Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 04 Giugno 2020

Isola Capo Rizzuto - La r…

Giu 01, 2020 Hits:151 Crotone

Zero contagi a Crotone, P…

Mag 27, 2020 Hits:279 Crotone

La Lega di Crotone unita …

Mag 25, 2020 Hits:368 Crotone

Lega Giovani: La mafia pu…

Mag 23, 2020 Hits:415 Crotone

Isola Capo Rizzuto - Gior…

Mag 23, 2020 Hits:409 Crotone

Tre anni fa il gemellaggi…

Mag 19, 2020 Hits:569 Crotone

Antica Kroton, la Lega in…

Mag 16, 2020 Hits:596 Crotone

Crotone in fiore

Mag 05, 2020 Hits:776 Crotone

Fra tragedia e commedia, a Milazzo il teatro greco si racconta sulla terracotta

Cratere a figure rosse siceliota da Lipari. Scena tragedia perduta di Sofocle, Le donne di Colchide, LGT

 

Il teatro greco, le grandi stagioni dell’età classica e del primo ellenismo, i personaggi del mito raccontati nelle tragedie di Eschilo, Sofocle ed Euripide o nelle commedie di Aristofane e Menandro. Sono i temi della mostra Figurazioni Teatrali. Il teatro greco fra letteratura e archeologia in programma nell’Antiquarium Archeologico delle Casermette Spagnole dal 16 aprile fino a domenica 20 maggio 2012. L’esposizione, che rientra tra gli eventi della XIV Settimana della Cultura, è organizzata dal Parco Archeologico delle Isole Eolie e delle Aree Archeologiche di Milazzo, Lipari e dei Comuni limitrofi diretto da Umberto Spigo in collaborazione con la Soprintendenza ai  Beni Culturali di Messina che ha concesso in prestito alcuni dei pezzi esposti. Ideazione e coordinamento scientifico a cura dell’archeologo Pietro Coppolino in servizio presso il  Parco.

S’inaugura alle ore 18 di lunedì e per la Settimana della Cultura sono previste aperture serali straordinarie. Lunedì 16 aprile fino alle 22. Sabato 21 dalle 22 fino alla mezzanotte, domenica 22 dalle 17 alle 20 e dalle 22 alle 23.30. Ingresso libero.

In mostra una ricca collezione di terrecotte e ceramica figurata di soggetto teatrale del IV e degli inizi del III secolo a.C. proveniente da scavi realizzati nelle Eolie, nell’area dello Stretto di Messina e sui Nebrodi Orientali. Reperti in prestito dal Museo Archeologico Regionale “Luigi Bernabò Brea” di Lipari, da Messina, da Tindari e dalla necropoli di Abakainon, l’odierno Comune di Tripi.

“Proveremo a raccontare – spiega il direttore Umberto Spigo - le grandi stagioni del teatro greco attraverso queste terrecotte e i personaggi raffigurati. Uno stimolo ad approfondire, a leggere e rileggere i grandi autori del passato. A cogliere la perenne attualità di tragedie antiche, ma anche le riflessioni ilari e amare della satira di allora che parodiava la borghesia ateniese del V secolo a.C.”

Fra i reperti più preziosi, oltre alla ricchissima collezione di terracotte teatrali della necropoli di  Lipari, due splendidi crateri figurati di fabbrica siceliota da Lipari e Messina, con episodi e personaggi di due perdute tragedie di Sofocle (“Le donne di Colchide”, dove Medea s’innamora di Giasone), ed Euripide (“Alcmena”) e con una scena identificata con la commedia di AristofaneEcclesiazusai” (“Le donne al Parlamento”); alcuni modelli di maschere della tragedia e della commedia e due rare miniature in piombo (forse pesi) di maschere comiche ritrovate in una tomba di Abakainon.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI