Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 20 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:710 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1432 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:957 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1660 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2410 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1925 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1914 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1866 Crotone

Città dei ragazzi. Festa conclusiva di "Sport e Giochi dei paesi tuoi"

2015-09-12 12.15.21

Il sindaco Leoluca Orlando, insieme all'assessore alla Cittadinanza sociale, Agnese Ciulla, ha partecipato questa mattina alla festa conclusiva di “Sport e Giochi dei paesi tuoi. L’integrazione culturale e sociale attraverso lo sport e i giochi popolari’’, la manifestazione che nei giorni scorsi si è tenuta alla Città dei ragazzi. L’iniziativa è stata  organizzata dalla A.S.D. La Madonnitta onlus ed era inserita nell’ambito del programma dell’Università degli studi di Palermo per la promozione delle attività di volontariato e di solidarietà, con il patrocinio del Comune di Palermo – Assessorato Cittadinanza Sociale, con l’adesione della Consulta comunale delle culture e con la collaborazione della FIGeST Palermo.

Protagonisti della manifestazione settanta minori, alcuni appartenenti alle varie etnie presenti a Palermo, iscritti attraverso la Consulta delle culture (tamil, filippini, mauriziani, nigeriani e altri), altri ospiti delle comunità alloggio cittadine. Tutti insieme questa mattina hanno dato vita alla sfilata conclusiva, al passo con i vari inni e sventolando le bandiere nazionali.

"Il mio apprezzamento per questa splendida manifestazione interculturale - ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando - va a tutti coloro che, con il loro impegno e un enorme entusiasmo, l'hanno resa possibile. Quando si coalizzano le forze pubbliche e quelle private, il risultato non può che essere un successo. Il mio grazie - ha concluso il primo cittadino - va all'associazione che l'ha promossa, all'Area sociale, a quella del Verde, a Reset, a Figest e alla Consulta delle culture, che ha fortemente voluto questa iniziativa. Ma soprattutto va a loro, questi bambini che, semplicemente giocando, hanno abbattuto i muri del pregiudizio e ci hanno ricordato perchè Palermo è la capitale europea della solidarietà e dell'accoglienza".

"Veder giocare insieme bambini palermitani, tamil, nigeriani e mauriziani - ha dichiarato l'assessore Ciulla  - ci ha riempito di emozione e dimostra come l'utilizzo dello sport e del gioco, come strumenti di integrazione e tolleranza reciproca, sia sempre una carta vincente. L'alto contenuto educativo, valoriale e formativo di questa manifestazione - ha aggiunto - promuove in questi ragazzi un nuovo modo di pensare e di orientare il comportamento, che si fonda sul rispetto delle regole, sulle pari opportunità di accesso allo sport, sul rifiuto della violenza fisica e verbale e di ogni discriminazione e slealtà sportiva".

Alla manifestazione hanno preso parte anche i rappresentanti della Consulta delle Culture, che hanno consegnato al sindaco Orlando una targa di apprezzamento, donata dal Consolato della Repubblica delle Filippine a Palermo e dalla Philippine Don Bosco Association.

"Lo sport può costituire un importante mezzo di integrazione e di costruzione del senso di comunità - ha dichiarato il presidente della Consulta delle culture, Adham Darawsha-. Il suo linguaggio universale, infatti, semplifica la comunicazione e aiuta a promuovere in questi ragazzi il senso di responsabilità, il rispetto, lo spirito di gruppo, e soprattutto la tolleranza, fattore sempre più importante in contesti multietnici come Palermo".

I giochi e gli sport che si sono alternati nel corso di questi giorni, sono stati quelli tradizionali e di strada, come le piastrelle, il lancio del ferro di cavallo, il tiro alla fune, la lippa, la campana, la corsa coi sacchi, corsa con le biglie, acchiana u patri cu tutti i so figghi, scacchi e cricket (é stata montata una scacchiera gigante). A questi, si sono aggiunti quelli proposti dalle varie comunità. Per le discipline sportive a squadre, tuttavia, non si sono formate equipe nazionali, ma ogni squadra era composta da giovani atleti di varie nazionalità ed etnie, in maniera tale da favorire lo scambio culturale e la socializzazione tra ragazzi di culture differenti.

2015-09-12 12.13.49

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI