Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 16 Aprile 2021

Fiumefreddo di Sicilia - Le continue soppressioni e i relativi disservizi da parte di Trenitalia in Sicilia

Riteniamo doveroso segnalare all’autorità competente di voler intervenire a tutela del cittadino-utente affinché una volta per tutte si faccia luce su queste continue soppressioni e faccia rispettare a Trenitalia quelle condizioni di trasporto che ha sottoscritto nel Contratto di Servizio con il Ministero del Tesoro e dell’Economia. Non è possibile che Trenitalia in Sicilia sia controllore di se stessa, è opportuno che la politica siciliana intervenga a tutela ed a salvaguardia del cittadino-siciliano-utente e del trasporto pubblico ferroviario. Queste continue soppressioni, da parte di Trenitalia, ci penalizzano  molto,  e stanno creato enormi disagi e scompiglio nell’attività lavorativa di molti pendolari siciliani. Considerato che, Trenitalia è un’azienda di diritto privato ma appartenente, di fatto, al Pubblico, con una forma giuridica che impone, il rispetto di parametri di efficienza e di efficacia e che la sua mission è quella di erogare un servizio sociale ai cittadini. In considerazione di ciò, riteniamo tutto questo inaccettabile da parte di Trenitalia, mentre incomprensibile è, invece, il silenzio del Dipartimento dei Trasporti della Regione Siciliana sui  disservizi/disagi di questi ultimi mesi subiti da migliaia di Siciliani e sul tanto atteso Contratto di Servizio.

Nella giornata odierna Trenitalia ha cancellato i primi treni del mattino lasciando allo sbando migliaia di pendolari sulla relazione Siracusa-Catania-Messina e viceversa.

Questi i treni soppressi:

regionale 12866   delle ore 5.10       da Catania per Messina;

regionale 12868   delle ore 5.48       da Catania per Messina;

regionale 12757   delle ore 5.57       da Messina per S.Agata Militello;

regionale 8578     delle ore 6.00       da Catania per Fiumefreddo;

regionale 12805   delle ore 6.08       da Catania per Caltagirone;

regionale 8577     delle ore 6.48       da Fiumefreddo per Bicocca;

regionale 8579     delle ore 7.12       da Taormina per Catania;

regionale 12874   delle ore 8.00       da S.Agata Militello per Messina;

regionale 12806   delle ore 8.02       da Caltagirone per Catania;

regionale 8582     delle ore 13.20     da Catania per Giarre;

Questi i treni in ritardo:

regionale 3866     delle ore 5.05       da Siracusa per Messina con 74 minuti di ritardo;

regionale 8575     delle ore 5.20       da Taormina per Siracusa con 48 minuti di ritardo;

regionale 3865     delle ore 5.20       da Messina per Siracusa con 29 minuti di ritardo;

regionale 12865   delle ore 5.50       da Messina per Catania con 20 minuti di ritardo;

regionale 8580     delle ore 6.05       da Siracusa per Taormina con 40 minuti di ritardo;

regionale 12867   delle ore 6.45       da Messina per Catania con 5 minuti di ritardo;

regionale 12870   delle ore 6.45       da Catania per Messina con 60 minuti di ritardo;

regionale 3868     delle ore 6.30       da Siracusa per Messina con 31 minuti di ritardo;

regionale 12869   delle ore 8.00       da Messina per Catania con 20 minuti di ritardo;

regionale 8581     delle ore 8.32       da Taormina per Catania con 32 minuti di ritardo;

regionale 12871   delle ore 9.40       da Messina per Catania con 18 minuti di ritardo;

regionale 3870     delle ore 8.45  da Siracusa per Messina partito da Catania con 15 minuti di ritardo è stranamente arrivato a Messina con 12 minuti di anticipo;

regionale 8572     delle ore 13.00     da Siracusa per Catania con 10 minuti di ritardo;

 

Giosue Malaponti – Coordinatore Comitato Pendolari Siciliani

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI