Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 28 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:993 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1547 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1069 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1771 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2532 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:2034 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:2025 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1976 Crotone

Fiat, “si a garanzie esodati, ma restano incertezze su piano e ammortizzatori per l'indotto”

“Abbiamo avuto la garanzia per i 640 lavoratori Fiat da avviare alla pensione del loro inserimento nel secondo decreto sugli esodati, che entro 60 giorni deve essere tradotto in legge, ma restano ancora le incertezze sugli ammortizzatori per i circa 500 lavoratori dell'indotto e sul piano di reindustrializzazione del sito di Termini Imerese”. Ad affermarlo sono Mimmo Milazzo Segretario Cisl Palermo e Giovanni Scavuzzo Fim Palermo commentando l'esito del tavolo che si è tenuto oggi a Roma sul futuro del sito di Termini Imerese nel dopo Fiat. “L'inserimento dei 640 nel decreto sui 55 mila esodati – continuano – garantisce anche agli altri lavoratori ex Fiat il secondo anno di cassa integrazione ma chiaramente non ci basta, abbiamo chiesto lo stesso trattamento per i lavoratori dell'indotto, e su questo punto la Regione siciliana convocherà il Ministero allo Sviluppo Economico e del Lavoro per trovare insieme una soluzione . E' chiaro che non accetteremo ipotesi diverse da quella della loro tutela anche per il secondo anno”. Sulla reindustrializzazione di Termini, aggiungono i due Segretari “è chiaro ormai che Dr Motor non ha più il diritto di prelazione sulla fabbrica, resta comunque una delle ipotesi, anche se il Ministero ha incontrato nei giorni scorsi la casa automobilistica cinese Chery alla quale ha chiesto un impegno diretto economico e industriale nell'investimento di Termini”.  E concludono “il tavolo tecnico si riunirà entro i primi quindici giorni di settembre quando avremo la certezza del testo del decreto sugli esodati diventato legge, ma è chiaro che ci aspettiamo risposte definitive sul piano quanto prima, le famiglie degli operai di Termini non possono più attendere”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI