Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 09 Luglio 2020

Caltagirone - Prg, l'ultimo atto ai futuri amministratori

“L’Amministrazione considera un risultato qualificante della propria attività l’aver portato a uno snodo cruciale,  grazie al concorso del  Consiglio comunale e delle forze sociali, la lunga e complessa procedura di revisione del Prg e ritiene che quest’ultimo delicato passaggio vada fatto con il massimo rigore. Perciò, in considerazione dell’imminenza delle elezioni amministrative,      l’Amministrazione comunale valuta opportuno portare a compimento con accuratezza la fase    istruttoria, consegnando ai futuri amministratori tutti gli elementi per poter compiere l’ultimo atto del processo di revisione dello strumento di pianificazione urbanistica”.
E' quanto dichiarato dal sindaco di Caltagirone Francesco Pignataro sulla revisione del Prg in dirittura d'arrivo. “L'Amministrazione comunale  - spiega il primo cittadino -, nel corso del mandato che volge al termine, ha disposto una proposta di  revisione del Piano regolatore generale basata sui principi di economicità ed ecosostenibilità, elaborata attraverso un’intensa concertazione che ha coinvolto le associazioni di categoria interessate. Si tratta di una proposta seria e innovativa per il metodo e per il merito. Sul piano del metodo perché introduce un sistema premiale per chi investe sul patrimonio edilizio del centro storico e sul risparmio energetico e un sistema di perequazione urbana che consente la realizzazione   dei   servizi   senza   caricare   ulteriori,   pesanti   oneri   di   esproprio  sulle magre finanze comunali. Sul piano del merito perché, ponendosi come obiettivo la ricucitura del tessuto urbano, da un lato prevede infrastrutture leggere e un nuovo sistema di mobilità per alleggerire il traffico, la creazione di polmoni verdi, il riequilibrio delle aree commerciali e del rapporto tra centro e periferie, dall’altro elimina   megaopere   insostenibili   per   le  ristrettezze della finanza  pubblica  e per il loro pesante impatto ambientale.
Nel luglio 2011 – aggiunge Pignataro - un’ampia maggioranza del Consiglio comunale ha approvato questo schema di revisione che, successivamente, la Commissione consiliare competente ha sottoposto a rigoroso esame, formulando proposte e osservazioni che devono ora essere vagliate e organicamente rielaborate dall’Ufficio tecnico”.                          

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI