Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 08 Luglio 2020

Gravina di Catania - Rifiuti: con il ‘porta a porta’ già risparmiati 20.000 euro al mese nel 2012

“I risultati conseguiti nel Comune di Gravina di Catania grazie alla raccolta differenziata ‘porta a porta’, con il progetto Obiettivo 65%, sono già di tutto rispetto. In una fase in cui è coinvolto solo il Centro storico è stata infatti registrata una diminuzione dei rifiuti conferiti in discarica da 900 tonnellate al mese, nel corso del 2011, a meno di 700 tonnellate nello scorso mese di febbraio. A seguito di tali risultati il risparmio economico per il minore conferimento in discarica si è quindi attestato a poco più di 20.000 euro al mese e tutto lascia pensare che nel prossimo futuro potrà incrementarsi”. Sono questi i numeri snocciolati dal responsabile tecnico della Simeto Ambiente SpA, Carmelo Caruso, nel corso della conferenza dei servizi convocata a Palazzo di Città dal sindaco gravinese Domenico Rapisarda. Una riunione voluta dal primo cittadino per fare il punto sui molti e variegati aspetti che derivano dalle nuove modalità di raccolta dei rifiuti. La convocazione del tavolo tecnico è infatti servita a mettere a fuoco le cose che ancora non vanno, prospettandone   le soluzioni. In primo luogo per combattere il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti. “Un comportamento – ha messo subito in chiaro il sindaco Rapisarda - che ci preoccupa e indigna, soprattutto per lo stato di palese degrado in cui versano le vie del centro storico dove, nello scorso mese di febbraio, è stato avviato il programma di raccolta differenziata ‘porta a porta’. Debbo rilevare   che nelle zone in cui tale servizio è iniziato già dallo scorso anno vi è stata una pronta risposta da parte dell’utenza che, dopo qualche settimana fisiologicamente necessaria per assimilare le nuove modalità di conferimento, oggi presenta un livello di adesione davvero ottimale. Mi preoccupano invece – ha aggiunto Rapisarda - le rimanenti zone del Centro storico gravinese, dove si manifesta una scarsa adesione da parte dell’utenza che, spariti i cassonetti usati abitualmente, continuano a deporre in maniera indistinta i propri rifiuti negli stessi siti dove prima vi erano i cassonetti, dando un’immagine delle strade comunali assimilabile a tante micro discariche a cielo aperto sparse qua e là”. Ecco quindi le soluzioni. Una, di immediata attuazione, consiste nella disponibilità degli operatori ecologici incaricati del servizio ad effettuare, in questa prima fase e su direttiva dei loro responsabili, e dopo aver completato la raccolta di quanto deposto nelle zone di loro pertinenza secondo programma, un secondo passaggio per la rimozione di quei sacchetti residuali deposti fuori orario. Un’altra soluzione, da attuare a breve, è quella di dotare i condomini di Gravina di due contenitori di raccolta: uno da utilizzare (come da calendario) per il deposito dei rifiuti organici e indifferenziati, l’altro per deporvi i prodotti riciclabili previsti per ciascuna giornata. Il numero dei contenitori sarà commisurato a quello degli utenti, e gli operatori addetti li ritireranno all’interno del condominio stesso. Affrontati pure gli aspetti connessi alla comunicazione, con il riconoscimento ai volontari dell’Associazione A.E.O.P., messi a disposizione dell’Amministrazione dalla Simeto Ambiente, di avere svolto un’ intensa attività divulgativa, ma anche di controllo in stretta collaborazione con il Comando della Polizia Locale. A tal proposito il comandante del corpo di Polizia Locale gravinese, Michele Nicosia, ha confermato di avere già convocato, e sanzionato, gli utenti identificati nel corso degli accertamenti disposti e svolti in collaborazione con i volontari, il cui numero sul territorio gravinese “la Simeto Ambiente – ha detto il responsabile tecnico Caruso - si impegna ad incrementare”. Il Comandante Nicosia ha poi sottolineato i buoni risultati ottenuti anche nella lotta alla cattiva abitudine di quanti lanciano sacchetti di spazzatura dall’auto in movimento, compresi   quelli dei comuni viciniori, con diverse sanzioni anche a carico degli intestatari dei veicoli. Un’attività che, compatibilmente con le risorse economiche dell’Amministrazione, potrebbe essere rafforzata con l’attivazione nei punti più sensibili di un servizio di video sorveglianza, sia fissa che mobile, che consenta l’individuazione dei responsabili di abbandono indiscriminato dei rifiuti. Alla riunione hanno preso parte anche il Maresciallo dei Carabinieri della locale Stazione, Antonino Russo, il rappresentante della GE.SE.NU. SpA, che gestisce il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti a Gravina di Catania, Rosario Ponzo,   e l’assessore all’Igiene ambientale del Comune gravinese Giorgio Fichera.

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI