancelli di Termini Imerese

La definizione di un piano che occupi tutti i lavoratori dello stabilimento e dell'indotto, i chiarimenti sui pensionamenti di alcune delle tute blu, la permanenza di Fiat a Termini fino a quando tutti gli operai avranno la certezza sul proprio futuro occupazionale. Punti irrinunciabili nella vertenza che riguarda il futuro dello stabilimento automobilistico di Termini Imerese, hanno ribadito i sindacati che stamani hanno partecipato all'assemblea che si è svolta davanti ai cancelli della fabbrica del palermitano dopo la riunione di ieri a Roma con Dr Motors. Durante l'assemblea alla quale hanno partecipato il segretario nazionale della Fim Cisl Bruno Vitali, della Cisl di Palermo Mimmo Milazzo, i lavoratori hanno deciso di proseguire fino a domani lo sciopero, lunedì inizierà un nuovo periodo di cassa integrazione e martedì si riuniranno in una nuova assemblea per discutere dell'esito del tavolo già convocato al ministero dello Sviluppo Economico. “La condizione fondamentale per noi - ha spiegato Bruno Vitali Segretario nazionale Fim Cisl - è la tutela di tutti i lavoratori della Fiat e dell'indotto, è necessario dunque un piano assunzioni che garantisca il rientro di tutti gli operai, e i trattamenti economici devono essere uguali a quelli attualmente garantiti. Abbiamo poi necessità di capire con certezza quanti operai potranno accedere alla pensione nei prossimi anni, resta fondamentale un sistema di garanzie che preveda la cessione dello stabilimento della Fiat, solo ed esclusivamente, nel momento in cui, anche l'ultimo lavoratore della fabbrica e dell'indotto sarà occupato”. Vitali ha poi aggiunto, “l'azione unitaria nel percorso che stiamo intraprendendo per la tutela dei lavoratori è fondamentale. Ora bisogna accelerare, si è perso troppo tempo, un anno e mezzo per iniziare a discutere del futuro di questi lavoratori e ancora mancano molte informazioni per la piena chiarezza dei piani futuri”. Lunedì dunque si terrà il nuovo incontro al Ministero Sviluppo Economico fra sindacati e l'azienda Dr Motors. “Un incontro fondamentale per capire i dettagli del percorso che bisogna subito avviare”. ha concluso Vitali. E dalla Segreteria della Cisl regionale per voce del Segretario Maurizio Bernava e dalla Segreteria di Palermo con Mimmo Milazzo, la richiesta rivolta alla Regione di “accelerare la firma dell'Accordo di programma quadro per Termini per avviare così tutti gli interventi necessari al rilancio dello stabilimento, si stabilisca subito senza indugi la data per la sottoscrizione dell'Accordo con le istituzioni coinvolte per utilizzare i fondi Fas stanziati e i fondi regionali”.
Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI