Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 20 Ottobre 2021

Raccolta differenziata, uscire dal fallimento passato

E’ sacrosanto  e giusto che chi con senso civico e impegno giornaliero si adopera a non conferire i proprio “preziosi” rifiuti alla discarica ma, anche se ancora del tutto precaria,  raccolta differenziata  sia non solo premiato ma nel rispetto della legge  e del buonsenso, deve avere il diritto di pagare minore tassa sui rifiuti. Una raccolta differenziata fatta di contenitori e campane

( messi spesso sopra i più che martoriati marciapiedi)  come ci ha dimostrato la loro breve storia non faranno ovviamente crescere di una sola virgola la quantità di rifiuti differenziati  che verranno raccolti restando, come nostra eterna condanna, agli ultimi posti della classifica nazionale. La stessa legge non lascia alcun dubbio di sorta: la raccolta differenziata deve essere esercitata in modo capillare e prevalentemente con la  tecnica del   “ porta a porta”, oltre all’esplicito obbligo di arrivare entro il 2015 al 65% dei rifiuti complessivi. Questo, come dovrebbero sapere in primo luogo i Sindaci, se non verrà rispettato indurrà l’unione Europea  ad emettere una forte ennesima  multa  nei confronti dei Comuni con il conseguente aumento ( altro che diminuzione) della tassa sui rifiuti a danno di tutti. Dobbiamo pure dire che vi sono degli aspetti della raccolta differenziata che oramai  da tempo non invogliano il cittadino a mettere in pratica la raccolta stessa, ovvero la separazione dei rifiuti e il loro conferimento negli appositi contenitori sta non solo nella quasi totale mancanza di una adeguata informazione ma, soprattutto,  nella  poca fiducia da parte del cittadino sulla fine che faranno i rifiuti differenziati ( carta, lattine, vetro, plastica, umido etc)  ovvero se essi faranno la stessa fine degli altri rifiuti  trasferiti nelle discariche, o se realmente verranno trasformati  in nuovi oggetti o nuovi materiali.

E, purtroppo, su tali ambigui aspetti sia i Comuni che quelle  aziende che si occupano della raccolta differenziata, non hanno dato ad oggi le richieste e dovute garanzie, affinchè tali dubbi fossero definitivamente debellati ridando così fiducia ad ogni cittadino.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI