Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 09 Dicembre 2021

Nel palermitano emergenza rifiuti alle porte

“Subito un tavolo d'Emergenza per scongiurare l'ennesimo disastro ambientale e sanitario che investirà i comuni dell'area palermitana quando a partire da domani i compattatori di rifiuti rimarranno fuori dai cancelli della discarica di Bellolampo perché l'impiantistica non può supportare le quantità che Crocetta prevede di gestire”. A chiederlo rivolgendosi al Prefetto di Palermo Antonella De Miro sono i deputati M5S Claudia Mannino (Camera dei Deputati), Ignazio Corrao (Parlamento Europeo) e Giampiero Trizzino (Ars) sulla base dell'ordinanza del Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta che prevede, a partire dal primo luglio, che vengano conferite e trattate nell'impianto TMB 1500 tonnellate ogni giorno quando tale impianto può fisicamente raggiungere massimo le mille tonnellate come certificato dalla stessa azienda costruttrice. “Il nodo della questione sta ovviamente a monte – spiegano i deputati – dato che ci si è ridotti a questo punto perché il governo Crocetta ha negato sino all'ultimo quello che l'assessorato stesso scriveva nel maggio 2015 e cioè che i rifiuti a partire da maggio 2016 sarebbero dovuti essere spediti fuori regione per via della insufficiente capienza degli impianti. Adesso ci ritroviamo a dover risolvere il problema per evitare l'ennesima emergenza rifiuti per strada nel territorio dell'area metropolitana ed ovviamente non si può pensare di scaricare tutti i rifiuti a Bellolampo senza alcun trattamento in barba alle normative europee e senza neanche l'avallo di ministero e Regione. Nè si puó credere che soluzioni come requisire la discarica allo stato attuale possano essere risolutive. Per queste ragioni abbiamo inoltrato una lettera al prefetto De Miro coinvolgendo l'Assessorato Energie e Rifiuti, il sindaco Orlando, la Rap e le autorità di controllo per chiedere immediatamente la convocazione di un tavolo di emergenza al fine di scongiurare l'ennesimo disastro ambientale e sanitario. Analoghe vicende peraltro si stanno verificando in altre province come quella di Trapani. Siamo in ogni caso soddisfatti del fatto che grazie alla nostra campagna di pressione, - sottolineano Mannino, Corrao e Trizzino – si siano sbloccati i fondi per i lavori di miglioramento dell'impianto TMB che erano stati bloccati in Assessorato senza alcun valido motivo. Abbiamo inoltre invitato la Rap a presentare un proprio progetto per la realizzazione dell'ampliamento dell'impianto TMB il cui finanziamento di 30 milioni ci è stato garantito dall'Assessorato. Riteniamo inoltre assolutamente inutile e dannoso perseguire il progetto di realizzare un impianto per la produzione di CSS (combustibile solido secondario) e come parlamentari e rappresentanti del Movimento Cinque Stelle riteniamo prioritario e strategico cogliere l’occasione di questo finanziamento per completare l’impiantistica presente a Bellolampo puntando sulle capacità di trattamento, di biostabilizzazione e di compostaggio dei rifiuti – concludono - anche nell’ottica della dimensione metropolitana e, soprattutto, sul recupero delle frazioni plastiche e di altre frazioni riciclabili tramite adeguati impianti di selezione”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI