Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 10 Luglio 2020

Taormina - I Nastri d'argento ricordano la tragedia di Giampilieri

In occasione dei Nastri d'Argento sará ricordata la tragedia di Giampilieri: domani alle 16,30 nella Sala Verdi del quarto piano del Palacongressi la proiezione del film "Caldo grigio caldo nero" di Marco Dentici, prodotto da Entr'acte e Diva srl e presentato alla 68esima Mostra del cinema di Venezia.
La pellicola é una docu-fiction di denuncia, un grido d'allarme, una voce di speranza, ma anche di ricordo per le tante vittime dell'alluvione, che nell'ottobre del 2009 coinvolse anche Scaletta, Altolia, Briga, contrada Torre, Itala, Molino, Pezzolo, Ponte Schiavo e Santa Margherita.
“Caldo grigio caldo nero è un tentativo di ridare dignità alle comunità ferite – spiega il regista Dentici, originario di Galati Marina - alle persone balzate con la loro morte all’effimera notorietà, così come i loro semisconosciuti paesi. Per il diritto delle nuove generazioni ad avere un futuro normale”. Girato nell’arco di un anno e mezzo e prodotto da Anna Maria Mazzaglia Miceli, Romolo Biondi e Dentici, si avvale della partecipazione amichevole di Maria Grazia Cucinotta, Nino Frassica e Ninni Bruschetta, di attori per la prima volta sullo schermo come Valentina Vitale, Filippo De Luca e Domenico De Francesco di riprese effettuate con telecamere professionali, telefoni cellulari e videocamere amatoriali: uno stile asciutto per una vicenda che va ben oltre la cronaca, fatta di segmenti di storie tracciati dagli occhi di un disperso senza nome. O dagli occhi di chi riavvolge il nastro della propria esistenza; e parlarne con la voce dei ricordi per non dimenticare.

“È la mia terra che mi chiama e io rispondo… - ha commentato la Cucinotta - rispondo con la mia voce, insieme a quelle di altri colleghi, per dare forza ad un messaggio importante. Un progetto che racconta la tragedia, la denuncia, ma anche la speranza di coloro che lottano affinché ciò non accada più”. Il film ha giá ottenuto un riconoscimento al Teatro Politeama, in occasione di un evento promosso dalla Presidenza della Regione Siciliana e dalla Protezione Civile regionale e attende il risultato del bando regionale per il cinema, per essere arricchito di circa 15 minuti e definitivamente pronto per la distribuzione.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI