Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 18 Aprile 2021

Presentate la settimana di Palermo educativa e Palermo apre le porte

Si è svolta questa mattina la conferenza stampa di presentazione della fase conclusiva (del "Saper essere") del Festival delle Città educative, che si terrà ai Cantieri culturali della Zisa dal 2 al 7 marzo, e della XXI edizione di "Palermo apre le porte. La Scuola adotta un monumento” che si avvierà la settimana successiva.

All'incontro con i giornalisti, oggi, erano presenti il sindaco, Leoluca Orlando, l’assessora comunale alla Scuola, Barbara Evola, il garante per i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Pasquale D’Andrea, il direttore del CeSVoP, Alberto Giampino e i rappresentanti del mondo della scuola, dell’università e del privato sociale che fanno parte del Comitato scientifico del Festival.

“Questo percorso è il frutto di un importante impegno congiunto fra diversi rami dell’amministrazione e della società civile cittadina – ha dichiarato il Sindaco Leoluca Orlando -. E’ la conferma dell’attenzione dell’amministrazione comunale e di tutta la città sulla centralità dei bambini e delle bambine, cittadini di oggi e non soltanto di domani, e chiamati a svolgere essi stessi oggi un ruolo protagonista in una città che si fa città educativa senza recinti specialistici o barriere generazionali e sociali”.

Subito dopo l’inaugurazione della settimana educativa, che si terrà il 2 marzo alle 15,30 e che vedrà la partecipazione, fra gli altri, del Sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, allo Spazio Tre Navate verranno aperti gli spazi espositivi di oltre 80 realtà sociali, fra istituzioni pubbliche e private, scuole, organizzazioni del Terzo settore e volontariato. Nello Spazio Perriera prenderà il via il laboratorio per ragazzi “Città in tasca”, per i più piccoli che verranno seguiti da una trentina di studenti o laureati in scienze dell’educazione che hanno aderito alla proposta di volontariato educativo lanciata dal Festival.

La Polizia di Stato, i Carabinieri (sabato pomeriggio arriva anche la loro Fanfara), la Guardia di Finanza, la Polizia Municipale, i Vigili del Fuoco e il Dipartimento regionale di Protezione civile saranno presenti nello Spazio Sicurezza con mezzi, unità cinofile e robot anti-sabotaggio. Mentre Enel, Rap, Codifas, l’Ordine degli Agrononi terranno nello Spazio Ambiente  laboratori, filmati e momenti informativi. Alla Botteghe, inoltre, nei pressi del Cinema De Seta, ci saranno una miriade di laboratori per tutte le età. E poi, tante dimostrazioni e attività ludico-sportive, momenti culturali, video, teatro, narrazioni, presentazioni di libri e incontri interetnici.

“Il processo di attenzione all’infanzia e all’adolescenza avviato dall’Amministrazione comunale - ha detto l'assessora alla scuola Barbara Evola - ha avuto un grande passo in avanti con la nomina del Garante per l’infanzia e l’adolescenza, primo in Sicilia, e fra i primi in Italia. Con questo evento siamo ad un altro importantissimo passo: un’iniziativa - ha concluso - che coinvolge tutta la città nella sua complessità, per condividere obiettivi e percorsi che possano ricostruire il tessuto lacero della nostra comunità e ripensare Palermo come città educativa a tutti i livelli”.

La Settimana conclusiva del Festival di Palermo Educativa passerà alla fine il testimone a “Palermo apre le porte. La Scuola adotta un monumento” che si avvierà la settimana successiva.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI