Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 16 Luglio 2019

Crisi e professioni: «lo Stato si affidi alle competenze tecniche»

Di professioni liberalizzate e funzioni sussidiarie per lo Stato, si è parlato questa mattina nel corso della seconda e ultima giornata del convegno nazionale dei Commercialisti, ospitato al Teatro Metropolitan di Catania, promosso in sinergia dal Consiglio nazionale e dall’Ordine etneo. Un dibattito approfondito e costruttivo è stato al centro della tavola rotonda introdotta da Gian Paolo Prandstraller dell’Università di Bologna e moderata dal giornalista del Corriere della Sera Isidoro Trovato: tra gli interventi, anche quello del vicepresidente del Consiglio nazionale Francesco Distefano che, a proposito dell’ormai prossima riforma sulle professioni, ha lanciato il monito di «non privare gli Ordini degli strumenti per svolgere la tutela delle fede pubblica. Riforma sì – ha affermato - a condizione che si rispettino i giusti presupposti per creare un corretto clima di convivenza». In altre parole, garantire il ruolo chiave che ad oggi gli Ordini svolgono in ambiti come l’accesso alla professione, la formazione, i procedimenti disciplinari.

Il convegno è stato dunque una preziosa occasione per portare avanti proposte, in vista dell’attuazione del prossimo 13 agosto: ad intervenire anche il vicepresidente dell'Odcec di Catania Roberto Cunsolo che, manifestando un atteggiamento favorevole alla riforma, si è soffermato sulla necessità di rivedere alcuni punti: «La riduzione del tirocinio a 18 mesi – ha commentato – crea anche un problema di incompatibilità con quello per i revisori legali, la cui normativa prevede ancora un tirocinio di 36 mesi. Quanto alla pubblicità, si faccia, purché i commercialisti si presentino sul mercato con una forma che rispetti il codice etico e deontologico». Di etica e deontologia ha anche parlato il consigliere etneo Maurizio Stella che ha ribadito la necessità che «gli Ordini riaffermino il loro ruolo di centralità, rafforzando e infondendo il senso di appartenenza, creando aggregazione tra gli iscritti e facendo da collante con le Istituzioni, quale organo supervisore e modello di riferimento».

Non si è fatto attendere il commento della senatrice Anna Finocchiaro a proposito delle funzioni sussidiarie per lo Stato assolte dai professionisti: «Se mettiamo in mani professionali le funzioni pubbliche – ha sottolineato - allora saremo moderni e potremo avviare processi più competitivi. Dopotutto le professioni rappresentano una fetta importante della classe dirigente italiana».

 

Allora come superare la crisi? «Lo Stato deve appoggiarsi ai professionisti – ha concluso Claudio Siciliotti, presidente del Consiglio nazionale dei Commercialisti – l’unico modo per affrontare questo momento di empasse è affidarsi alle nostre competenze tecniche». E gli Ordini, come quello etneo guidato da Margherita Poselli, «possono e devono fare la loro parte, con il supporto e la giusta valorizzazione da parte della compagine pubblica e grazie agli interventi del presidente e del Consiglio nazionale. L’impegno di questa riforma è rafforzare la dignità della nostra professione», ha concluso.

 

Hanno preso parte alla tavola rotonda anche: marina Calderone (presidente Comitato unitario permanente), Giancarlo Laurini (presidente Consiglio naioznale del notariato), e Concetto Costa (ordinario Diritto Commerciale, Università Catania) che ha analizzato e messo in luce spunti critici sulle società tra professionisti.

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI