Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 29 Novembre 2020

Illustrato il disegno di legge sulla trasparenza

E' stato illustrato stamattina, nel corso di una conferenza stampa a palazzo d'Orleans, il disegno di legge sulla trasparenza e semplificazione della pubblica amministrazione, approvato mercoledi' scorso all'unanimita' dall'assemblea regionale siciliana. All'incontro erano presenti il presidente della Regione, Raffaele Lombardo e gli assessori per le Autonomie locali e la Funzione pubblica, Caterina Chinnici, per l'Economia, Gaetano Armao e per le Attivita' produttive, Marco Venturi.

Il disegno di legge, presentato dall'assessore per le Autonomie Locali e la Funzione Pubblica, Caterina Chinnici, si inserisce nell'ambito dell'attivita' di riforma dell'amministrazione regionale, che ha gia' portato, dal primo gennaio dell'anno scorso, a una riorganizzazione dei 12 assessorati e dei 28 dipartimenti, in maniera piu' razionale e uniforme.

Il disegno di legge, costituito da 23 articoli, introduce un piu' moderno sistema di regole concernenti il procedimento amministrativo che, ponendo il cittadino al centro dell'azione pubblica, allo stesso tempo, consente alla Regione di promuovere nuove e piu' ricche opportunita' di crescita civile, economica e culturale della societa' siciliana. L'obiettivo e' lo snellimento e la modernizzazione dell'apparato burocratico regionale, per accrescere efficienza e competitivita'.

 

I capisaldi della legge

La legge sulla "Trasparenza e semplificazione della pubblica amministrazione…" approvata dall'Ars all'unanimita' il 23 marzo scorso contiene disposizioni finalizzate a innovare l'apparato burocratico regionale sotto molteplici profili e, segnatamente, in materia di procedimento amministrativo, digitalizzazione della pubblica amministrazione regionale, segnalazione certificata di inizio attivita' (SCIA), sportello unico per le attivita' produttive (SUAP), misurazione della performance e criteri di premialita', trasparenza della pubblica amministrazione, "Codice antimafia e anticorruzione", semplificazione normativa e procedimentale, semplificazione dell'iter procedimentale per il rilascio della concessione edilizia.

Si tratta di disposizioni che seguono le linee evolutive della legislazione statale nell'ottica della tempestivita', trasparenza, efficienza ed economicita' dell'azione amministrativa e con l'obiettivo specifico di incrementare lo sviluppo economico, garantire la competitivita' e contrastare i fenomeni di criminalita' e corruzione. Questi i capisaldi della legge.

Procedimento amministrativo. La legge regionale n.10 del 1991 e' stata profondamente rivisitata e aggiornata. Le principali modifiche introdotte consistono nella diversa regolamentazione dei tempi di conclusione del procedimento, nel recepimento della normativa statale in tema di conferenza di servizi, nella digitalizzazione della Pubblica amministrazione regionale attraverso l'attuazione delle disposizioni del Codice dell'Amministrazione digitale (CAD) e nell'introduzione del nuovo istituto della segnalazione certificata di inizio attivita' (SCIA). La disciplina amplia i livelli di tutela del cittadino attraverso: la previsione di termini massimi di conclusione dei singoli procedimenti; l'introduzione di forme di responsabilita' disciplinare, amministrativa e dirigenziale nei confronti dei funzionari inadempienti rispetto ai termini procedimentali; l'obbligo del risarcimento del danno da parte della pubblica amministrazione in ipotesi di inosser vanza dolosa o colposa dei termini stessi.

Le singole amministrazioni dovranno (nel termine di sei mesi dall'entrata in vigore della legge) procedere a un completo riesame dei procedimenti di rispettiva competenza per individuare i tempi di conclusione degli stessi (non superiori a 60 giorni o, solo per procedure di particolare delicatezza o maggiore complessita', non superiori a 150 giorni). In caso di inerzia da parte delle competenti amministrazioni, i relativi procedimenti dovranno concludersi nel piu' breve termine di 30 giorni.

La nuova disciplina in tema di SCIA consente l'avvio dell'attivita' oggetto di segnalazione certificata dalla data della sua presentazione all'amministrazione competente. Quest'ultima provvedera' a esercitare i necessari controlli in ordine alla conformita' dell'attivita' ai requisiti prescritti dalla legge, nei 60 giorni successivi all'inizio della stessa. L'avvio immediato dell'attivita' non e' consentito qualora sussistano vincoli ambientali, paesaggistici o culturali. Si tratta di uno strumento finalizzato a semplificare i rapporti tra pubblica amministrazione, da un lato, e cittadini e imprese, dall'altro, essenziale per incentivare lo sviluppo economico della Regione.

Tra le ulteriori novita' apportate alla legge regionale 10/91 si segnala, infine, la disciplina in tema di silenzio assenso, conferenza di servizi e accesso alla documentazione amministrativa in relazione alla quale si e' ritenuto opportuno il rinvio dinamico alla legge 241/90 adeguando, solo ove necessario, gli istituti recepiti all'ordinamento regionale.

Sportello Unico per le Attivita' produttive. Allo scopo di implementare l'avvio di nuove attivita' imprenditoriali e accrescere la capacita' di attrazione da parte della Regione di nuovi investimenti economici, la legge provvede a innovare la disciplina del SUAP, adeguando la normativa contenuta nella legge regionale 10/2000 alle nuove disposizioni introdotte a livello nazionale dall'art. 38 del D.L. 112/2008 e dal D.P.R 160/2010. Tra le principali novita' mutuate dalla normativa statale si segnala l'individuazione del SUAP, quale unico soggetto pubblico di riferimento territoriale e unico responsabile per tutti i procedimenti che abbiano a oggetto l'esercizio di attivita' produttive.

Il SUAP e' tenuto a dialogare in modalita' esclusivamente telematica sia con l'utente che con le altre amministrazioni coinvolte nel procedimento. Per quanto attiene alle procedure amministrative di competenza dei SUAP la legge rinvia al nuovo regolamento statale che prevede due differenti iter procedimentali. Un procedimento semplificato attivabile tramite segnalazione certificata di inizio attivita' (SCIA); un altro, ordinario, che si conclude o nel breve termine di 30 giorni ovvero mediante convocazione di apposita conferenza di servizi. Con decreto dell'assessore per le Attivita' produttive verra' individuata la modulistica unificata e standard per tutte le amministrazioni coinvolte.

Misurazione della performance, trasparenza e innovazione tecnologica. La legge procede al recepimento dei criteri e principi introdotti dal c.d. decreto Brunetta per ottenere il miglioramento degli standard qualitativi ed economici dei servizi offerti, nonche' la crescita professionale del personale attraverso l'utilizzo di strumenti di valorizzazione del merito e di metodi di incentivazione della produttivita'. Viene, inoltre, data ampia attuazione al principio di trasparenza della pubblica amministrazione mediante l'utilizzo dei siti informatici per la diffusione dei dati relativi ai bilanci, alla spesa per il personale, ai curricula dei soggetti esterni con incarichi di consulenza.

Sempre sui siti dovranno essere diffusi i moduli e i formulari per la presentazione di istanze da parte del cittadino, per facilitare il dialogo tra quest'ultimo e i pubblici uffici.

Infine, si prevede la riduzione degli sprechi connessi all'utilizzo di strumenti cartacei, con conseguente pubblicazione degli atti amministrativi sui siti internet; la diffusione delle buone pratiche amministrative.

Codice antimafia e anticorruzione. Di grande rilievo e' il recepimento del "Codice antimafia e anticorruzione" noto come "Codice Vigna", adottato dalla Giunta regionale con delibera n. 514/2009, il cui scopo e' quello di contrastare il rischio di diffusione della corruzione ed infiltrazioni di tipo mafioso all'interno delle pubbliche amministrazioni.

Riordino e semplificazione normativa e dei procedimenti amministrativi. Sul punto la legge persegue l'obiettivo della certezza del diritto attraverso l'impegno della Giunta di Governo a effettuare un riordino normativo e un'attivita' di coordinamento tra le leggi regionali utilizzando lo strumento di una legge annuale sulla semplificazione. A tal fine sono espressamente individuati i criteri essenziali cui deve uniformarsi il suddetto testo. Altro rilevante strumento di semplificazione amministrativa e' costituito dall'introduzione della delegificazione dei procedimenti amministrativi cui si potra' pervenire tramite regolamenti da adottarsi con decreto presidenziale entro sei mesi dall'emanazione dell'apposita legge delega.

Manuale d'immagine coordinata della Regione. Per la prima volta, la Regione siciliana, con l'obiettivo di assicurare un'immagine coordinata, univoca e trasparente della sua organizzazione, all'interno e all'esterno dell'amministrazione, si dotera' di un manuale con le norme e i criteri fondamentali per il rispetto, il corretto e uniforme utilizzo del proprio stemma. Il manuale di immagine coordinata, che dovra' essere varato entro 6 mesi dall'entrata in vigore della legge, regola in modo organico e vincolante l'uso degli strumenti di comunicazione, dal logo all'impostazione grafica di carta intestata, buste da lettera, biglietti da visita, cover fax, etc.

Il manuale deve interpretare e rappresentare la Regione comunicandola in modo efficace e immediatamente riconoscibile ai destinatari, oltre a dare un'impostazione grafica coordinata anche ad altri strumenti di comunicazione quali manifesti, sito internet, newsletter, cartellonistica. L'identita' visiva della nostra Regione puo' essere uno strumento per il consolidamento di un corretto rapporto con il contesto esterno, perche' gia' a partire dall'immagine offerta possono essere comunicati stile, affidabilita', indirizzi di sviluppo e capacita' innovativa.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI